Menù Notizie

Fiorentina-Inter 1-2, le pagelle: Lukaku last minute. Kouamé batte un colpo

di Pietro Lazzerini
Foto Articolo

Fiorentina-Inter 1-2
Marcatori: 40' Vidal, 57' Kouamé, 119' Lukaku

FIORENTINA

Terracciano 6 - L'intervento disperato su Sanchez si tramuta nell'episodio chiave del primo tempo: il tackle sul cileno sfugge a Massa, ma non al VAR, che interviene e concorre a far assegnare il penalty ai nerazzurri. Sicuro con i piedi su Hakimi poco prima del novantesimo, miracoloso su Lukaku, che lo beffa a tempo scaduto.

Milenkovic 6 - Monta la guardia su Perisic, che nel secondo tempo alza i giri e lo coglie talvolta di sorpresa. Lui però non perde la bussola e sa arrabattarsi.

Quarta 6 - Contraerea solida ed efficace, anche perché l'assenza dall'inizio di Lukaku agevola non poco quel tipo di lavoro. Graziato da Lautaro dopo uno svarione in avvio di ripresa, troppo morbido (e stremato) in chiusura sul gigante belga nell'episodio decisivo del match.

Igor 6,5 - Nemmeno l'onda Hakimi lo scalfisce: il marocchino è arma letale per antonomasia, ma lui, insieme al bastione viola, resiste colpo su colpo.

Caceres 6 - Nel primo tempo Perisic non è particolarmente tagliente nelle sue sortite su quel lato, e lui riesce a contenerlo con discreto agio. In appoggio alla manovra, però, palesa qualche limite. (Dal 53' Venuti 6,5 - Pimpante e subito in partita: ottime risposte per Prandelli).

Bonaventura 6 - Non sembra particolarmente a suo agio in una posizione un po' improvvisata per il forfait dell'ultimo minuto di Borja Valero. Si adegua come può e ci mette tanta volontà, crescendo nel secondo tempo.

Amrabat 6,5 - Il tandem con Bonaventura è ben assortito, come lo sarebbe stato con Borja Valero. Muscoli e sostanza che pareggiano l'estro del partner. E nel confronto con la mediana muscolare dell'Inter non capitola: tutt'altro, si fa valere con grande caparbietà.

Biraghi 6 - Quel piede meriterebbe qualche sortita in più sulla sinistra. Qualche eccesso di zelo, dunque, ma nel complesso è ordinato e sbaglia poco su quel lato.

Castrovilli 7 - Il tackle da ultimo difensore su Lautaro in avvio di gara è la Polaroid della sua smania di spaccare in due la partita dopo l'assenza forzata in campionato. Per lunghi tratti, tuttavia, predica nel deserto. Cresce insieme alla squadra dopo l'intervallo e indica la via con le sue giocate.

Eysseric 4,5 - L'avvio non promette particolarmente bene: fallo tattico un po' precipitoso su Lautaro che gli costa l'ammonizione dopo sei minuti. Non occupa una posizione strategica, ma è limitato in alcune scelte. Prestazione pallidina: non a caso, è il primo a rientrare alla base. (Dal 52' Vlahovic 6 - Tanto parapiglia, anche se non sollecita Handanovic. Ci prova).

Kouamé 7 - Prandelli lo carica alla vigilia e lo schiera al centro dell'attacco in una partita certamente non banale. Lui bascula sul fronte d'attacco senza produrre alcunché, fino alla serpentina che prima induce in errore Massa, corretto poi dall'intervento del VAR. Nel secondo tempo raddrizza il match con una sventola che Handanovic non vede nemmeno partire. (Dal 97' Callejon 6 - Ingresso non indimenticabile, ma si adegua al canovaccio).

Cesare Prandelli 6 - Carattere e tenacia: questa partita, risultato a parte, dimostra che la squadra è viva e crede nel suo tecnico. Per il resto, le lacune da colmare di certo non mancano.

INTER

Handanovic 6: Non compie interventi fino alla metà della ripresa dove si fa trovare pronto su Bonaventura. Sul gol di Kouamé non può assolutamente niente.

Skriniar 5,5: Tanti falli e qualche sbavatura nel primo tempo e modus operandi che si ripete nella ripresa con Conte costretto a cambiarlo per evitare il rischio cartellino rosso. (Dal 61' De Vrij 6: Ordinato e sempre attento anche negli attacchi sporadici ma decisi che porta la Fiorentina in zona Handanovic).

Ranocchia 7: Grande partita del centralone eterna riserva. Poche sbavature e tanti interventi di testa. Autoritario, guida la difesa senza sbavature.

Kolarov 6: Da lui ci si aspetta altra qualità in fase di impostazione. Alla fine merita la sufficienza ma non è il giocatore che Conte sperava potesse fare la differenza.

Young 6: Poco propositivo in avanti anche se fa buona guardia in difesa. Conte lo sostituisce per dare maggiore spinta e un'alternativa per segnare. E ha ragione. (Dal 69' Hakimi 6: Entra in partita come un treno alta velocità. Va vicino al gol e mette in difficoltà la difesa viola. Ha un altro passo rispetto ai compagni anche se nel finale cala di ritmo trascinato al ribasso dai compagni).

Vidal 6,5: Primo gol in maglia nerazzurra per il cileno che si sblocca con un rigore battuto centralmente. E pensare che non doveva nemmeno giocare titolare ma grazie al forfait di Sensi si scrolla di dosso il peso del gol. (Dal 94' Brozovic 6: Entra per dare una mano ad Eriksen nella gestione del pallone ma sembra nervoso e falloso. Alla fine si porta a casa la sufficienza perché nel momento della spinta decisiva è comunque coinvolto nelle azioni più importanti).

Eriksen 6: Non aveva mai giocato 90 minuti in stagione, questa volta ne gioca 120. Da play. Un ruolo che fatica a vestire ma che man a mano è riuscito a fare parzialmente suo. A sprazzi sparisce ma da un suo tiro nasce l'azione del rigore e anche nei supplementari impegna Terracciano con un tiro da fuori. Se non dovesse essere ceduto, potrebbe trovare spazio in questo inedito ruolo.

Gagliardini 6: Partita solida a centrocampo senza colpi di classe o giocate da ricordare ma anche condita da pochi errori. (Dall'81' Barella 7: Entra e l'Inter cambia passo. L'assist al bacio per Lukaku vale il voto alto).

Perisic 6: Torna titolare e non demerita. Quando attacca con decisione è pericoloso, qualche volta però si scorda la decisione e il passo non basta.

Lautaro 5: Sbaglia un'occasione clamorosa a inizio ripresa dopo un primo tempo di sacrificio. Col passare dei minuti si allontana dal gioco e costringe il mister al cambio. (Dal 69' Lukaku 7: Sempre decisivo. Entra nella ripresa e nei supplementari, dopo aver preso le misure su angolo, segna il 2-1 che spinge l'Inter verso il derby contro il Milan in Coppa Italia).

Sanchez 6: Spazia in lungo e in largo ed è molto prezioso anche quando interrompe le azioni avversarie con intercetti in ogni parte del campo. Il suo voto scende di mezzo punto per la clamorosa occasione che si mangia nella ripresa a un metro dalla linea di porta.

Conte 6: Vede i fantasmi di Coppa quando Kouamé segna il pareggio e l'Inter non riesce a trasformare in gol le tante occasioni create. I cambi con la panchina nettamente di maggiore valore rispetto a quella della Fiorentina, gli permette di cambiare passo ma non di risparmiarsi i supplementari in una settimana importantissima visto il big match contro la Juventus previsto per domenica. Alla fine, l'obiettivo viene comunque centrato. Magari solo con un po' di ritardo.

Altre notizie
Lunedì 25 Gennaio 2021
19:15 Serie A Eysseric al Crotone? Il ds Ursino: "Ci ha detto di no. Vuole restare alla Fiorentina" 19:12 Calcio estero UFFICIALE: l'ex ct del Brasile Felipe Scolari lascia il Cruzeiro 19:08 Serie A Parma, il Torino "forza" per Kurtic: oggi incontro a Collecchio, il giocatore vuole partire 19:05 Altre Notizie Bologna, seduta differenziata per Mbaye a causa di una contusione al ginocchio sinistro 19:04 Serie B UFFICIALE: Monza, l'attaccante Marin saluta e torna alla Dinamo Zagabria
19:03 Serie A TMW RADIO - Drago: “Ho spostato io Kessie nel mezzo. Sensi porta genialità all'Inter” 19:00 Serie A Tanti nomi per l'Inter ma nessuna accelerata all'orizzonte. Eriksen resta l'ago della bilancia 18:57 Calcio estero Ozil-Fenerbahce, i dettagli dell'operazione: contratto fino al 2024, bonus per l'Arsenal 18:53 Serie A Milan, la probabile formazione per il derby: Dalot e Meite titolari, in avanti gioca Leao a sinistra 18:49 Serie B Venezia, Mazzocchi e Forte non si muoveranno. Il club dice no alle offerte per i due giocatori 18:48 Altre Notizie Maradona, intitolata a San Giorgio a Cremano una strada che unirà due campi da calcio 18:46 Serie A TMW - Scambio Juventus-OM, ci siamo: Aké firmerà coi bianconeri un contratto fino al 2025 18:45 Serie A Milan, Pioli su Tomori: "Intelligente e curioso: ha belle qualità, ma dobbiamo inserirlo" 18:43 Serie A TMW RADIO - Amelia: "Gattuso non ha colpe. Roma-Dzeko, l'unica soluzione è ricucire" 18:42 Calcio estero Lampard esonerato, Redknapp: "I club non danno tempo. Soskjaer era spacciato, invece ora..." 18:40 Calcio estero UFFICIALE: Galatasaray, dal Monaco ecco nuovamente Onyekuru 18:38 Serie A Inter, Conte: "Contro il Milan servirà una prova di squadra: non è solo Ibrahimovic" 18:34 Serie C UFFICIALE: Piacenza, sollevati dall'incarico mister Manzo e il dirigente Di Battista 18:32 Calcio estero UFFICIALE: Sokratis torna in Grecia. È un nuovo giocatore dell'Olympiacos 18:30 Serie A La Fiorentina piazza il primo dei tre colpi previsti. E le cessioni non sono ancora finite 18:28 Serie B TMW - Pescara, si avvicina un colpo in mezzo al campo: Rigoni dal Monza 18:27 Calcio estero Lampard esonerato, il retroscena di The Athletic: ha influito la scelta di far fuori Kepa 18:23 Serie A ESCLUSIVA TMW - Vinazzani: "Napoli-Benitez? No alle minestre riscaldate. Sarri darebbe entusiasmo" 18:19 Serie B UFFICIALE: Cosenza, arriva il centrocampista Gerbo dall'Ascoli. Contratto fino al 2022 18:15 Serie A Milan, Pioli: "Dopo l'Atalanta non ho dormito. Serve tenere alto il livello o rischiamo" 18:12 Calcio estero City, Guardiola sulla classifica: "United capolista ma la distanza fra le squadre è poca" 18:08 Serie A ESCLUSIVA TMW - Perrone: "Dea da scudetto, ma che errore rinunciare al Papu. Alla lunga può pesare" 18:04 Serie B Lecce, Falco sempre più vicino alla Stella Rossa: sul piatto 1,2 milioni più bonus 18:02 Calcio estero UFFICIALE: Schalke, dal Wolfsburg arriva in prestito il terzino William 18:01 Altre Notizie LIVE TMW - Coronavirus. Petrucci: "Sulle Olimpiadi resta incertezza". El Shaarawy ancora positivo