Lega Pro, Ghirelli lancia la sfida: "Io produco e tu paghi"

di Tommaso Maschio
Foto Articolo

Anche Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, ha parlato in conferenza stampa al termine dell’incontro per le seconde squadre tenutosi a Torino: “Riduco il discorso in quattro punti operativi. Il primo, il tavolo. Dobbiamo mettere in campo questo tavolo di riflessione con il presidente Gravina in modo tale che ci sia un ragionamento di sistema delle leghe in modo che si affronti la questione normativa. Dobbiamo ragionare su questo tavolo. Il secondo punto, con il presidente Gravina siamo d'accordo, mentre si va avanti bisogna aprire il bando per il completamento degli organici per il prossimo campionato, così da non avere le difficoltà dell'anno scorso. Terzo punto è quello relativo al fatto che è evidente dai lavori presentati qui come e quale beneficio si tragga negli altri Paesi dal punto di vista delle Nazionali. È evidente, parlano i dati con chiarezza, quindi è giusto prendere il meglio, vedere come funziona e rapportarlo poi alle caratteristiche del nostro calcio. Ultimo punto. La questione relativa a i formatori. Questo è un dato importante per lo sviluppo del calcio italiano. A volte dico che mancano i maestri, ma un conto è fare l'allenatore in prima squadra un conto con i giovani. - conclude Ghirelli come riporta TuttoC.com - L'ultima cosa riguarda noi Lega Pro. Ci è stata posta una sfida. Passare dal prestito ai nostri settori giovanili: la sfida è io produco e tu paghi. L'ho detto in maniera secca perché questa è la sfida che abbiamo davanti, mettendoci anche in questo campo la possibilità di anticipare quello che arriva dalla normativa FIFA e mettendoci un coraggio che poi è richiesto. La Lega deve avere l'ambizione di essere la formazione vera dei giovani calciatori, allenatori, dirigenti e arbitri, perché dobbiamo passare dall'enunciazione al concreto. E poi dobbiamo essere la Lega dei comuni, dei pullmini, portati nelle sedi per fare calcio e anche toglierli dalle strade e fare anche presidio sul territorio. Questo lavoro ci darà più possibilità di essere ascoltati".


Altre notizie
Venerdì 24 Maggio 2019