Menù Notizie

TMW RADIO - Sannino: "Eriksen ha lo stesso passo di Pirlo ma gli manca la sua qualità"

di Dimitri Conti
Foto Articolo

L'allenatore Giuseppe Sannino è intervenuto in diretta ai microfoni di TMW Radio, nel corso della trasmissione Stadio Aperto con Francesco Benvenuti e Niccolò Ceccarini: "Questo campionato mi sembra più aperto rispetto agli altri anni, ci vedo quattro-cinque squadre dentro".

Vede un futuro da playmaker per Eriksen?
"L'ho visto oggi e ho una mia idea: la corsa è quella di Pirlo, uguale, la qualità no. Ne ha tanta, ma non da dirigere la squadra e dettare i tempi, anche perché non riesce a fare la transizione difensiva in non possesso. Lo vedo più mezzala in un 3-5-2 ma giusto che Conte provasse: non credo lo vedremo lì in campionato".

Manca Sensi?
"Ha avuto infortuni, l'hanno aspettato... Come calciatore è straordinario: il più importante centrocampista dell'Inter, però, è Barella".

Destro ha già segnato 6 gol in campionato col Genoa.
"Il gol è benzina per una punta. Ha avuto la capacità di mettersi di nuovo in discussione a Genova, trovando facilità nell'andare a rete. Penso a tanti giocatori che hanno avuto difficoltà a trovare sempre la possibilità di giocare in Serie A ad alti livelli: deve scommettere su se stesso, se riesce a trovare la voglia e la cattiveria può tornare protagonista. Quest'anno la partenza è stata ottima, mi auguro riesca a confermarsi".

Nel Siena con voi c'era anche Terzi, capitano della sorpresa Spezia.
"Hanno voglia di giocarsela con tutti, anche fino a due domeniche fa quando erano in difficoltà. Erano terzultimi, e dopo 6 punti si parla di un'altra squadra: Italiano ha capito che una matricola per rimanere in Serie A non deve prendere gol. Giusto giocarsela, ma con umiltà. Un piacere vedere Terzi ancora capitano di una squadra di Serie A, ha anche segnato e gli auguro ogni bene".

Ilicic avrebbe potuto fare un'altra carriera?
"Sì. Un bravissimo ragazzo, oggi lo vedo anche correre. Ha il suo modo di stare in campo ma quando ha la palla ha un fuoriclasse e chi gli sta vicino può sempre combinare qualcosa. Anche senza Gomez, l'Atalanta è davvero incontenibile. Penso che se fosse andato prima in una big avrebbe fatto un'altra carriera, ma all'Atalanta è talmente importante che si farà ancora luce".

Faraoni è pronto al salto in una big?
"Sentivo anche recentemente che se ne parlava... Lui ha grande gamba, ed è perfetto per il pensiero di Juric, che vuole sempre movimento: la fascia la trita ed è anche duttile. A 30 anni quasi lo vedo più maturo e sono contento. Un altro che vorrei vedere a certi livelli è Forestieri, tra i più importanti giocatori mai allenati. Di scaltri e veloci nel dribbling come lui ne ho visti pochi. Ha grandi qualità, vedo che ogni tanto gioca qualche spezzone e spero trovi più spazio".

Come vede questo Milan?
"Ieri avevano tanti ragazzi giovani ed è una linea che mi piace, mi ricorda il Milan pieno dei ragazzi delle giovanili. Una linea che sicuramente pagherà, anche se non so se vinceranno già quest'anno il campionato. Sicuramente hanno personalità, e in questa Serie A ora non c'è nessuna squadra troppo più forte delle altre, lo vedo aperto".

Il Monza è grande favorito in Serie B?
"I grandi nomi vanno bene finché corrono. Normale che siano i più accreditati a vincere il campionato: se non salgono è un fallimento. Ora hanno preso pure Ricci... Brocchi ha una grande responsabilità, perché la squadra è costruita per andare su. In Serie B va bene la qualità, ma devi anche correre dall'inizio alla fine".

Due battute finali sul Sudtirol.
"Sono una delle società più organizzate. La categoria giusta per loro è la Serie B e credo che ci arriveranno perché sono oculati e non fanno mai il passo più lungo della gamba. Sarebbe il giusto coronamento di un percorso partito da lontano, ricordo che si andava a giocare in campi ghiacciati... Da lì poi sono passati tanti allenatori bravi".


Altre notizie
Giovedì 13 Maggio 2021
05:15 Serie A TMW RADIO - Tricella: "Non raggiungere la Champions sarebbe dura da digerire per la Juve" 05:00 Nato Oggi... Yaya Toure, dai problemi di Barcellona alla storia col Manchester City 04:30 Altre Notizie Le partite di oggi: il programma di giovedì 13 maggio 04:00 Serie A Sky o DAZN? Il programma televisivo della 36^ e della 37^ giornata di Serie A 01:05 Serie A Futuro Ronaldo, interviene mamma Dolores! "L'anno prossimo tornerà allo Sporting, parlerò con lui"
01:00 Serie A Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 12 maggio 00:58 I fatti del giorno Il Milan ha ripreso a volare nella fase decisiva della stagione. Domenica il primo match point 00:56 Serie A Milan, Rebic scatenato nella seconda parte di stagione: 21 gol su 22 nel girone di ritorno 00:56 I fatti del giorno Torino da incubo, due 0-7 in due anni. La classifica fa paura, necessario battere lo Spezia 00:54 I fatti del giorno La Juve ferita reagisce e si aggrappa ai suoi grandi. Ma non è padrona del proprio destino 00:52 I fatti del giorno Bello e sciupone, il Sassuolo si gode Raspadori e si mangia le mani. De Zerbi ai saluti 00:50 I fatti del giorno Salvi fino a dieci dalla fine: un punto e tanto rammarico per lo Spezia in casa della Samp 00:48 I fatti del giorno Sampdoria, un punto ottenuto con determinazione: con lo Spezia a Marassi è 2-2 00:46 I fatti del giorno L'emblema della stagione: il Parma vicino al colpaccio, ma con la Lazio arriva l'ennesimo KO 00:44 I fatti del giorno Zampata di Immobile nella Zona Caicedo: la Lazio spera ancora, ma l'impresa è quasi impossibile 00:42 I fatti del giorno La Roma perde a Milano e ringrazia la Juve. Ma la corsa al 7° posto è ancora apertissima 00:41 Serie A TMW - Torino, Cairo dopo lo 0-7 col Milan: "Cose che succedono. Penso positivo, testa a sabato" 00:40 I fatti del giorno L'Inter post-Scudetto gioca meglio di quella pre: con la Roma calcio a tratti spumeggiante 00:40 Calcio estero Atletico Madrid, Simeone: "Abbiamo patito una sofferenza inutile. Sarà dura da qui a domenica" 00:38 I fatti del giorno Il Genoa sbanca il Dall'Ara e si salva. Ma Ballardini non si sbilancia sul futuro 00:36 I fatti del giorno Bologna fragile e sprecone, ma è salvo nonostante la sconfitta. Amey unica nota lieta 00:36 Serie A Lautaro scalda il derby d'Italia: "Dopo 9 anni faremo vedere alla Juve che lo Scudetto è nostro" 00:34 I fatti del giorno Finché la matematica non condanna, il Benevento è vivo. Ma serve maggior convinzione 00:32 I fatti del giorno L’Atalanta questa volta non bada alla forma: 2-0, la Champions è sempre più vicina 00:30 Calcio estero Atletico Madrid, Koke: "Potevamo vincere tranquillamente, ma se non soffriamo non siamo noi" 00:29 Serie A Spezia, Italiano: "Abbiamo buttato via un match-ball, cercheremo di crearne altri" 00:28 Serie A Lazio, Pereira parla chiaro: "Voglio giocare regolarmente. In Belgio? Perché no" 00:28 I fatti del giorno Fiorentina, a Cagliari punto prezioso in chiave salvezza. Vlahovic in luce anche senza segnare 00:26 I fatti del giorno Cagliari, pari agrodolce contro la Fiorentina. Per la salvezza servono altri punti 00:25 Serie A Sampdoria, Ranieri: "Soddisfatto della prova. Keita ragazzo d'oro, Verre porta qualità"