Menù Notizie

Milan: il messaggio nascosto di Theo, i missili di Ibra, le mosse finali per Zirkzee. Napoli: l’errore (e il futuro) di Kvara. Inter: Martinez e i perché della scelta “in porta”. Italia: il collage di Spalletti

di Fabrizio Biasin
Foto

Siamo in pieni Europei, è possibile che ve ne siate accorti. Noi però vogliamo partire da un’altra faccenda, ovvero i procuratori che hanno rotto le balle. Che poi è il loro mestiere, diciamolo. E però esiste un limite. Con quale faccia di tolla l’agente di Kvara può dire “vogliamo un club che giochi la Champions?”. Se il Napoli l’anno prossimo non sarà in Europa è proprio per colpa di Kvara e dei suoi compagni di sventura, checcazzo. E questi cosa fanno? Tagliano la corda o quantomeno ci provano. Bah.
E Theo Hernandez? “Deciderò dopo l’Europeo”. Deciderò cosa? Hai un contratto! E un po’ come se un club dicesse “deciderò se pagarti, vediamo come giochi”. Son tutti fuori di capoccia, suvvia.
E non pensate che agente e calciatore siano entità diverse, perché non è affatto così. Prendete Lautaro Martinez. Anche il suo procuratore ha provato a forzare la mano in qualche modo. Ebbene, quando il giocatore ha capito che si stava andando troppo “oltre” ha messo un freno. E ha fatto benissimo. In fondo l’aumento è arrivato e bisogna sapersi accontentare, eddai.

E la conferenza di Ibra? Qualcuno ha detto e scritto “aria fritta”. Ma mica tanto. Anzi, il neo-dirigente si è sbottonato pure troppo. Ha detto “Abbiamo voluto Fonseca perché vogliamo fare un calcio dominante” e “Conte con tutto il rispetto non ci è mai interessato” e “Theo, Maignan e Leao non si muovono”. Tutte frasi parecchio forti, per nulla “da 0-0”, considerazioni che il tifoso è pronto eventualmente a rinfacciarti. È stato coraggioso, altroché.
E però non abbiamo capito troppo la questione Zirkzee. Cioè, che 15 milioni di commissione siano un’esagerazione è chiaro anche a un lichene, ma che la cosa fosse nota, pure. Nel momento in cui fai sapere di voler pagare la clausola da 40 cucuzze devi aver già sistemato tutto col simpaticissimo signor Kia. Ecco perché ora è importante che in qualche modo si riesca a portare a Milanello il buon Joshua, anche a costo di doversi tappare il naso. “Ma il mare è pieno di pesci”, direte voi. Può darsi, ma son tutti pesci parecchio cari, anche più del pesce olandese.
Una cosa sull’Inter che si appresta ad acchiappare il portiere da affiancare a Sommer. Domani è in programma l’incontro decisivo con il Genoa, quello dove si capisce cosa fare quanto a contropartite da offrire in cambio di Martinez. I nerazzurri puntavano al brasiliano Bento, ma il prezzo da un anno a questa parte è cresciuto a dismisura e ora appare inavvicinabile (superiore ai 20 milioni, lasciamo una micro – ma proprio micro – finestrella aperta). E quindi Martinez, che pure costa “15 tutto compreso”, comunque non poco. E molti dicono: “Perché la dirigenza nerazzurra sceglie di spendere quattrini per un futuro titolare che, però, oggi viene a fare la riserva? È così necessario?”. Ecco, il fatto che l’Inter sia concentrata su un ruolo teoricamente già coperto è parecchio significativo, vuol dire che il club ha superato la fase dell’affanno e hanno raggiunto quella della programmazione. L’Inter ragiona per coppie di giocatori, con “l’alternativa” che deve essere sempre di più vicina al valore del “titolare”. In questo momento – piaccia o non piaccia - l’Inter ha le coppie al completo e, quindi, lavora per sistemare quel che si presume vada sistemato in prospettiva.

Considerazioni finali e molto “europee”. Nel senso che diciamo due balle sugli europei al termine del “primissimo giro”. L’Italia è forse la squadra più forte tra le 24 in ballo in terra tedesca? Giammai, ma non è neppure l’ultima della truppa. Avevamo il timore che Nazionali come Francia e Inghilterra fossero su un altro pianeta, al momento invece possiamo sentirci parte del gruppone che ambisce ad arrivare all’ultimo atto di Berlino. Per carità, lo diciamo sottovoce, ma di squadre “ingiocabili”, al momento, non ne abbiamo viste. Le migliori fino a qua? La Spagna – nostra avversaria domani – e la Germania padrone di casa. E noi? La nostra arma segreta è il gruppo. Ok, questa è un’agghiacciante frase fatta, ma è anche la verità.
Spalletti non è scemo perché a questa Nazionale ha dato la sua impronta, ma anche perché ha scelto di attingere al meglio che può offrire il nostro calcio. È la sua Nazionale, ma un po’ anche l’Inter di Inzaghi, e pure il Bologna di Thiago Motta e lo stesso Napoli di un anno fa, griffato Luciano. E non si tratta di esaltarsi esageratamente per un partita che andava ed è stata vinta, ma di dire le cose come stanno: se vuoi provare a vincere, se vuoi tentare di arrivare in fondo, se speri di poter dare fastidio ai colossi dell’Europeo allora non puoi pensare di giocare il calcio del “faccio un golletto e mi paro il popò”, ché quello andava bene quando il pallone era di cuoio e le scarpe avevano i tacchetti a vite.

Altre notizie
Giovedì 18 Luglio 2024
12:53 Serie A Roma, ecco la nuova maglia per la stagione 24/25: è ispirata al periodo di Campo Testaccio 12:49 Calcio femminile Il Como Women cambia pelle con l'avvento di Mercury/13: ecco il nuovo logo 12:45 Serie A Milan, Furlani: "Morata è carico. Fofana e Samardzic buoni giocatori, vediamo cosa succederà" 12:41 Calcio esteroUfficiale Prima Modric, adesso Lucas Vazquez: rinnovato ancora un anno il legame con il Real Madrid 12:38 Serie AUfficiale Delle Monache fa il percorso inverso di Venuti. Il classe 2005 dalla Samp al Lecce
12:35 Altre NotizieTMW Radio Galvani: "Milan, non può essere Samardzic l'alternativa a Fofana" 12:34 Serie B Daniel Ciofani dà l'addio al calcio giocato. Gli omaggi della Cremonese e del Frosinone 12:32 Serie CUfficiale Arzignano, Barba rimane in gialloceleste. Rinnovato il contratto del centrocampista 12:30 Serie A Con Cabal la Juve completa la difesa. Ma la pista Todibo non è ancora chiusa: le ultime 12:28 Serie AUfficiale Il Lecce cede Venuti alla Sampdoria a titolo definitivo: "In bocca al lupo Lollo!" 12:27 Euro 2024 Mano Cucurella, Kroos ci ripensa: "Mi sono arrabbiato. Ho sbagliato a fidarmi di Taylor" 12:23 Serie ATMW Si fermano Patric, Dele-Bashiru e Cancellieri. Le ultime dal ritiro della Lazio 12:19 Serie CUfficiale L'Avellino cala il colpo grosso a centrocampo: ecco Sounas. Firma un quadriennale 12:15 Serie AUfficiale Reina torna in Serie A. Il portiere ha firmato col Como: "Arrivo in un progetto bellissimo" 12:11 Calcio estero Lineker scettico sul Bayern: "Kompany un rischio, non troverete Pep Guardiola" 12:08 Serie ATMW Vasquez e Colombo all'Empoli, tra oggi e domani la chiusura del doppio colpo dal Milan 12:06 Serie CUfficiale Caldiero Terme, il rinforzo difensivo arriva dalla Torres. Pelamatti firma un biennale 12:04 Serie CUfficiale Taranto, Fabbro prosegue ancora in rossoblù: ha firmato un annuale 12:01 Editoriale E’ il mercato delle sorprese: Juve prende Cabal. Milan non solo Morata. Aggiustamenti Napoli e i sogni dell’Udinese 12:00 Serie ATMW In attesa che si sblocchi l'affare col PSG, Osimhen torna ad allenarsi col Napoli a Dimaro 11:58 Serie CUfficiale Crotone, nuovo innesto in difesa: dal Pescara arriva Di Pasquale 11:56 Calcio estero Un ritorno col botto: Joachim Low si candida come nuovo manager dell'Inghilterra 11:53 Serie ATMW Napoli, ADL risponde a un tifoso a Dimaro: "Hermoso? Si vede che ne capisci poco" 11:52 Serie CTMW Team Altamura, in arrivo il portiere Viola dal Lecce: firmerà un biennale 11:51 Altre Notizie Qualificazioni Europa League e Conference League, le partite in programma 11:49 Calcio femminileUfficiale Napoli Femminile, ecco il rinforzo in difesa. Tesserata Novellino 11:45 Serie A Osimhen-PSG, il Napoli non apre (per ora) allo sconto: la cifra giusta per la chiusura 11:41 Calcio estero Ranking FIFA, l'Argentina resta in testa e davanti Francia e Spagna. Italia in top 10 11:38 Serie AUfficiale Un altro Ibra al Milan. Maximilian, figlio di Zlatan, firma il 1° contratto da professionista 11:34 Serie C Taranto, nessun ridimensionamento. Ma mister Capuano parla di 'salvezza prima di tutto'