Le pagelle del Krasnodar - Non basta Suleymanov, sfortunato Ari

di Antonino Sergi
Foto Articolo

Safonov 6,5 - La parata nel primo tempo risulta decisiva per la qualificazione della formazione russa, dice di no a Santi Mina da pochi metri. Secondo tempo abbastanza tranquillo senza alcun intervento degno di nota.

Petrov 6,5 - Una freccia lungo la corsia destra del Krasnodar, sempre in sovrapposizione per tutto il corso della partita. Dialoga con Wanderson, mette sempre in difficoltà Gayà costretto sempre a rincorrerlo. (Dal 76' Suleymanov 7 - Intuizione quasi vincente del tecnico del Krasnodar, entra e regala una perla di rara bellezza che sblocca il punteggio e stava per regalare la qualificazione. Mancino da urlo).

Spajic 6 - Roccioso e mai arrendevole, fa sentire i muscoli specie a Sobrino durante la prima frazione. Non traballa, sulle palle inattive prova anche a rendersi pericoloso in zona offensiva.

Fjoluson 5,5 - I rischi del Krasnodar arrivano spesso dalla sua zona di competenza, fa fatica a contenere Santi Mina. Ringrazia il proprio portiere in due occasioni, leggermente meglio invece nella ripresa.

Ramirez 6 - Primo tempo in cui si limita alla fase difensiva, nella ripresa trova spazio per affondare e lo fa spesso e volentieri. Qualità nelle sovrapposizioni, non fa vivere un secondo tempo semplice a Wass.

Olsson 6 - Ha qualità ma si accende a tratti, quando lo fa diventa sempre temibile. Manca di quella giusta continuità per spaccare la partita, grandi idee in alcune occasioni che non bastano a superare il muro spagnolo.

Gazinskij 6,5 - La diga del Krasnodar, il russo è un combattente che battaglia su ogni pallone. Animo da capitano, tanti i contrasti vinti in mezzo al campo. Uno dei più preziosi per i padroni di casa.

Pereyra 7 - Il giocatore ovunque del Krasnodar, una scheggia impazzita difficile da marcare. Le occasioni migliori portano la sua firma, l'uruguayano non si dà mai per vinto. Meritava sicuramente una segnatura. (Dal 90' Taranov sv).

Wanderson 6,5 - Con Ari parla la stessa lingua, scambi e spettacolo nei primi minuti di gara. Meno pericoloso dopo l'uscita dal campo del compagno, quando punta l'avversario però raramente ne esce sconfitto.

Ari 6 - Sfortunato il bomber dei russi, in avvio di partita è grande protagonista. Sempre pungente tra le linee, si vede annullare giustamente la rete nel vantaggio. Poi un problema fisico che lo costringe ad abbandonare il campo. (Dal 30' Stotski 5,5 - Combatte ma non incide, spesso appare in ritardo in numerosi interventi).

Claesson 5 - Il protagonista dell'andata non si ripete al ritorno, oggetto misterioso della sfida del Krasnodar Stadium. Nel primo tempo prova due conclusioni altissime dopo quelle nulla più.


Altre notizie
Giovedì 21 Marzo 2019