Menù Notizie

Torino a caccia di rivincita contro la Samp, Juric vuole interrompere il tabù trasferta

di Emanuele Pastorella
Foto
© foto di Image Sport

Juric era già stato chiaro subito dopo la goleada rifilata alla Fiorentina. "Dovremo prepararla al meglio e cercare di non abbassare il ritmo, non possiamo pensare che vada tutto bene" diceva il tecnico croato, che pochi minuti dopo il 4-0 all’esordio nel 2022 pensava già alla sfida di Genova contro la Sampdoria. E, inevitabilmente, sarà anche stato influenzato dai dati sulle gare in trasferta del suo Torino: cinque punti e appena quattro gol fatti in nove partite esterne, nessuno ha numeri peggiori in serie A. Inoltre, c’è il precedente dello scorso 16 dicembre a tormentare Bremer e compagni: "Abbiamo visto in coppa Italia quanti problemi ci possono dare" il ricordo di Juric dell’ultima volta nella Marassi blucerchiata; "Quella sconfitta ci brucia ancora, vedremo come andrà in campionato" la voglia di rivincita di Vojvoda. Già, perché Toro e Samp si sfideranno per la terza volta in stagione: al Grande Torino finì 3-0 per i granata, al Ferraris fu la squadra di D’Aversa a festeggiare per il passaggio agli ottavi di finale di coppa Italia grazie al 2-1 firmato Quagliarella-Verre. Ora, però, i granata sembrano aver trovato ancora più certezze e consapevolezza, anche grazie al nono posto in classifica e una zona Europa a portata di mano, a sole quattro lunghezze. Servirà trovare continuità proprio in trasferta, il vero problema cui Juric ancora non è riuscito a trovare una soluzione.

Tante conferme
Da qui passa il salto di qualità definitivo del Toro, che a Genova sarà molto simile a quello che ha travolto la Fiorentina anche se è ritrovato con un nuovo calciatore positivo. I primi dubbi, però, riguardano la porta: Gemello ha impressionato al suo esordio, Berisha ha superato i problemi fisici, Milinkovic-Savic si è negativizzato dal Covid. Possibile che il tecnico scelga il suo estremo difensore titolare soltanto a poche ore dalla sfida, così da parlare con tutti e tre e capire le condizioni di ognuno. In difesa, invece, non ci sono grandi ballottaggi: Djidji, Bremer e Rodriguez hanno trovato gli automatismi e vogliono confermarsi la terza retroguardia meno battuta di tutto il torneo. A centrocampo è previsto il ritorno dal primo minuto di Pobega, pronto a tornare al posto di Mandragora per affiancare Lukic, mentre sulle fasce verrà rinnovata la fiducia a Singo e Vojvoda, con Fares ultimo arrivato e primo cambio dalla panchina. L’altro punto interrogativo è rappresentato da Praet: il belga, uscito con una forte botta alla caviglia dal confronto contro la Fiorentina, sta provando a recuperare e dal Filadelfia filtra un cauto ottimismo. In ogni caso, è pronto Pjaca a supportare Sanabria insieme a Brekalo, quest’ultimo diventato il bomber di tutta la squadra con cinque reti in quattordici apparizioni.

Altre notizie
Sabato 22 Gennaio 2022
19:45 Serie A Milan, vicino l'accordo per il rinnovo di Gabbia: firmerà fino al 2026 con adeguamento 19:41 Le Statistiche Torino: col Sassuolo dopo la cinquina la tombola? E i rigori ancora latitano 19:38 Serie A Kostic e Bensebaini difficili in prestito. L'Inter potrebbe rimandare il colpo mancino all'estate 19:34 Serie A Lazio, Lucas Leiva: "Ci aspetta una gara intensa. Dovremo dare il 100% per battere l'Atalanta" 19:32 Serie A ESCLUSIVA TMW - Babacar al Copenhagen: "Qui per l'Europa. Sento che è l'occasione giusta"
19:30 Serie B Perugia, Alvini: "Brutta partita, la sconfitta è meritata. Avevo chiesto mentalità diversa" 19:30 Serie A Lazio, le speranze per l'addio di Muriqi arrivano dalla Ligue1: il Saint Etienne fa sul serio 19:26 Serie B Pisa, D'Angelo: "Pareggio giusto, oggi non era facile. Dobbiamo essere soddisfatti" 19:23 Serie A Sampdoria, troppo onerosa la pista piccoli: può tornare di moda il nome di Supryaga 19:19 Serie A Capello: "Ibrahimovic alla Juve l'ho scelto io. Appena arrivato chiesi a Moggi di prenderlo" 19:15 Serie A Lazio, si assottiglia la distanza per il rinnovo di Luiz Felipe: intesa più vicina 19:12 Serie A UFFICIALE: Niente Serie A per Azmoun: l'iraniano ha firmato col Bayer Leverkusen 19:08 Serie A Spezia-Sampdoria, i convocati di Thiago Motta: torna a disposizione Nguiamba 19:04 Serie C TMW - Viterbese, pressing per arrivare a Carlini. Ci pensa anche il Potenza 19:00 Serie A Udinese, Silvestri: "Siamo stati tra i più colpiti dal Covid. Ci prendiamo questo punto" 18:57 Calcio estero Ansu Fati di nuovo infortunato, Xavi: "Siamo tristi, ogni settimana c'è un problema serio" 18:55 Calcio estero Ligue 1, il Lilla cade a Brest: decidono un autogol in apertura e un rigore alla fine 18:54 Calcio estero West Ham, Moyes amareggiato: "Non è facile quando prendi gol all'ultimo secondo" 18:54 Serie A L'Inter fa la partita, ma il Venezia regge: Barella risponde a Henry, 1-1 a San Siro al 45' 18:53 Serie A TMW RADIO - Cucchi: "Di Marzio raccontava il calcio come pochi. Atalanta favorita con la Lazio" 18:52 Serie A Domani Milan-Juve, i convocati di Allegri: out Bonucci e Ramsey, torna Bernardeschi 18:49 Serie C TMW - Catanzaro, Porcino resta in uscita: Cesena in vantaggio sulla Pistoiese 18:46 Serie A Prima della pausa l'Inter trova il gol del pari col Venezia: tap-in facile facile per Barella 18:45 Serie A Capello: "Ho consigliato ad Allegri di dire no alla Juve per il Real...ma non mi ha ascoltato" 18:41 Serie A Mourinho: "Le prime 4-5 in classifica hanno più esperienza, ma possiamo raggiungerle" 18:40 Serie A ESCLUSIVA TMW - Palanca: "Di Marzio ha sempre avuto una visione globale del mondo del calcio" 18:39 Serie A TMW Radio - Proietti su Di Marzio: "Come un secondo padre, ora sarà insieme al suo Maradona" 18:38 Serie A Udinese, Cioffi: "Siamo stati brutti e sporchi ma veniamo da un calvario" 18:37 Calcio estero Manchester United, Rangnick dopo l'1-0 in extremis sul West Ham: "Il miglior tipo di vittoria" 18:36 Serie B Spal, Venturato: "Grande prestazione, meritavamo la vittoria. Possiamo crescere molto"