Menù Notizie

Salernitana, Paulo Sousa a un passo dal rinnovo. A breve incontro con Iervolino

di Luca Esposito
Foto
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com

Se la Salernitana ha raggiunto la salvezza con tre giornate d'anticipo, buona parte del merito è del tecnico Paulo Sousa. Subentrato a Nicola dopo la pericolosa sconfitta di Verona, il trainer portoghese ha ereditato una situazione particolarmente complessa. Squadra in caduta libera, vantaggio minimo sulla zona retrocessione, tifoseria delusa, gruppo spaccato e senza identità tecnico-tattica, statistiche che parlavano di una sola vittoria in dieci giornate e di una difesa che subiva mediamente 2,5 gol a partita. "La difficoltà sarà quella di trasmettere le mie idee ai calciatori e di fargliele assimilare nel più breve tempo possibile...sapendo che tempo non ne abbiamo. Il mio modo di fare calcio è totalmente differente da quello del mio predecessore, intendo sfruttare al massimo il grande potenziale offensivo a disposizione e arrivare alla salvezza con un sistema di gioco propositivo e non speculativo. Voglio una Salernitana coraggiosa, che provi a farsi rispettare in casa e fuori senza paura e con organizzazione in entrambe le fasi" disse nel giorno della sua presentazione prima di inanellare l'impressionante serie di 12 risultati positivi su 14 e di portare la Salernitana da +3 a +9 dalla zona retrocessione. E il suo futuro? La salvezza ha fatto scattare il rinnovo biennale automatico, con clausole chiare: dalla seconda stagione in poi, infatti, potrà "liberarsi" in caso di chiamata di club in lotta per l'Europa e...disposti a sborsare una somma importante. Si parla di un milione di euro, ma i dettagli potrebbero essere svelati al momento della firma.

Paulo Sousa a Salerno sta benissimo, ha instaurato un rapporto eccezionale con la squadra, con i tifosi (ieri è stato docente presso un liceo scientifico cittadino, erano in centinaia ad accoglierlo a suon di cori da stadio), con il presidente, con l'amministratore delegato Maurizio Milan e, soprattutto, con il direttore sportivo De Sanctis. Quello che aveva proposto il cambio di allenatore già all'indomani del pesante ko di Reggio Emilia a inizio girone d'andata e prima della lunga sosta per i mondiali. Oggi ci sarà la conferenza stampa presso il centro sportivo Mary Rosy e chissà che non possano esserci sorprese. Il pubblico di fede granata è convinto che con l'ex tecnico della Fiorentina si possa aprire un ciclo vincente, il mister è della stessa idea ma chiederà a Iervolino di "sacrificare" il minor numero di big possibile per dare continuità all'ottimo lavoro svolto. Solo in caso di rivoluzioni e organico depotenziato ci potrebbe essere un clamoroso passo all'indietro. Ad oggi, però, la sensazione è che proprietà, dirigenza e area tecnica parlino la stessa lingua e vogliano costruire una Salernitana da zona sinistra della classifica.

Altre notizie
Martedì 25 Giugno 2024
01:06 Euro 2024 Ammonizione e squalifica: niente Svizzera-Italia per Riccardo Calafiori 01:00 Serie A Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 24 giugno 00:56 I fatti del giorno Euro2024, il quadro degli ottavi: Svizzera-Italia è il primo, stasera la Germania conosce l'avversario 00:53 I fatti del giorno Zaccagni, Calafiori e gli altri. Tutte le altre reazioni dei giocatori azzurri dopo la Croazia 00:49 I fatti del giorno Bene, ma non benissimo. Spalletti si sfoga dinanzi alle telecamere e chiede di più alla sua Italia
00:42 I fatti del giorno La Spagna B domina contro l'Albania e trionfa nel Gruppo B: la coppa è pubblicamente nel mirino 00:38 I fatti del giorno Zaniolo vuole l'Italia e può tornare dove tutto è iniziato: anche Amrabat nell'affare? 00:34 I fatti del giorno Mister Baroni vuole veronizzare la sua Lazio: si lavora al doppio colpo Noslin-Cabal 00:32 Serie A Como, il ds Ludi: "Penso sempre a Modric, ma nessuna trattativa. Belotti è vicinissimo" 00:30 Serie A TOP NEWS ore 24 - L'Italia pareggia al 98' e va agli ottavi. Tutte le voci da Lipsia 00:27 Euro 2024 Ungheria, Csoboth: "Ho rivisto il gol con la Scozia mille volte, mi vengono i brividi" 00:23 Serie A Milan e almeno 3 club esteri su Luca Pellegrini. Ma per la Lazio non è in vendita (per ora) 00:21 Serie A La Lazio si congratula con Zaccagni: "Il momento migliore per la prima rete azzurra" 00:20 Serie ATMW Udinese, striscione dei tifosi contro i Pozzo: "Ora o spendi o vendi" 00:19 Serie C Faccioli saluta il Legnago: "Grazie per quello che hai significato in questo percorso" 00:18 Euro 2024Live TMW Croazia, il ct Dalic recrimina: "Otto minuti di recupero non si possono vedere..." 00:16 Serie A Bonucci ammette: "Ripetere quanto fatto tre anni fa non è facile, ma la Spagna insegni" 00:15 Euro 2024 Italia, Jorginho: "Non ci siamo accontentati, ma abbiamo sbagliato. Ora è il momento di godere" 00:11 Euro 2024 Polonia, Lewandowski: "Mi sentivo impotente per l'infortunio. Con la Francia non sarà l'ultima gara" 00:10 Serie A Genoa, individuato il possibile sostituto di Martinez: piace Kotarski del PAOK 00:08 Serie A Capello: "Italia non abituata a questa velocità di gioco. Calafiori fuoriclasse alla Sergio Ramos" 00:06 Serie A Bologna, accelerata decisiva per Holm: sarà rossoblù per 7 milioni di euro 00:04 Serie CTMW Radio Altamura, Grammatica: "Di Donato tecnico equilibrato con idee importanti" 00:03 Euro 2024Live TMW Spalletti sbotta in conferenza stampa: "Avessi avuto paura avrei fatto il vostro lavoro!" 00:00 Accadde Oggi... 25 giugno 1978, Kempes abbatte l'Olanda: l'Argentina vince 3-1 ed è campione del mondo 00:00 A tu per tu …con Beppe Iachini 00:00 Editoriale Miracolo Zaccagni e l’Italia esce da un incubo. Per puntare a un Europeo da protagonisti dobbiamo alzare il livello. Fantastico Donnarumma, prezioso Calafiori. E ora la Svizzera
Lunedì 24 Giugno 2024
23:59 Serie A Marcolin: "Mi aspetto Kvaratskhelia ancora a Napoli. Lavorare con Conte gli farà bene" 23:58 Serie A Uno dei grandi protagonisti azzurri out con la Svizzera: Calafiori sarà squalificato 23:56 Calcio estero Il Bayern fa la spesa in Premier: nel mirino Bernardo Silva, i tedeschi vogliono pagare la clausola