Menù Notizie

Non c'è solo il blocco: la Nazionale di Spalletti parte dall'Inter di Inzaghi

di Ivan Cardia
Foto
© foto di www.imagephotoagency.it

Luciano Spalletti ce l'ha fatta. Anche con tanta paura nel finale, ma la missione è comunque compiuta: succeduto a Mancini in un momento delicato, ha finito il lavoro del predecessore e portato l'Italia agli Europei. Niente di straordinario, succede (quasi) da sempre, ma visto che i Mondiali ormai siamo abituati a vederli da spettatori è comunque tanta roba. Luciano Spalletti l'ha rifatto: dopo la gara con la Macedonia, anche quella contro l'Ucraina ha ricordato a molti, specie dalla cintola in giù, alcuni meccanismi dell'Inter capolista.

Non è solo questione di blocco. Che pure è importante. Complice il progetto sempre più azzurro della dirigenza di viale della Liberazione, a livello numerico l'Ital-Inter è pressoché realtà. Darmian, Bastoni, Acerbi, Dimarco, Barella e Frattesi: nessun'altra squadra del nostro campionato può vantare una simile rappresentanza in Nazionale. Per la cronaca, non è questione di fazioni: con questo Chiesa, il ritorno di Locatelli, Gatti bella scoperta, Kean sempre più disciplinato e chissà Rugani se continuerà così, in molti sarebbero felici di vedere agli Europei una gioiosa unione delle due principali contendenti allo scudetto. Ma, appunto, non è solo questione di blocco e di numero.

I meccanismi della difesa della Nazionale sono gli stessi dell'Inter. O almeno ci assomigliano: Di Lorenzo ieri (Darmian l'altra volta) si alza meno di Dimarco, avvicinandosi ad Acerbi e al suo compagno di reparto. Non è un caso che ieri Spalletti abbia schierato due mancini: Buongiorno ha stazionato sul centrosinistra, Acerbi al centro, la posizione media del capitano del Napoli non va oltre il centrocampo. Ci sono delle differenze? Certo che sì. Perché per esempio Spalletti non persegue il sogno inzaghiano di attaccare in nove, e in attacco non gioca a due ma a tre. Non ha un regista come Calhanoglu, e non ha troppe remore nello schierare insieme Barella e Frattesi. Alcune reminiscenze, però, sono evidenti e lo sarebbero ancora di più in una ipotetica linea difensiva a quattro Darmian-Acerbi-Bastoni-Dimarco. Ancora: non è questione di simpatie, è che avere una squadra molto italiana al vertice del campionato aiuta il commissario tecnico e questa è un'ottima notizia. Come detto prima, averne due - Inter e Juve da sole possono vantare almeno dieci azzurre, agli Europei si potrebbe arrivare a una dozzina tutta costruita nel derby d'Italia - aiuta ancora di più.

Altre notizie
Lunedì 15 Luglio 2024
06:45 Serie A Giuntoli vuole regalare Koopmeiners a Motta, ma tutto passa dalle cessioni 06:30 Serie A Genoa, Vitinha è già in clima campionato: non preoccupano Ankeye e Marcandalli 06:15 Euro 2024 Spagna-Inghilterra 2-1, le pagelle: è l'Europeo di de la Fuente. Kane, che dire? 06:08 Calcio estero Argentina ancora campione del Sudamerica: Lautaro piega la Colombia e regala la seconda Copa di fila 06:00 Serie A La Serie A 2024/25 ha preso forma: il calendario completo dalla 1ª alla 38ª giornata
05:30 Nato Oggi... Danilo, il leader per eccellenza. Il tempo passa, ma la Juventus se lo tiene stretto 03:04 Calcio estero Scontri e feriti a Miami: tifosi colombiani forzano i cancelli, la finale di Copa America inizia alle 3:15 01:01 Calcio estero Argentina-Colombia, le formazioni ufficiali della finale di Copa America: Lautaro in panchina 01:00 Serie A Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 14 luglio 00:56 I fatti del giorno Euro 2024, nessuno come la Spagna: 4° Europeo in bacheca, l'Inghilterra cercava il 1° 00:53 I fatti del giorno Due volte di fila fa davvero male. L'Inghilterra si lecca le ferite e vive di rimpianti 00:49 I fatti del giorno Spagna campione d'Europa: è la generazione delle Furie d'Oro, settima vittoria su sette 00:45 I fatti del giorno Zirkzee-Bologna, fine della storia: l'annuncio del Man United e il toccante saluto alla piazza 00:42 I fatti del giorno Sta nascendo il nuovo Napoli di Conte: due moduli provati a Dimaro. E 4 azzurri parlano 00:38 I fatti del giorno Nuno Tavares ufficiale, ma continua la contestazione a Lotito. Intanto la Lazio vince 23-0 00:34 I fatti del giorno Dumfries-Inter, dietrofront. Juve, prosegue la telenovela Rabiot. Milan, quale attaccante? 00:32 Euro 2024TMW Tutta la delusione dell'Inghilterra in un'immagine: il principe William consola Bellingham 00:30 Serie A TOP NEWS Ore 24 - Tutto sulla vittoria della Spagna: curiosità, voci, pagelle e statistiche 00:26 Calcio estero Fenerbahce, si sogna il colpo Joao Felix. E un possibile sgarbo di Mou alla Roma 00:25 Euro 2024 Inghilterra, via Southgate? Watkins: "Il miglior ct possibile, volevamo vincere per lui" 00:23 Serie A Rrahmani: "Ci aspettavamo tutti il chiarimento con capitan Di Lorenzo. Rafa Marin è forte" 00:19 Serie CUfficiale Triestina, preso il terzino sinistro Tonetto: ha siglato un accordo biennale 00:15 Euro 2024 Il cammino della Spagna fino alla vittoria: percorso quasi netto e 3 scalpi eccellenti 00:12 Euro 2024 Real Sociedad squadra più rappresentata in finale: "Un modo di essere e di fare" 00:11 Serie A Inter, Asllani: "Il gol a San Siro emozione incredibile. Il lavoro alla lunga paga per tutti" 00:09 Euro 2024 La statistica che non ti aspetti: Italia unica Nazionale a non aver preso gol dalla Spagna 00:08 Serie A Mazzocchi: "Quando mi ha chiamato il Napoli i miei genitori sono scoppiati in lacrime" 00:04 Serie C Pescara, il presidente Sebastiani rivela: "Con Baldini è bastata una mezza telefonata" 00:03 Euro 2024 Morata: "Non ho mai mollato e mi sono meritato questa coppa". Poi il siparietto con Chiellini 00:02 A tu per tu …con Alessandro Canovi