Menù Notizie

Lotito: "Stadio? Il Bayern guadagna milioni con le birre. Tentativo di eliminare il decreto crescita"

di Ivan Cardia
Foto
© foto di www.imagephotoagency.it

Claudio Lotito, presidente della Lazio, è intervenuto al DLA Piper Sport Forum, in collegamento direttamente dal Senato: "Lo stadio è fondamentale, pensate che io, quando sono entrato nel calcio, dissi proprio che noi avevamo necessità di recuperare stabilità economica. Lo stadio è una delle principali fonti di ricavi: in Germania è la principale, solo con la birra le squadre tedesche guadagnano cifre spaventose. Il vincolo idrogeologico fa sorridere, si basa sulla possibilità che ogni cent'anni possa esservi un'inondazione. Venezia è costruita sull'acqua…. Ci sono cose che possono essere risolte. In Italia siamo indietro, abbiamo necessità di incrementare infrastrutture".

Ha appuntamento con il sindaco Gualtieri per il Flaminio?
"Evitiamo personalizzazioni, io ho ipotizzato di creare una cabina di regia con un commissario ad acta. Se il tutto è demandato a una struttura terza, che in modo asettico e oggettivo, sulla base delle norme e di un piano che preveda meno cavilli, è tutto più rapido: credo ci siano le premesse per creare questo canale preferenziale, che non è davvero tale perché sono 40 anni che non riusciamo a fare lo stadio".

Il calcio italiano è diventato un obiettivo di tanti fondi di investimento. È soddisfatto della cessione dei diritti, delle cifre e del modello?
"Non si tratta di essere soddisfatti. I fondi, che oggi hanno grande liquidità e capacità di investire, vedono il calcio come una grande opportunità. Ci sono grandi margini di miglioramento, sia nei ricavi che negli utili. Il problema è che noi, per come la vedo modestamente io, abbiamo una visione legata a una persona, a un'individualità, e non a un gruppo che non ha simili riferimenti, se non la persona che gestisce. Il calcio ha contenuti e tradizioni che vengono tramandati, i fondi determinano che perde questo aspetto romantico. Oggi questo viene meno perché si parla solo di denaro: noi abbiamo fatto un'opera di salvataggio del sistema, in due tempi partendo dall'anno scorso con una norma che ha consentito, nel post Covid, di dilazionare il pagamento delle imposte. Era dovuto, il cinema ha avuto 1,1 miliardi di fondi a soldo perduto e il calcio nulla. Questo ha consentito la possibilità di avere una visione prospettica di cinque anni, con potenziali incrementali legati alla lotta alla pirateria: lo Stato perde 4 milioni al giorno di tasse e noi perdiamo fra i 200 e 300 milioni all'anno".

Decreto crescita per i calciatori: sì o no?
"C'è un tentativo di eliminarlo. Io più che eliminare le cose in corso, che porterebbero dei danni a tante persone, penso che sia giusto scadenzare in un tempo che salvaguardi cinque anni di contratto la possibilità di modificare la norma. Noi dobbiamo creare par condicio per tutti".

Altre notizie
Mercoledì 19 Giugno 2024
06:18 Probabili formazioni Le probabili formazioni di Scozia-Svizzera: britannici a caccia di riscatto, Embolo unica novità per gli elvetici 06:15 Serie ATMW Radio Galia: “Chiesa mostra due facce. Un ottimo giocatore ma non un fenomeno” 06:12 Probabili formazioni Le probabili formazioni di Germania-Ungheria: Nagelsmann con Musiala e Havertz per il bis 06:10 Serie A Portogallo-Repubblica Ceca 2-1, le pagelle: delude Leao, si salva CR7. Male Schick 06:06 Probabili formazioni Le probabili formazioni di Croazia-Albania: Pasalic dal 1', Sylvinho cambia modulo
06:05 Euro 2024 Turchia-Georgia 3-1, le pagelle: Calhanoglu faro, Yildiz si sacrifica. Kvara nel deserto 06:00 Il Talento del Giorno Un talento al giorno, Joel Tshisanga Ndala: il City coltiva il futuro in casa 05:55 Serie ATMW Radio Impallomeni: "Napoli-Lukaku? Se ha voglia di sacrificarsi ok ma..." 05:30 Calcio estero Oggi in TV, Euro 2024: le avversarie dell'Italia, dove vedere Croazia-Albania 05:00 Nato Oggi... Lorenzo Pellegrini, il capitano della Roma che sogna di vincere l'Europeo da titolare 01:00 Serie A Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 18 giugno 00:56 I fatti del giorno Italia, difesa a 4 anche contro la Spagna. Raspadori: "Non sono giovane, cerco spazio" 00:53 I fatti del giorno Il Manchester United tra il Milan e Zirkzee. Serve uno sforzo da parte dei rossoneri 00:49 I fatti del giorno Vitinha torna al Genoa. Nuovo arrivo in Italia, poi il sì definitivo. All'OM la recompra 00:45 I fatti del giorno Douglas Luiz-Juventus, iniziano le preoccupazioni. La trattativa non si sblocca 00:42 I fatti del giorno La Roma pensa a Retegui. E intanto il padre punge: "Argentina? L'Italia ha 4 stelle sulla maglia" 00:38 I fatti del giorno CR7? No, Conceiçao. Il Portogallo batte la Repubblica Ceca, Martinez elogia il figlio d'arte 00:34 I fatti del giorno Montella vince e convince a debutto aEuro 2024: la Turchia rifila il tris alla Georgia 00:30 Serie A TOP NEWS ore 24 - Portogallo ok in extremis. Accordo Roma-Como per Belotti 00:26 Calcio estero Guehi convince a Euro 2024, due big drizzano le antenne: la richiesta del Crystal Palace 00:23 Euro 2024 Turchia, Calhanoglu: "Montella lavora molto bene. Contenti di avere un allenatore così" 00:19 Serie B Il Frosinone vuole Vivarini e pensa alla proposta. Contratto biennale con opzione 00:15 Serie A Futuro? No, Carboni pensa alla Copa America: "Felice per questa bellissima esperienza!" 00:14 Serie A Repubblica Ceca, Hasek: "Reso vita difficile a una delle più forti al mondo" 00:11 Calcio estero Il Chelsea piomba su Omorodion e formalizza la prima offerta: 'no' dell'Atletico, le cifre 00:08 Serie A Pres. Assoagenti: "15 milioni di commissioni leciti. Ma Zirkzee cosa ne pensa?" 00:06 Serie A Portogallo, Martinez: "Non averla sbloccata subito ci ha complicato le cose" 00:04 Serie C Foggia, si prova a stringere per Brambilla in panchina. A breve l'incontro con il tecnico 00:00 Accadde Oggi... 19 giugno 2008, la Germania vince 3-2 ed elimina il Portogallo di CR7 ai quarti dell'Europeo 00:00 Editoriale Milan: il messaggio nascosto di Theo, i missili di Ibra, le mosse finali per Zirkzee. Napoli: l’errore (e il futuro) di Kvara. Inter: Martinez e i perché della scelta “in porta”. Italia: il collage di Spalletti