Sorteggio EL - Chelsea, da Sarrismo a Sarriball: Napoli da evitare

di Marco Frattino
Foto Articolo

E' d'obbligo una delle squadre più accreditate alla vittoria finale dell'Europa League. La squadra di Maurizio Sarri non sta impressionando in Premier League, ma nella seconda competizione continentale il cammino è al limite della perfezione. Il tutto in barba a quanto avvenuto in passato, in quanto il mister ex Napoli all'ombra del Vesuvio ha sempre messo da parte le coppe per puntare tutto sul campionato. Ora, visto anche il divario tecnico rispetto a Liverpool e Manchester City, la musica è cambiata.

Come gioca - Solito schema, per il mister toscano: il 4-3-3. Possesso palla al limite dello sfinimento, a volte anche sterile. Molto passa dai centrocampisti, con Jorginho (spesso criticato e bistrattato) che rappresenta il faro del gioco e l'emblema - almeno ai tempi comuni a Castel Volturno - del Sarrismo. Dall'Italia all'Inghilterra la filosofia sarrista si è evoluta in Sarri-ball, con la voglia di continuare a fare bene in Europa fino alla finale di Baku. Il sorteggio odierno, però, potrebbe fare uno scherzo: un eventuale incrocio col Napoli sarebbe a dir poco suggestivo.

L'andamento nell'ultimo mese - Il ko per 6-0 in Premier contro il Manchester City dello scorso 10 febbraio è stato parzialmente riscattato con la sconfitta - arrivata solo ai rigori - in Carabao Cup sempre contro i citizens di Guardiola. Poi le vittorie in Premier contro Tottenham e Fulham, oltre il pari contro il Wolverhampton. In Europa League doppia vittoria ai danni del Malmö e i netti successi contro la Dinamo Kiev.

Formazione titolare - (4-3-3): Kepa; Azpilicueta, Rüdiger, David Luiz, Alonso; Kanté, Jorginho, Kovacic; Pedro, Higuain, Hazard.


Altre notizie
Venerdì 24 Maggio 2019