Menù Notizie

Josè Mourinho e Valentino Mazzola, l'uomo triplete e la storia del Toro

di Simone Bernabei
Foto
© foto di www.imagephotoagency.it

José Mourinho, per tutti o quasi lo Special One. Allenatore dal grande carisma e dai modi talvolta discutibili, fin dagli inizi della sua carriera è riuscito ad abbinare i successi sul campo ad una dialettica del tutto particolare. Che inevitabilmente fa parlare, nel bene e nel male. Dopo una più che modesta carriera da calciatore, inizia come assistente nel Rio Ave, poi Belenenses, Vitoria Setubal, Estrela Amadora, Sporting, Porto e Barcellona. La prima esperienza da 'titolare' è al Benfica, poi Uniao Leiria e il Porto, la tappa che lo fece conoscere al grande calcio e gli regalò il primo e forse più indimenticabile successo della carriera: la Champions League, oltre alla Coppa UEFA e ad un paio di campionati. Nel 2004 passa al Chelsea, quindi dal 2008 al 2010 l'esperienza all'Inter e il triplete nerazzurro a suggellare una storia d'amore intensa e prolifica. Nel 2010, subito dopo il successo sul Bayern Monaco, viene chiamato da Florentino Perez al Real Madrid, quindi il ritorno al Chelsea dal 2013 al 2015. Dal 2016 allena al Manchester United, ma l'esperienza con i Red Devils si concluderà il 18 dicembre del 2018 dopo un'Europa League vinta (l'unico trofeo che gli mancava) e troppi risultati non all'altezza in Premier League. Adesso la nuova avventura alla Roma, dopo quella al Tottenham. Come detto, oltre ai successi, di Mourinho si ricordano i diverbi spesso accesi e quasi sempre imperdibili con stampa, tifosi e allenatori avversari. La sua bacheca è ricchissima e vede 2 Campionati portoghesi, una Coppa del Portogallo, una Supercoppa di Portogallo, 4 Coppe di Lega inglesi, 3 Campionati inglesi, 2 Community Shield, una Coppa d'Inghilterra, 2 Campionati italiani, una Supercoppa Italiana, una Coppa Italia, un campionato spagnolo, una Coppa di Spagna, una Supercoppa di Spagna, una Coppa UEFA, una Europa League e 2 Champions League.
Oggi José Mourinho compie 60 anni.

Da molti, è considerato uno dei più grandi numeri 10 della storia del calcio, almeno di quello italiano. Nato il 26 gennaio del 1919, Valentino Mazzola è stato capitano e soprattutto simbolo del Grande Torino, la squadra che negli anni '40 dominava fra i confini italiani. Mazzola come detto era il faro di quei meravigliosi granata e grazie alla sua velocità e alla sua leadership sul campo fu accostato, da Bearzot, a Di Stefano. Giocatore a tutto campo, riusciva a disimpegnarsi tanto in difesa quanto in attacco. Inoltre aveva nella tecnica e forza di tiro, con entrambi i piedi, una delle sue qualità più spiccate. Per descrivere la sua facilità di calcio, Boniperti arrivò a dire che "non era possibile stabilire se fosse destro o mancino". Con il Grande Toro giocò 195 partite segnando 118 gol e il suo palmares granata racconta di 5 Scudetti e due Coppa Italia. I trionfi sarebbero potuti essere molti di più, anche in ambito internazionale, se la tragedia di Superga non lo avesse strappato alla vita assieme a tutti i suoi compagni di squadra. Oggi sono passati 104 anni dalla nascita di Valentino Mazzola.

Sono nati oggi anche Gian Piero Gasperini, Delio Rossi, Sebastian Giovinco, Alex Sandor e Salvador Ichazo.

Altre notizie
Giovedì 29 Febbraio 2024
12:15 Serie A Le pagelle di Kvaratskhelia - È tornato e fa quello che vuole. Si va al 7.5 all'8.5 12:14 Serie A Sabato il Borussia Dortmund a Terni: occhi su Dennis Man del Parma 12:12 Calcio estero Davies piace al Real ma fu vicino al Barça: "Bartomeu disse no perché sono canadese" 12:10 Serie A Il Sassuolo tra Bigica e un nuovo allenatore, ore decisive per la panchina 12:08 Serie A I giocatori dell'Inter cantano "la capolista se ne va"? Dimarco: "Non abbiamo ancora fatto nulla"
12:04 Serie B Venezia, Niederauer: "Non solo Cerberus, parliamo con altri investitori. Ambiamo alla A" 12:01 Editoriale Un’Inter inarrestabile e lampi del “vecchio” Napoli 12:00 Serie A Le pagelle di Doig - Era già in fase calante a Verona. Non si è ancora ripreso 11:56 Calcio estero Mbappé vuole portare a Madrid il fratello Ethan e non solo: chiesto uno sforzo per Hakimi 11:53 Serie A Fiorentina, Martinez Quarta a rischio forfait col Toro. Kouame punta la Conference 11:49 Serie B La Top11 di Serie B: brillano Felici, Johnsen e Raimondo, tutti premiati col 7,5 11:45 Serie A Le pagelle di Carnesecchi - Para un rigore ma sbaglia troppo. Peggior serata dell'anno 11:42 Calcio estero Retromarcia del Barcellona: Dani Alves riammesso tra le "leggende" del club 11:38 Serie A Koopmeiners o Ferguson? La Juventus studia la strategia con le carte Miretti e Nicolussi 11:34 Serie B Sampdoria, rinviata la decisione sui ricorsi di Vidal: accordo o sarà il tribunale a decidere 11:34 Serie C Padova, Torrente: "Dieci gare in 40 giorni, c'è bisogno di tutti. Vedo miglioramenti continui" 11:30 Serie A Le pagelle di Lautaro - Dal 7.5 all'8 pur sbagliando un rigore. Giocatore totale 11:26 Calcio estero Bayern su Xabi Alonso, ma il tecnico spagnolo può finire al Liverpool col d.s. Rolfes 11:23 Serie A Lo Stadium che fischia, la caviglia ko e i problemi sul rinnovo: ecco il 2024 di Federico Chiesa 11:19 Serie B Feralpisalò, La Mantia: "Vittoria frutto di un gruppo sano. Ora restiamo sul pezzo" 11:15 Serie A Le pagelle di Osimhen - Un uragano che travolge tutto. È la soluzione di tanti problemi 11:12 Calcio estero Brighton fuori dall'FA Cup, De Zerbi mastica amaro: "Nel calcio chi segna vince" 11:08 Serie A Osimhen sulla scia di Sallustro e Maradona: quarta volta consecutiva in doppia cifra 11:04 Calcio femminile Parigi 2024, Nigeria-Sud Africa e Marocco-Zambia per decidere le ultime 2 qualificate 11:00 Serie A Le pagelle di Tressoldi - Serata melodrammatica, prova imbarazzante. Ma è sempre titolare 10:58 Le Statistiche Lazio-Milan alla 27^ di A e… lo scudetto diventa rossonero in rimonta 10:56 Calcio estero Una meteora del Crotone resta in Cina. Kotnik passa dal Meizhou Hakka al Dalian 10:53 Serie A Inter, Darmian: "Il +12 in classifica? Sappiamo che i mesi che verranno sono i più importanti" 10:49 Serie B Serie B, 27ª giornata: la classifica assistman. Vandeputte al comando. Calò insegue 10:45 Serie A Le pagelle di Gasperini - Inizia male il tour de force. 15' discreti, poi l'Atalanta si sgonfia