Menù Notizie

Aldair, Pluto come il cane di Topolino. L'ultimo capitano della Roma prima di Totti

di Alessio Del Lungo
Foto
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Un difensore centrale dotato di grande personalità, tecnica, elegante, efficace e concreto. Caratteristiche difficili da trovare in un singolo calciatore, almeno che quel giocatore non si chiamasse Aldair. Dopo gli inizi nel Flamengo, con cui vinse il Campionato Carioca, ovvero il torneo dello Stato di Rio, e soprattutto il titolo nazionale nell'87, passò al Benfica, che lo fece conoscere a tutta Europa. La squadra portoghese infatti nell'89-'90 era un club di primo piano, che raggiunse un traguardo prestigioso come la finale di Coppa dei Campioni, persa al Prater di Vienna 1-0 contro il Milan, oltre a conquistare una Supercoppa Portoghese.

La sua carriera cambiò nell'estate successiva, quando Dino Viola, presidente della Roma, lo acquistò per 6 miliardi di lire. Nella Capitale trascorrerà ben 13 stagioni, diventando non solo una bandiera, ma anche qualcosa di più, un simbolo giallorosso che i tifosi adoreranno, il capitano prima di Francesco Totti, a cui cederà la fascia nel '98-'99. L'attaccante poi segnerà un'epoca nella storia della società. Chiamato affettuosamente Pluto per la sua somiglianza con il migliore amico di Topolino, Aldair verrà ben presto etichettato da tutti gli addetti ai lavori come uno dei più forti del mondo nel suo ruolo. Memorabile, oltre alla Coppa Italia del '90-'91 e la Supercoppa Italiana del '00-'01, lo Scudetto, sempre del '00-'01, che ha un valore unico perché è il secondo ed ultimo, ad oggi, che il club ha in bacheca. Vincere un titolo di quella importanza a Roma ti garantisce la "gloria eterna" in città. Dopo il suo addio infatti, avvenuto nel '02-'03, proprio la Roma ritirò la maglia numero 6 in suo onore, successivamente riconsegnata su spinta dello stesso brasiliano.

L'amore per i giallorossi è talmente grande che rifiuta ogni proposta dalla Serie A accettando di disputare la B con il Genoa per non sfidare la sua ex squadra. Appende le scarpe al chiodo nel '03-'04, salvo poi tornare in campo prima nel 2005 con il Rio Branco-ES e poi nel 2007, a 41 anni, con il Murata, squadra di San Marino con cui si laurea campione in patria e disputa anche gare valide per i preliminari di Champions.

Fece parte anche di un Brasile stellare, che vinse la Copa America nell'89 con in rosa calciatori del calibro di Taffarel, Dunga Bebeto e Romario. Vincere non era proprio un'impresa, ma farlo nella Seleçao a finaco di certi campioni ha un sapore sempre particolarissimo. È il caso del Mondiale del '94, che noi italiani ci ricordiamo benissimo visto che la coppa del mondo fu sollevata dopo la vittoria ai rigore in finale proprio contro gli Azzurri. Stesso discorso per la Copa America del '97, in cui Aldair condivide lo spogliatoio con Taffarel e Dunga, ormai compagni da tempo, ma anche con Roberto Carlos, Cafu, Leonardo, Edmundo e Ronaldo. Con il Brasile conquista anche la Confederations Cup nello stesso anno, tutti tornei nei ai quali prende parte da protagonista assoluto. Oggi Aldair compie 58 anni.

Altre notizie
Mercoledì 21 Febbraio 2024
16:26 Calcio estero Lite in Nazionale, Son chiede perdono per Lee: "Commettiamo tutti degli errori" 16:25 Serie A Arnautovic gode il suo momento d'oro: il riscatto da parte dell'Inter è già ufficiale 16:23 Serie A Inter, Lautaro: "Vittoria sull'Atletico ci dà un vantaggio, ma non è ancora fatta" 16:19 Serie C Tre sconfitte in altrettante gare. Bordini si gioca la Triestina nello scontro diretto col Vicenza 16:15 Serie A Dybala: "Il mio futuro è la prossima partita, ma gioco nella Roma e mi vedo con la Roma"
16:12 Calcio estero Caso Palhinha ancora di moda. Il proprietario del Fulham: "Considereremo offerte degne" 16:10 Serie A Atalanta, parla Ruggeri: "Bergamo è casa mia, spero di restare a lungo. Quanto è forte CDK" 16:08 Serie A Seggiolini rotti dai tifosi della Fiorentina al Castellani. L'Empoli non chiederà i danni ai viola 16:06 Serie A Cosa dovrebbe fare Daniele De Rossi per farsi confermare alla guida della Roma? 16:04 Calcio estero Eriksen fuori dal progetto Manchester United, per l'estate si scalda l'idea del ritorno all'Ajax 16:02 Serie C Il saluto di Rizzo al Catania: "Non è dispeso dall'infortunio. Grato per ogni momento vissuto" 16:00 Serie A "Col Feyenoord daremo tutto, e l'Olimpico...". Rivedi Cristante alla vigilia dell'Europa League 15:57 Serie C Atalanta sprecona, Renate mai domo. Il recupero della 23ª giornata di Serie C finisce 2-2 15:53 Serie A L'annuncio dell'entourage di Hamsik: "Un giorno arriverà il momento del ritorno a Napoli" 15:49 Serie B Venezia, Sverko: "Serie B imprevedibile, importante restare agganciati alla vetta" 15:45 Altre Notizie Inter, Impallomeni: "Questa squadra non ha più timore di nessuno" 15:45 Serie A 21 clean sheet in stagione per l'Inter, Sommer: "Il buon equilibrio è il nostro segreto" 15:41 Calcio estero Emre Can: "Non è un Borussia Dortmund a due facce, anche se non siamo sempre ottimi" 15:40 Serie A Il padre di Retegui: "Era tutto fatto all'Atletico Madrid. Poi abbiamo scelto il Genoa" 15:38 Serie A Pruzzo: "Primo tempo dell'Inter deludente. Poi si è ricordata di giocare un calcio veloce" 15:34 Serie B Ascoli, Zedadka: "Pari con la Cremonese utile per la fiducia. Posso dare molto al club" 15:32 Altre Notizie Inter, Santini: "Inzaghi ha messo su davvero una bella squadra" 15:30 Serie A Quando rientra Buongiorno? Juric fa il punto: "Non prima della Fiorentina, se tutto va bene" 15:26 Calcio estero Rooney: "Se Guardiola mi chiamasse, farei il suo assistente. Avete visto Arteta?" 15:23 Altre Notizie Inter, Cagni: "La sua forza è la personalità e la sicurezza" 15:19 Serie C L'ACR Messina esalta Fumagalli: "700 volte uniCo". È il più presente di sempre in C 15:15 Serie A Roma, Dybala: "Stimolante lavorare con De Rossi. Con Mourinho sono cresciuto molto" 15:12 Altre Notizie Zilliacus ricercato a Singapore, l'Interpol emette un avviso rosso nei suoi confronti 15:08 Serie A Orlando a RFV: "Fiorentina, mi preoccupa la perdita di entusiasmo generale" 15:04 Serie B Cremonese-Palermo sfida d’alta classifica: lo Zini fa registrare il tutto esaurito