Menù Notizie

Quella volta che Andy Brehme disse: “Devi limitarti a fare il tuo lavoro…”

di Fabrizio Ponciroli
Foto

Andy Breme ci ha lasciato. Un altro mito della nostra infanzia (sicuramente della mia), si è spento troppo presto. Gli devo almeno un editoriale per quello che ha rappresentato per chi ha avuto la fortuna di vederlo giocare dal vivo nei favolosi anni ’80 e ‘90. Nel 1988, da adolescente avido di conoscenze calcistiche, fantasticavo su ogni campione straniero che abbelliva la nostra Serie A, ai tempi equiparabile, se non superiore, all’attuale Premier League. Ricordo l’acquisto di Matthaus da parte dell’Inter, “accompagnato” nella sua nuova avventura italiana da un certo Brehme. Ma chi è costui? In Italia erano presenti terzini fortissimi, perché mai investire su un esterno difensivo di 28 anni che, almeno fino ad allora, non aveva brillato particolarmente in carriera? Inoltre, i suoi presunti litigi con il tecnico del Bayern Monaco Heynckes, lo avevano “bollato” come uno “di cui liberarsi”. Invece, con umiltà e talento, Andy Brehme ha conquistato tutti quanti. Il suo saper giocare con entrambi i piedi in maniera eccelsa, la precisione nei passaggi, la corsa spavalda e quell’imperturbabile volto da tedesco senza paura. Il suo gol, nella finale del Mondiale 1990, a casa nostra, contro l’Argentina rappresenta, in maniera perfetta, chi è stato Andy Brehme. Immaginate… Una manciata di minuti dalla fine del match più importante della tua vita, tutto il mondo che ti guarda. Vai sul dischetto, hai di fronte Goycoechea, portiere argentino giustiziere dell’Italia in semifinale. Cosa fai? Non ti fai infastidire dagli argentini che prendono tempo, prendi la rincorsa e metti la palla, ottimamente calciata di destro, nell’angolino dove nessun portiere, neppure Goycoechea, potrà mai arrivarci. Hai segnato il gol che vale la Coppa del Mondo.

Anni dopo, ho avuto la fortuna di chiedergli come è riuscito a restare concentrato in quel momento tanto “caldo”. La sua risposta è stata tanto semplice quanto sincera: “Devi limitarti a fare il tuo lavoro…”.
Che dire, Andy Brehme il suo lavoro in campo l’ha sempre fatto egregiamente. L’ho apprezzato moltissimo. Un giocatore eccezionale, con una serenità impressionante. Quella serenità che gli è mancata dopo il ritiro dal calcio giocato. Eppure, anche quando la vita gli ha riservato brutte sorprese, Andy Brehme ha sempre avuto qualcuno pronto a dargli una mano, come lui ha sempre fatto in campo. Dal mio punto di vista, ci ha lasciato un gigante del calcio mondiale. Sono certo che nessuno lo dimenticherà mai, io per primo. Un consiglio per chi non c’era quando Brehme dominava la sua fascia di competenza. Andate a rivedervi come giocava, magari nella stagione dell’Inter dei record. Andy Brehme era speciale…

Altre notizie
Mercoledì 17 Aprile 2024
10:30 Serie A Ranking UEFA per nazioni, l'Italia certa dei 4 posti Champions anche nel 2025/26 10:26 Calcio esteroVideo Rivedi Simeone: "Non sono contento per niente. Eravamo rientrati, poi i due gol decisivi" 10:23 Serie A Gli obiettivi di Ramadani: "Voglio la salvezza col Lecce, poi far bene all'Europeo..." 10:19 Serie B Como, Suwarso: "Con Longo vittorie senza merito, la strada non avrebbe portato lontano" 10:15 Serie A Sfumato Anderson, la Juve valuta nuove pista: piace Zhegrova, occasione Greenwood
10:12 Calcio estero Il cammino in Champions può far cambiare idea a Mbappé? Lui risponde "No, no, no" 10:10 Fantacalcio Fantacalcio, i peggiori attaccanti nelle ultime 5 giornate 10:08 Serie A Ranking UEFA, exploit Dortmund che entra in Top 10. Dove vi sono 2 italiane 10:06 Serie AFocus TMW Koopmeiners costa tra i 50 e i 60 milioni e ha un contratto fino al 2028: asta a giugno? 10:04 Serie C Pres. Avellino: "In caso di B, Sgarbi resterà. Pazienza e Perinetti? Per loro è presto" 10:00 Serie A Dopo Osimhen, il Napoli s'è portato avanti incontrando l'agente di David. Piace Sudakov 09:56 Calcio esteroVideo Rivedi Donnarumma: "Ci abbiamo sempre creduto. Le critiche? Ci scivolano addosso" 09:53 Serie A Pioli, 5 giorni per il futuro e l'ombra di Lopetegui: il basco ha già dato un ok di massima al Milan 09:48 Serie B Caso scommesse. Notificati avvisi a 4 giocatori tra Serie B e C; e nuove indagini su Coda 09:46 Le Statistiche Fra Aquile e Ducali 29 gol di riserva. E lo 0-0 manca da mezzo secolo… 09:45 Serie ATMW Perché Gasperini è la prima scelta del Napoli. Tutti i dettagli e cosa serve per l'accordo 09:42 Calcio esteroVideo Rivedi Capello: "Sorpreso dall'eliminazione dell'Atletico. Mbappé deve fare questo" 09:38 Serie A Roma, Lukaku vuole quota 300. Anche per convincere i Friedkin a riscattarlo dal Chelsea 09:34 Serie DEsclusiva TMW Imolese, Dall'Osso: "Mancati playoff? Niente sconfitta. Centrati gli altri obiettivi reali" 09:30 La Giovane Italia Quieto incanta in Primavera: Inzaghi lo monitora per la prossima stagione 09:30 Serie A Pioli divide: contro la Roma si gioca il futuro. La Coppa porterebbe oltre 30 milioni 09:27 Calcio esteroVideo Raphinha illude ma il Barça crolla dopo il rosso ad Araujo: 1-4 col PSG, L. Enrique in semifinale 09:23 Serie A L'Hellas Verona scopre Noslin, l'ex rider di Subway salvato da un consiglio di Sneijder 09:19 Serie CTMW Pontedera ai Playoff, Guidi protagonista: "Rifarei tutto, anche i chilometri in motorino" 09:15 Serie A Napoli, per Meret è scattata l'opzione di rinnovo automatico. Ma il futuro è un rebus 09:12 Calcio esteroVideo Simeone fuori, in semifinale va il Borussia Dortmund: gli highlights del 4-2 all'Atletico 09:12 Serie A L'Italia avrà la 5ª squadra in Champions? Ci siamo quasi. Il Dortmund fa sorridere la Germania 09:08 Serie A Quasi 80 gol in 4 anni al Lille: numeri e caratteristiche di David, primo obiettivo del Napoli 09:04 Serie BFocus TMW Serie B, i migliori in ogni reparto (e non solo) dopo 33 giornate di campionato 09:00 Serie A Salernitana, dubbi sul futuro societario: tre ipotesi e i motivi del ridimensionamento