Menù Notizie

Juve: la crisi è profonda, certe reazioni sono inaccettabili. Inter: diffidate dai “mai contenti”. Milan: Pioli francamente esagerato (e su Tonali…). Roma: che spettacolo il nuovo Mou

di Fabrizio Biasin
Foto

Un tempo si aspettava almeno, boh, l’Immacolata. Oggi no, siamo alle sentenze con ancora i semi di cocomero tra i denti: Allegri è un povero pirla, Inzaghi ha pareggiato e quindi poco ci manca, Tonali che prima era un fallito ora è un fenomeno, Mou che era un bollito ora è il Papa, Pioli che era un miracolato ora è Sacchi e così via.

Non che la cosa ci sorprenda, anche perché è colpa nostra, dei media.

Prendete Tonali. Quando era al Brescia e lo volevano tutti dicevamo “chi prenderà il nuovo Pirlo?”, dopo una stagione passata a imparare lo abbiamo definito “flop”, ora è tornato “fenomeno”. Il tutto nell’arco di qualche mese. Roba da matti. Semplicemente, questo ragazzo di 21 anni sta facendo quello che ci si aspetta da un ragazzo di 21 anni: migliora. Per intenderci, non deve sorprendere che per emergere ci abbia messo una stagione intera, semmai che ci abbia messo così poco.

Appunto a margine: il qui presente è sempre stato fan di Pioli, mai però avrebbe immaginato di vedere il Milan giocare così bene. È solo l’inizio, ma che inizio.

Ecco, Allegri. La strada è assai complessa, più complessa del previsto. Dicevamo: “Alla Juve torna il più bravo, la Juve sarà certamente la favorita”. Cioè, io almeno la pensavo così. E invece no, è tutto tremendamente più complesso. Stanno emergendo due anni di cattiva gestione e, certo, la colpa non è del buon Cherubini (molto onesto in settimana col il suo “abbiamo problemi, bisogna ringiovanire”), ma di chi lo ha preceduto e dei grandi capi “silenziosi”: Agnelli, dove sei? Nedved, dove sei? Una proprietà assente è più preoccupante di una squadra balbettante.

Poi, sia chiaro, guai a dar credito agli inferociti da striscione: muovere obiezioni ha senso, contestare ferocemente dopo dieci anni di successi è quantomeno ingeneroso, soprattutto se chi lo fa ha interessi, definiamoli, “secondari” (leggi: biglietti che una volta arrivavano e ora non arrivano più).

L’Inter ha pareggiato ma, da statuto, evidentemente non si può fare, deve solo vincere, altrimenti si scatenano i plotoni d’esecuzione. Il 2-2 con la Samp ha ridato fiato ai temibilissimi “mai cuntent”, quelli che erano scontenti perché l’Inter “ora vende tutti”, sono rimasti scontenti quando non ha venduto tutti perché non potevano dire “visto? Abbiamo venduto tutti” e ora sono scontenti perché “non abbiamo vinto con la Samp e in testa, invece, c’è chi ha fatto 3 successi su 3”. E chissà cosa accadrà se non dovesse arrivare un successo con il Real: “Ecco, non abbiamo battuto neanche il Real…”.
Confidiamo segreti indicibili: l’Inter non è una squadra perfetta, ha perso tre fenomeni e ha bisogno di tempo per riassestarsi. Forse ce la farà e porterà a casa un nuovo scudetto, forse no e dovrà conquistarsi uno dei primi 4 posti. Frignare a ogni non vittoria sarà un problema per gli stessi “lagnanti”, perché a ogni possibile inciampo dovranno ricercare nuovi, devastanti aggettivi da tregenda: “E’ tutto finito, ma dove vogliamo andare, che squadra penosa”. Eccetera eccetera (salvo poi cambiare idea all’occorrenza, ovvio).

Una cosa su Mourinho, signore da 1000 panchine in carriera. San José da Setubal è il nuovo tecnico della Roma e nella considerazione dei suoi tifosi, ormai, arriva solo dopo Pietro (Santo): al gol di El Shaarawy dell’altra sera (splendido) è partito come un Mazzone 2.0 e ha fatto la cosa strategicamente più intelligente che potesse fare.

Ecco, del ritorno di Mou in serie A non sorprendono tanto i risultati (siamo solo all’inizio, guai a sentenziare), semmai l’atteggiamento: José, semplicemente, se ne fotte. Si fa riprendere mentre sfreccia in Vespetta a Trigoria; sorride compiaciuto mentre trangugia pizza e Coca Cola sul treno a mezzanotte; mostra fiero il capello brizzolato, la pancetta, pare in definitiva la versione consapevole del José perennemente imbufalito di un tempo.
Mourinho sa di non dover dimostrare nulla a nessuno e sa pure di avere un palmares ineguagliabile (gli altri 19 tecnici di serie A, tutti assieme, non raggiungono neanche per sbaglio i suoi 25 trofei complessivi). Poi oh, magari inciampa alla prossima e iniziano i mugugni, oppure perde un derby e - apriti cielo! - viene giù tutto. Per ora no, e non è poco per uno che “è bollito” (multicit.). Complimenti a lui e a chi l’ha scelto: sì, i Friedkin (l’immagine di Mou in versione Forrest Gump ha fatto il giro del mondo e Dio solo sa quanto la Serie A abbia bisogno di questa pubblicità).

Ps. Papa Francesco a Bratislava ha detto così: "Un'omelia non deve andare oltre i dieci minuti, perché la gente dopo otto minuti perde l'attenzione". Tremano diversi allenatori di Serie A.

Ps/2 “Maremma impestata!” (Cit.). Quanto ci sei mancato, Luciano Spalletti.

Altre notizie
Lunedì 17 Giugno 2024
06:45 Serie A Tra acquisti e cessioni, Giuntoli vuole accontentare in tutto Thiago Motta 06:30 Serie A Il Genoa raddoppia: scudetto U18 e ora U15 in finale, l'ennesimo capolavoro di Sbravati 06:15 Euro 2024 Serbia-Inghilterra 0-1, le pagelle: si dimentica Chiellini con una delizia. Kostic, lacrime amare 06:10 Euro 2024 Slovenia-Danimarca 1-1, le pagelle: Eriksen e Sesko i migliori, male Hojlund 06:06 Probabili formazioni Le probabili formazioni di Austria-Francia: Arnautovic dalla panchina, Deschamps punta su Thuram
06:06 Euro 2024Probabili formazioni Le probabili formazioni di Belgio-Slovacchia: nessuna assenza da entrambe le parti 06:06 Euro 2024 Le probabili formazioni di Romania-Ucraina: Rebrov punta tutto su Dovbyk e Mudryk 06:05 Serie A Polonia-Olanda, 1-2, le pagelle: Szczesny limita i danni, Weghorst entra e decide 05:00 Accadde Oggi... 17 giugno 1970, l'Italia batte 4-3 la Germania Ovest allo Stadio Azteca: è la partita del secolo 05:00 Nato Oggi... Alan Dzagoev, l'eterna promessa che ha detto no alla Premier. E ha giocato una vita in Russia 04:30 Euro 2024 Le partite di oggi: il programma di lunedì 17 giugno 01:00 Serie A Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 16 giugno 00:56 I fatti del giorno Marotta annuncia i rinnovi di Lautaro e Inzaghi: "Orgogliosi del blocco Inter in Nazionale" 00:53 I fatti del giorno Fagioli recuperato al 100%. Buffon accosta Spalletti a Lippi: "C'è molta somiglianza" 00:49 Serie A Il Napoli risponde all’agente di Kvara: “Ha altri tre anni di contratto, non è sul mercato” 00:49 Euro 2024 La stella di Bellingham torna a brillare anche in Germania: 1-0 alla Serbia, male Vlahovic 00:45 I fatti del giorno Frantumato il ritorno da sogno di Eriksen: la Slovenia rimonta 1-1 la Danimarca 00:42 I fatti del giorno Szczesny para (quasi) tutto, ma tra Polonia e Olanda finisce 1-2. Decide il profeta Weghorst 00:38 I fatti del giorno La Lazio prova a muoversi sul mercato, la protesta contro Lotito è globale 00:34 I fatti del giorno Napoli, Osimhen senza offerte. L'agente di Kvara: "Vogliamo andare via" 00:30 Serie A TOP NEWS ore 24 - Bellingham trascina l'Inghilterra, l'agente di Kvara apre la crisi 00:26 Euro 2024 Inghilterra, Bellingham si gode gol e vittoria contro la Serbia: "Poteva andare peggio..." 00:23 Euro 2024 Bellingham-gol e poco altro: Serbia-Inghilterra gara con meno tiri di un Europeo dagli anni '80 00:19 Euro 2024 Bellingham: "Mi è piaciuto giocare a centrocampo stasera. Questo per me non è un lavoro" 00:15 Serie A Napoli, già rifiutati 100 milioni dal PSG per Kvara: per il club resta incedibile 00:11 Euro 2024 Inghilterra, capitan Kane: "Bellingham giocatore incredibile, si merita tutti gli elogi che riceve" 00:08 Euro 2024Video Rivedi le parole di Mbappé: "Estremisti alle porte del potere, possiamo fare la differenza" 00:04 Euro 2024 Southgate vuole ancora di più: "Nella ripresa non l'abbiamo tenuta come avremmo dovuto..." 00:00 A tu per tu …con Beppe Accardi 00:00 Editoriale Inter, per la porta si stringe per Martinez. E si avvicina Tessmann. Il Milan aumenta il pressing su Broja. Per il centrocampo c’è sempre Fofana. Napoli, per Buongiorno servono 45 milioni