Menù Notizie

Inter, Barella stratosferico: gruppo totale. Milan: il tafazzismo di Pioli. Juve: la vera mancanza di Allegri. Bologna: l’unico vero indispensabile tra i rossoblu. Roma: il futuro della panchina. E un saluto a un uomo buono

di Fabrizio Biasin
Foto

Ben ritrovati col compendio settimanale.

Il compendio settimanale parte con i complimenti ai tifosi del Cittadella che da un paio di trasferte, prima di lasciare il loro settore di competenza, puliscono gli spalti. Se pensate “e vabbè, sticazzi”, banalmente, pensate male. Siccome dei tifosi si scrive quasi unicamente per raccontare porcherie, è giusto parlarne anche quando i diretti interessati si dimostrano “avanti”. “Dovrebbe essere la normalità”, dice il precisino, ma io ti vedo precisino mentre abbandoni il tuo sacchetto di patatine untissime sotto la poltrona del cinema. E quindi muto, precisino, e viva i tifosi del Citta.

Il compendio continua con una predicozza che ve la raccomando indirizzata a Stefano Pioli, tecnico autolesionista. Se leggete le minchiate che scrive settimanalmente il qui presente ben sapete che siamo da sempre sul carro del tecnico di Parma. Proprio per questo ci pare giusto punzecchiarlo rispetto all’atto tafazziano compiuto l’altra sera a Monza. Le giustificazioni sul turnover (“Tizio non stava bene, Caio pure”) lasciano il tempo che trovano nel momento in cui Tizio e Caio entrano in campo nel secondo tempo. L’11 rossonero proposto in Brianza ha banalmente invitato i ragazzi di Palladino a provarci e loro, gli avversari, non aspettavano altro che inzuppare il biscotto nella tazza di un Milan privato contemporaneamente di Leao, Giroud e Pulisic, ovvero tre dei cinque giocatori più forti della rosa.
Ben sappiamo che parlare a partita finita è semplice, ma è anche per questo motivo che ci pagano una miseria. E allora insistiamo: il turnover perfetto non è quello che ti porta a inserire i titolari a risultato ancora in bilico o quasi compromesso, ma quello che ti permette di levarli serenamente a missione indirizzata. Pioli da questo punto di vista è recidivo e, quindi, tafazziano.

Il compendio settimanale prosegue con una piccola precisazione rispetto a un concetto che il qui presente ha provato a esprimere - fallendo piuttosto clamorosamente - domenica sera a Pressing e che in maniera patetica intitoleremo “i giocatori si allenano”. Cioè, al netto dei risultati e delle classifiche, come si può negare che la grandezza di un tecnico risieda nella capacità di far rendere al massimo i suoi uomini? Questa cosa nell’Inter di Inzaghi è piuttosto visibile (i giocatori sono forti ma, addirittura, a tratti riescono a rendere oltre il loro valore), mentre non si può dire la stessa cosa dei ragazzi a disposizione di Allegri che, anzi, a più riprese sono già stati condannati (“cosa ci vuoi fare, i bianconeri valgono quello che valgono…”).
Allegri è stato bravissimo a portare i punti in classifica ed è già moltissimo, sia chiaro, ma quanto a valorizzazione dei singoli - parere personalissimo, per carità - può e deve fare parecchio di più, soprattutto dal punto di vista dell’impostazione di gioco quando si tratta di “fare” la partita. E questo anche solo per levarli da quella condizione imbarazzante e ingiusta di pupazzetti che ad ogni non-vittoria vengono bollati come “mediocri”, “inesperti”, “poco adatti”, “limitati” e così via. Balle, i giocatori della Juve sono freschi, capaci, potenzialmente fortissimi, basterebbe farli crescere in una direzione che non sia solo “guardiamoci le spalle”.

Il compendio non può non parlare di Bologna, ma mica di Zirkzee e Thiago Motta (che gli vuoi dire, son delle belve) e neppure di Ferguson o Calafiori (uh, quanto è forte lo scozzese), ma di uno che di nome fa Giovanni e di cognome Sartori: nessuno praticamente sa che faccia abbia, non ha mai scaricato Whatsapp sul telefono e, in più, ha il grande merito di non parlare con i giornalisti. Costui è stato stratega al Chievo, poi all’Atalanta e ora è la massima garanzia per i tifosi rossoblu: l’eventuale ma possibile partenza di questo o quel campioncino, finché questo signore resterà al suo posto, non sarà mai un problema. Non lo dice il qui presente pelato, lo dice la storia recente del calcio.

Il compendio ha necessità di provvedere al “mea culpa”. Francamente non pensavo che mister Daniele De Rossi potesse fare granché nell’immediato presente e, invece, in un solo mese alla Roma ha portato idee, serenità e, soprattutto, punti. E tutto questo togliendo ogni genere di alibi ai suoi giocatori, cosa affatto banale. Ecco, diventa sempre più probabile che la prossima estate in Serie A resti a disposizione dei tecnici a spasso una panca in meno rispetto al previsto, con buona pace dei tanti affamatissimi pretendenti al trono.

Il compendio si chiude con due parole su un gigante del calcio, Andreas “Andy” Brehme, scomparso a 63 anni. Chi ha le rughe ben sa di chi stiamo parlando, ché il panzer era bello da vedere, forte, tecnico, ambidestro come solo pochissimi e, soprattutto, non si è mai sentito “stocazzo”. E perdonateci il francese, ma non esiste termine migliore per definire questo enorme calciatore che, anche e soprattutto, era un uomo buono.

Ah, tre tweet sull’Inter vista ieri:

- Doveva segnare lui!!!

Alé Marko!!!

- Coraggio, cuore, pazienza, attributi:

la partita più difficile dell’anno, vinta stra-meritatamente.

Questo gruppo merita una marea di applausi, ogni giorno di più.

Bravi ragazzi.

- La differenza tra i bravi giocatori e i campioni si vede in serate come questa.

#Barella semplicemente stratosferico.

Altre notizie
Mercoledì 17 Aprile 2024
12:00 Serie A Bologna, i tempi recupero di Ferguson: entro un paio di giorni lo scozzese sarà operato 11:56 Calcio estero Romario torna in campo a 58 anni... con il figlio: giocherà nel club di cui è presidente 11:53 Serie A Genoa, ieri nuovo confronto con Gilardino. Per ora il rinnovo è ancora un rebus 11:49 Calcio estero Borussia Dortmund in semifinale, Brandt e Fullkrug: "Col PSG sarà diverso rispetto ai gironi" 11:47 Serie ALive TMW Atalanta, a breve la conferenza stampa di Marten De Roon
11:45 Serie ALive TMW Atalanta, a breve la conferenza stampa di Gian Piero Gasperini 11:45 Serie A Fabiani conferma: "E' Kamada a decidere il suo destino, clausola scade il 30 maggio" 11:41 Serie B Bisoli si presenta: "Massimo impegno e dedizione totale: è ciò che prometto al Modena" 11:38 Serie A Saputo: "Vorrei vedere il Bologna grande come una volta, investo per farlo crescere" 11:36 Serie AFocus TMW Calafiori è uno dei big di Thiago Motta. Ma è appena arrivato e il Basilea ha il 40% 11:34 Serie ATMW Radio Europa League, Jacobelli: “Roma-Milan sfida importante per Pioli e De Rossi” 11:34 Serie C Avellino, Sgarbi avverte: "Serve arrivare bene ai playoff per puntare alla promozione" 11:31 Le Statistiche Cagliari in trasferta a Parma per calciare un rigore contro la Juventus 11:30 Serie A Moratti: "Assurdo criticare Zhang dopo gli ottimi risultati dell'Inter. Spero risolva i problemi" 11:26 Calcio estero Ucraina, Shevchenko lotta contro la corruzione: gli arbitri si sottoporranno al poligrafo 11:23 Serie A Napoli, sabato sarà osservato il portiere del futuro: Caprile sogna la conferma in estate 11:18 Altre Notizie Dalla Serie B con il Pisa al monastero. La nuova vita di Lidin, tra yoga e buddismo 11:15 Serie A Chiesa, la Juventus valuta due possibilità. Senza rinnovo sarà cessione: prezzo fissato 11:12 Calcio estero Barça fuori dalla Champions, Gundogan critica tutti: "Araujo avrebbe dovuto lasciarli segnare" 11:08 Serie A Fabiani annuncia: "C'è l'accordo con Zaccagni. Felipe Anderson ci ha rimesso dei soldi" 11:06 Serie AFocus TMW Dia out a tempo indeterminato dalla Salernitana, un anno fa è stato pagato 12 milioni 11:03 Serie B Ds Ternana: "Con Pradè mi sento spesso. Ottimi rapporti con la Fiorentina andranno avanti" 11:00 Serie A Juventus, rebus attacco: Vlahovic può partire, Chiesa non è felice e gli altri non segnano 10:56 Calcio esteroVideo Rivedi Xavi: "Rosso determinante, ha rovinato la sfida. Meritavamo noi la semifinale" 10:55 Le Statistiche Un derby senza (ancora) gol su punizione o di sinistro 10:51 Serie A Felipe Anderson, la scelta a sorpresa del Brasile e i perché del no alla Juventus 10:48 Serie D Pistoiese esclusa dalla D. Ravenna: "Situazione surreale. Valuteremo azione per tuterlarci" 10:45 Serie A Moratti: "Inter da 10, Inzaghi mi ha sorpreso. Seconda stella nel derby? Basta che arrivi" 10:42 Calcio esteroVideo Rivedi Luis Enrique: "Ho cercato di contenere le emozioni. Mbappé leader indiscusso" 10:38 Serie A Napoli, rivoluzione in estate: non solo Zielinski e Osimhen, altri tre certi dell'addio