Menù Notizie

TMW RADIO - Bruno a GoalCar: "Rifiutai l'Inter per la mia Juve. Poi fu grande amore con il Torino"

di Redazione TMW
Foto

Che ci fanno un calciatore e un DJ a bordo di un’auto senza una precisa meta mentre vengono spiati dalle telecamere? Semplice, fanno GoalCar (#goalcar), una web serie originale, fresca e divertente, soprattutto nei contenuti. Dopo il successo della prima stagione, per la seconda lo speaker radiofonico e DJ Carlo “Carletto” Nicoletti è andato in Salento ad incontrare sei giocatori che hanno fatto la storia del calcio italiano ed internazionale.

Con ognuno di loro a trascorso una giornata in giro per le strade salentine ascoltando i loro racconti, aneddoti, incontri che hanno cambiato anche il loro destino calcistico. Dopo Fabrizio Miccoli e Pedro Pablo Pasculli, stavolta è toccato a Pasquale Bruno raccontarsi.

Ora insegna ai ragazzi:
"Abbiamo la scuola calcio più grande del Salento in cui lavora Chevanton e non solo".

Dove ha segnato di più?
"Al Lecce, perché cominciai terzino e spingevo, anche arrivando al tiro. Alla Juve poi diventai marcatore".

Quando l'esordio?
"Il 19 settembre del 1979 contro il Parma. Poi andai al Como, dove non volevo andare perché ero fidanzato con la mia attuale moglie. Ho fatto 4 anni favolosi, con un gruppo dove tutti hanno fatto carriera. Ho avuto Bianchi, Mondonico".

Ebbe poi la grande occasione:
"Come mi disse Zoff, 'Sei un grande difensori, hai ottima tecnica ma ti piace menare la gente'. Ed era così. Nel 1986 arrivò l'offerta dell'Inter ma io ero tifoso della Juventus e rifiutai. Io invece andai a Torino, perché c'era anche la Juventus e arrivai lì. L'Inter offesa mi disse di aver preso Nobile, che era '100 volte meglio di te' mi dissero. Conobbi subito Boniperti a piazza Crimea. Arrivammo nel suo studio e poi ci mandò a tagliare i capelli a me e al mio amico. Era il primo anno dopo Platini, ero con Ian Rush, il mio migliore amico senza parlare inglese. Comunicavamo con la birra (scherza, ndr). Con lui nacque l'amore dell'Inghilterra. Poi imparai l'inglese e fui uno dei primi della mia generazione ad andare in Premier. Un primo anno brutto con la Juve, poi però con Zoff due annate molto belle e con diversi successi. Io andai via con Baggio, col quale non mi presi mai".

Poi cosa successe?
"Nel '90 sono dovuto andare via a malincuore. Mi chiamò Boniperti e mi disse che Maifredi si portava Luppi e De Marchi. Ma mi disse anche che se avevo una qualche preferenza di squadra mi avrebbe accontentato. In quei 4 anni avevo fatto amicizia con tanti granata e quindi gli comunicai del Torino. E lì è cominciata la storia più bella. Fu la Curva che coniò un coro speciale per me. I primi mesi furono duri, mi dicevano 'Torna alla Juve'. Io alla prima fui subito espulso e perdemmo in casa con la Lazio. Non so, ma dopo due mesi fu un innamoramento folle da tutte e due le parti".

Le risse peggiori?
"Spesso mi sono preso con Annoni, Scifo, Casagrande. Lo spogliatoio non è un oratorio, quando ti girano te la prendi anche con i compagni. Quando il periodo è negativo, l'aria è pesante, e basta poco così in allenamento per fare rissa. Un anno Aguilera fu indagato per un giro di prostituzione, non so per quale motivo lo avevano messo in mezzo. E spesso giocavamo con lui su questa cosa e se la prendeva a morte con me e gli altri".

Otto giornate di squalifica in un derby con la Juventus:
"Marcavo Casiraghi, ci fu un cross di Alessio, saltammo in 4 e ci fu la rete di Casiraghi. Presi un giallo e dopo 18 minuti un altro, quindi l'arbitro Ceccarini estrasse il rosso. Per me il giocatore aveva fatto una sceneggiata, chiesi all'arbitro perché mi cacciava e lui mi disse solo vai via. E lì mi incavolai davvero. Policano anche fu espulso e prese cinque giornate ma almeno spaccò la faccia a Casiraghi, io otto giornate senza fare nulla".

Ha mai fatto il calcolo delle espulsioni?
"Avrò perso due stagioni e con le multe mi sarei comprato un appartamento. Solo quelle otto giornate furono 42 milioni di multa. Alla Juve presi 5 milioni di multa per aver litigato con Schillaci. In una partita lui voleva scartare tutti e lo mandai a quel paese. A fine partita ci fu una rissa, mi prese da parte Zoff e mi mandò lontano".


Altre notizie
Domenica 21 Aprile 2024
12:45 Serie A Roma-Bologna, i convocati di Thiago Motta: assenti Ferguson, Odgaard e Saoumaoro 12:42 Serie C Crotone, Zauli: "Non mi sento di chiedere niente alla gente. I playoff servono a noi" 12:38 Serie A Monza-Atalanta, i convocati di Gasperini: niente rischi per Scalvini, può tornare con la Fiorentina 12:34 Serie C Vicenza, Vecchi: "Raggiunto il terzo posto. Adesso puntiamo alla serie B" 12:31 Editoriale Napoli, il sogno per la panchina resta Conte: ecco le alternative. Da Buongiorno a Todibo: tutti i nomi seguiti per la difesa. Aumenta sempre più il pressing su David. Inter, Milan e Lazio su Valentini del Boca
12:30 Serie A Sassuolo, Volpato: "Contro il Lecce è una partita fondamentale per noi" 12:27 Serie A Lecce, Pongracic: "In campo con tranquillità e grandi motivazioni" 12:23 Serie A Lecce, Gotti: "Grande equilibrio per la lotta salvezza, grande sport per la Serie A" 12:19 Serie A Sassuolo, Ballardini: "I risultati di ieri? Non sono abituato a guardare gli altri" 12:15 Serie A Lecce, Pongracic: "Per noi è come una finale, possiamo fare punti" 12:11 Serie A Sassuolo, Volpato: "Oggi grande occasioni, dobbiamo restare uniti e compatti" 12:08 Serie A Juventus, torna di moda Samardzic per il centrocampo: individuata la formula giusta 12:04 Serie C Triestina, Bordin: "Ai playoff non puoi permetterti di prendere un gol in contropiede" 12:00 Serie A Napoli contestato? Corbo su Repubblica: "Doveva andarci il club a umiliarsi dagli ultrà" 11:57 Calcio estero Real Madrid, i convocati di Ancelotti per il match contro il Barcellona 11:53 Serie A Juventus, nome nuovo per le fasce: spunta Tiago Santos. Al centro il preferito è Calafiori 11:49 Serie C Mantova, Possanzini: "Ci manca un po' di quel pepe al c**o" 11:45 Serie A Roma, De Rossi e la stoccata a Lotito: "Perdiamo sempre occasioni per fare passi avanti" 11:42 Calcio estero Barcellona, i convocati per la sfida al Real Madrid: due le assenze per Xavi 11:38 Serie A Inter, il mercato dopo la seconda stella: l'obiettivo è avere due titolari per ogni ruolo 11:34 Serie A Juventus, flop Alcaraz: anche a Cagliari non ha convinto. E il futuro è già deciso 11:30 Serie A L'ex Milan Albertini accende il derby: "Inaccettabile vedere festeggiare l’Inter lunedì” 11:27 Calcio estero Arsenal a caccia di attaccanti, nel mirino Sesko e Isak 11:23 Serie A Sassuolo-Lecce, le formazioni ufficiali: Pinamonti in attacco, Gotti si affida a Krstovic 11:19 Serie B Sampdoria, Stankovic: "Ci teniamo stretto questo pareggio. Ora facciamo punti col Como" 11:15 Serie A Le pagelle di Pereyra: non è quello visto contro la Roma, ci si attende di più da lui 11:08 Serie A Roma, De Rossi: "Lukaku non sarà della partita. Dybala falso nove mi piacerebbe" 11:04 Serie C Atalanta U23, Modesto: "Playoff? C'è grande soddisfazione, si è vista gran crescita" 11:00 Serie A Le pagelle di Coppola: segna nel recupero e diventa l'eroe del "Bentegodi" 10:59 Serie ALive TMW Roma, De Rossi: "Serie A non ci ha tutelato. Parole Lotito? Ha sbagliato"