Menù Notizie

...con Daniele Di Donato

di Alessio Alaimo
Foto Articolo

Allenatore per venti giorni. Tra tante difficoltà societarie (stipendi ai dipendenti da pagare completamente, utenza telefonica interrotta per mancati pagamenti e tanto altro), con l’idea di proporre calcio e lavorare con i giovani. Ma non è stato possibile, perché il Trapani cambiando proprietà (seppure per il 10%) e affidandosi a Gianluca Pellino, ha scelto un altro allenatore (Oberdan Biagioni). A Daniele Di Donato resta il rimpianto di non aver potuto allenare una squadra che deve ancora essere plasmata e di non aver potuto dimostrare sul campo. “Io e il mio secondo eravamo partiti con voglia di fare bene e tanta carica”, dice l’ex centrocampista di - tra le altre - Siena, Palermo e Ascoli a TuttoMercatoWeb.

A Trapani non ha neanche avuto la possibilità di allenare la squadra.
“Eravamo motivati, abbiamo sempre sperato fino alla fine che il Trapani tornasse in mano alla gente del posto. Abbiamo conosciuto una bellissima città, gente magnifica e una piazza dove con la giusta gestione si può fare un buon calcio”.

Il direttore Porchia, altra vittima della gestione Alivision e Pellino dopo, l’aveva scelta come allenatore. Cosa non ha funzionato?
“Alla società non è interessato l’aspetto sportivo. Ci sono state tante mancanze. Si sono allontanati dalla sede tutti i dipendenti. E oggi non si possono rispettare le normative anti Covid. Sabato scorso mi hanno fatto fare l’allenamento ma non c’erano le condizioni”.

Avendo fatto allenamento senza rispettare le normative anti a Covid potrebbe arrivare una penalizzazione per il Trapani.
“Non voglio pensare che siano sprovveduti fino a questo punto. Sono andato carico a mille e me ne vado dispiaciuto per non aver fatto il mio lavoro”.

Lei era una scelta del ds Porchia, che sta trattando la risoluzione.
“Mi è dispiaciuto anche per lui. Aveva fatto un grande lavoro nel settore giovanile, il lavoro stava dando i suoi frutti. Lo avevano promosso direttore sportivo per meriti. Si stavano creando delle buone basi”.

Non ha avuto modo di trattare la permanenza con la nuova proprietà?
“Quando è entrato Pellino ha messo subito in chiaro le cose. Ad oggi il Trapani non si è quasi mai allenato, non si possono mandare ragazzi allo sbando dopo tre giorni. A me dispiace per i ragazzi e la città. Trapani merita rispetto da parte di tutti. Quando vedi che c’è solo una squadra non organizzata ad una settimana, come Lega, devi intervenire. Così ci rimette la città. Trapani merita rispetto”.

E adesso?
“Ci rimettiamo in gioco. Ho vinto un campionato con l’Arzignano e ad Arezzo abbiamo fatto un grande lavoro arrivando ai playoff che poi la società non ha voluto disputare: gli obiettivi sono stati raggiunti tutti”.

Serie A: è un mercato a rilento.
“Arriviamo da un momento storico incredibile. È tutto fermo. Le squadre da battere saranno le solite. L’Inter però ha fatto acquisti mirati”.

E Pirlo alla Juve?
“Può fare bene. Sa già cosa vuole. Secondo me la Juve ha fatto una scelta ponderata. Pirlo è un ottimo elemento, da anche quel pizzico di gioventù e spensieratezza”.

Altre notizie
Domenica 25 Ottobre 2020
09:48 Rassegna stampa La Stampa: "Un Clasico triste che dà fiducia ai bianconeri" 09:43 Rassegna stampa La Gazzetta dello Sport: "Speedy Hakimi è già tornato. Ma all'Inter rimane la rabbia" 09:38 Rassegna stampa Samp, Il Secolo XIX su Thorsby "Maratoneta ambientalista che ha imparato a segnare" 09:33 Altre Notizie Crotone, terminato l'isolamento fiduciario. Dragus ancora positivo: resta in quarantena 09:28 Serie A Juventus, duello con il Barcellona per il talento dell'Ajax Ryan Gravenberch
09:23 Rassegna stampa Juventus, Corriere dello Sport: "Morata ritrova la Joya. Che coppia per Pirlo" 09:18 Rassegna stampa Juventus, Tuttosport su Arthur: "Il brasiliano vuole farsi rimpiangere dal Barça" 09:15 Serie A Torino, altra rimonta subita: 8 punti persi da situazione di vantaggio, è record in Europa 09:13 Calcio estero Le aperture in Spagna - A Madrid esultano, da Barcellona protestano: "Rapina classica" 09:08 Rassegna stampa Roma, Il Messaggero: "Buone notizie per Fonseca, Mancini è guarito" 09:03 Serie A Fiorentina, per Iachini bonus finiti: contro l'Udinese si gioca la conferma 08:58 Serie A Atalanta, martedì c'è l'Ajax. L'allarme di Tuttosport: "Preoccupa De Roon" 08:53 Rassegna stampa Hellas, l'ultimo punto a Torino risale a 32 anni fa. Corriere di Verona: "Juve negli occhi" 08:45 Serie A Napoli, schiarita sul rinnovo ma prima c'è il Benevento: Gattuso vuole subito il riscatto 08:45 La Giovane Italia Rovella, vedi l'Inter e poi... giochi! Il Genoa ha il regista del futuro 08:43 Rassegna stampa Il Resto del Carlino: "Rapinatori in casa Toni, picchiato davanti ai figli" 08:38 Rassegna stampa Fiorentina, il QS lancia l'allarme: niente Ribery con l'Udinese 08:33 Serie A Napoli, il futuro è con Gattuso: entro Natale rinnovo, adeguamento e niente clausola 08:30 Serie A Dybala si riprende la Juve da titolare: col Verona Pirlo ricompone la coppia con Morata 08:28 Rassegna stampa Tuttosport: "Samp spettacolo, Dea azzannata" 08:23 Rassegna stampa 4 anni e mezzo dopo riecco Dybala-Morata dal 1', Corriere di Torino: "Juve vecchi tempi" 08:20 Serie A RBN - Alesi: "Pirlo alla Juventus? Ringrazio Agnelli per averlo scelto" 08:18 Serie A Juventus, CR7 aspetta il tampone di martedì: l'obiettivo è tornare con il Barça 08:15 Serie A Milan, l’importanza di avere una panchina lunga. E Pioli ringrazia il club 08:13 Rassegna stampa Corriere dello Sport in taglio alto: "Il Mago e Ciro lanciano la Lazio" 08:10 Serie A TMW RADIO - Cerruti: "Il Milan non deve dimostrare più niente, la Roma rischia di più" 08:08 Rassegna stampa Il Messaggero: "Decidono sempre Luis e Ciro, boccata d'ossigeno per la Lazio" 08:03 Rassegna stampa Atalanta ancora ko in campionato, Corriere di Bergamo: "Serie A indigesta, Samp corsara" 08:00 Editoriale Questo Milan non è ancora da Scudetto 07:58 Rassegna stampa Inter, l'analisi di Tuttosport: "Eriksen non è adatto al modulo di Conte"