Una gara senza appello

di Piero Salvo
Una gara senza appello

Chissà se questa volta sarà la volta buona. Certamente è quella decisiva visto che la gara di questa sera è senza appello . Le perplessità dell'ambiente granata nonostante la qualificazione sia a portata di mano stanno racchiuse fondamentalmente in due fattori: le quattro partite disputate contro il Cosenza perse tutte, e il rendimento delle squadra nelle ultime gare tutte sotto il limite della sufficienza ed in alcuni casi nettamente inferiori alle potenzialità dell'organico . L'andata così come le restanti gare contro i silani è stata un mezzo disastro per il Trapani, con l'unica eccezione per il risultato di 2-1 che mette i trapanesi nella condizione di superare il turno con qualsiasi tipo di vittoria. Domenica sera al San Vito per ottanta minuti buoni in campo c'è stata solo la compagine di casa, mentre l'undici di Calori soprattutto nel primo tempo è stato in balia dei rossoblu che hanno legittimato il successo, solo ridimensionato nel punteggio, viste anche le occasioni avute dalla squadra di Braglia. Il Trapani di contro nelle due ultime occasioni che ha affrontato i calabresi è risultato praticamente non pervenuto subendo sei reti facendone comunque due, anche se sia dal punto di vista tecnico che tattico il Cosenza ha surclassato la compagnie siciliana non facendo presagire nulla di buono per la gara di questa sera che comunque è la piu' importante delle precedenti quattro e che se vinta dai granata permetterebbe a Furlan e soci di accedere al secondo turno della fase nazionale .Dove deve migliorare la squadra trapanese questa sera?

Sembrerebbe una domanda retorica ma praticamente in tutto. Primo l'aspetto mentale, l'approccio deve essere deciso, arrabbiato, determinato e non molle e senza il " coltello tra i denti " degli ultimi due confronti.

Una squadra esperta come quella granata non può fare una figura barbina come se fosse composta da giocatori alle prime armi quando in campo ha Furlan, Fazio , Drudi , Pagliarulo , Corapi, Scarsella, Polidori , tutta gente che ha piu' di duecento gare in serie C e tante altre gare in B.

Come se non bastasse, poi, notizia di ieri sera, la mancata convocazione di Felice Evacuo, escluso dalla partita di stasera senza alcuna comunicazione ufficiale in merito.

Altro aspetto che Calori deve far si che non si ripeta è il possesso palla e la gestione con personalità delle fasi di gioco . Difficilmente il tecnico ex Brescia e Novara abbandonerà questa sera il 3-5-2, ma un atteggiamento piu' propositivo, piu' deciso deve esserci e li, la mano dell'allenatore deve fare la differenza: Corapi deve prendersi in mano la squadra, i difensori devono difendere alla morte e gli attaccanti devono fare gol decisivi.

Questa sera tra l'altro Calori (Evacuo a parte) avrà tutta la rosa a disposizione compresi Silvestri e Girasole - con una panchina piu' lunga addirittura degli undici in campo eccezione assoluta per la C - e quindi il tecnico toscano dovrà trovare le risorse all'interno del suo bagaglio  per far fare il salto di qualità ai suoi nell'appuntamento piu' importante.

E che ci siano almeno quattro cambi rispetto alla gara d'andata da parte dell'allenatore ex difensore di Brescia, Perugia e Udinese lo ha fatto capire quando ha dichiarato di non avere avuto le risposte che cercava da alcuni atleti che in campo non hanno risposto per come dovevano.

Pubblicato su La Sicilia del 23.05.2018


Altre notizie Trapani
Mercoledì 20 Giugno 2018
Martedì 19 Giugno 2018
 00:00  ...con Manconi
Lunedì 18 Giugno 2018
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy