Menù Notizie

La top 11 dei playoff di serie C: Pisseri para tutto, Kresic “core ngrato”

di Luca Esposito
Foto Articolo
Nella foto Pisseri

Con la vittoria dell’Alessandria sul Padova cala definitivamente il sipario sul campionato di terza serie, lunghissimo ed estenuante come al solito. Alla fine il calcio ha tenuto testa alla pandemia, merito di una Lega Pro che ha saputo riorganizzarsi in tempi record offrendo anche uno spettacolo interessante. La top 11 degli spareggi promozione vede primeggiare, ovviamente, i grigi di mister Longo. Compatti in difesa, ben organizzati a centrocampo e forti in avanti. Ma anche il Padova si è ben difeso, così come il sorprendente Avellino di mister Braglia. Ecco la formazione ideale scelta dalla nostra redazione, schierata con il 4-3-1-2.

Pisseri (Alessandria): grandissimo protagonista di questi playoff, soprattutto per la capacità di mantenere alta la concentrazione specialmente quando la posta in palio era altissima ed era fondamentale mantenere i nervi saldi. Decisivo nella doppia sfida col Padova.

Curcio (Padova): un motorino sulla corsia di competenza, dai suoi piedi sono partiti sempre cross pericolosissimi. Specialmente nella gara di ritorno con l’Avellino ha macinato chilometri sulla fascia, risultando praticamente imprendibile.

Di Gennaro (Alessandria): non subire gol per 210 minuti contro un Padova micidiale in zona offensiva amplifica i meriti della retroguardia piemontese, guidata egregiamente da un calciatore esperto e sempre pronto a metterci una pezza nelle situazioni più intricate.

Kresic (Padova): in Campania si dice “core ngrato”, lui che ha indossato la maglia dell’Avellino e che ha punito i lupi nel match d’andata indirizzando il doppio confronto in favore dei biancoscudati. Impeccabile

Morelli (SudTirol): altra grande stagione per il difensore livornese, voluto fortemente dalla dirigenza e tra i trascinatori di una squadra che, ormai, è diventata una piacevolissima realtà del campionato di terza serie.

Casarini (Alessandria): davanti alla difesa per conferire qualità alla manovra, trequartista per mettere le punte in condizione di segnare, talvolta mezz’ala di inserimento. Senza, ovviamente, mai far mancare il proprio apporto quando si doveva badare al sodo e aiutare la fase difensiva. Un calciatore completo, definitivamente esploso durante la gestione Longo.

D’Angelo (Avellino): il giudizio positivo è frutto delle ottime prestazioni offerte negli spareggi, ma anche e soprattutto di una valutazione dell’intera annata del tutto positiva. Ha preso le chiavi del centrocampo e, con la personalità del veterano, ha trascinato i compagni lasciando sempre il campo con la maglietta sudata e gli occhi della tigre.

Della Latta (Padova): la sua essenza in finale ha pesato molto, all’andata aveva fatto tremare la traversa con una conclusione strepitosa. Con l’Avellino, invece, al netto dell’ingenuità sul rigore aveva costretto Pane agli straordinari in almeno tre circostanze. Sa fare tutto: attacca, difende, corre, pressa, lotta, si adatta senza problemi al modulo scelto dall’allenatore. Come col Piacenza ha soltanto sfiorato l’impresa, ma la cadetteria gli spetterebbe di diritto.

Chiarello (Alessandria): la “sottopunta”, per dirla alla Gregucci, che non ha saltato una sola partita risultando fondamentale nell’economia del gioco dei grigi. Imprevedibile nell’uno contro uno, bravo nelle ripartenze ed elemento chiave per scardinare le difese avversarie specialmente nelle gare in campo esterno.

Tulli (FeralpiSalò): resterà nella storia il suo gol contro il Bari che ha permesso alla sua squadra di scrivere una incredibile pagina di storia a cospetto di una corazzata e del suo ex allenatore.

Arrighini (Alessandria): in categoria si è sempre distinto per la capacità di segnare gol pesanti, stavolta vogliamo menzionarlo per il suo spirito di sacrificio. Specialmente contro il Padova ha avuto il compito di fare a “sportellate” e di creare spazi per i compagni, un dispendio di energie psicofisiche non indifferenti. Siamo quasi in estate ed è stata una stagione sfiancante, eppure ha corso per tre senza conoscere fatica.

Altre notizie
Venerdì 30 Luglio 2021
01:00 Serie A Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 29 luglio 00:56 I fatti del giorno Carnevali mette fretta alla Juve: il futuro di Manuel Locatelli legato a quello di altri tre calciatori 00:53 I fatti del giorno Capitan Chiellini pronto a riprendersi la Juve: "Sul contratto Agnelli è già stato esauriente" 00:49 I fatti del giorno Kessie più vicino al rinnovo: summit tra l'agente e il Milan, le parti vogliono proseguire insieme 00:45 I fatti del giorno L'Inter si prepara a riabbracciare Eriksen la prossima settimana. Poi esami e decisione sul futuro
00:41 I fatti del giorno Strootman e Dalbert a Cagliari per aprire un ciclo: presentati i due nuovi acquisti rossoblù 00:38 I fatti del giorno Sorpasso e affondo, la Juve vuole prendere subito Kaio Jorge. Ma non c'è accordo col Santos 00:34 I fatti del giorno Coronavirus, come leggere il bollettino della Protezione Civile e i dati sul contagio 00:30 Serie A TOP NEWS Ore 24 - Shomurodov alla Roma, Ilic all'Hellas. Lo Zenit piomba su Belotti 00:27 Calcio estero UFFICIALE: Norwich, nuova cessione per Sinani. Il lussemburghese va all'Huddersfield 00:23 Serie A Taddei: "Sognavo di chiudere la carriera a Roma. Mi avevano promesso un altro anno, invece..." 00:19 Serie B Frosinone, prima squadra in fila per la vaccinazione presso la ASL 00:15 Serie A Cessioni, sogni, rinnovi e un nuovo capitano: il Real Madrid al centro del mercato 00:12 Calcio estero La gita a Nizza di Boadu e Raiola indispettisce l'AZ. Il DT: "Non abbiamo ricevuto offerte" 00:08 Serie A Il Milan rivuole in prestito Dalot, ma per il Telegraph lo United potrebbe confermarlo 00:04 Calcio estero Davor Suker lascia la presidenza della Federcalcio croata. Al suo posto eletto Marijan Kustic 00:00 Accadde Oggi... 30 luglio 1966, l'Inghilterra batte la Germania Ovest ed è campione del mondo 00:00 A tu per tu …con Giorgio Perinetti 00:00 Editoriale Lukaku, il Chelsea insiste. Offerta choc. Il figlio di Abramovich a Milano per convincere il belga. L’Inter aspetta, serve un’altra cessione. Juve-Locatelli, si chiude entro lunedì. Pjanic chiama. Allegri ha carta bianca con tutti
Giovedì 29 Luglio 2021
23:59 Serie A Biraghi: "Due anni fa sarei potuto andare al Milan. Inter? Non ci pensai due volte" 23:56 Calcio estero Germania, premiato Peter Bosz per il Fair Play: "Mi piace vincere ma in modo leale" 23:55 Serie A La posizione del Santos su Kaio Jorge: "Contratto fino al 2023, via per almeno 15 milioni" 23:53 Serie A Satriano: "Inzaghi mi parla e mi dà molte indicazioni. I suoi complimenti mi fanno felice" 23:49 Serie C Lega Pro, sbarco sulla piattaforma '196 Sports'. "Visibili in tutto il mondo" 23:45 Serie A Salernitana, passi in avanti per Gagliolo: pronto un triennale, ma non c'è accordo col Parma 23:42 Calcio estero Intreccio Zouma: il Chelsea vuole darlo al Siviglia, ma s'intromette il West Ham e lui preferisce 23:38 Serie A Dalla Turchia: "L'ex Inter Emre Belozoglu sarà un collaboratore di mister Sarri alla Lazio" 23:36 Serie A TMW - Dionisi: "Non credevo che il Sassuolo potesse scegliermi. Ho parlato con De Zerbi" 23:35 Serie B Crotone, Modesto: "Prima cedere Simy e Messias e poi capiremo i nostri obiettivi" 23:34 Serie C Catania, sirene di mercato per Dall'Oglio: sul centrocampista si fanno sotto i rivali del Palermo