Menù Notizie

Juve Stabia, Caserta: "È stato un onore. Avrei voluto lasciarvi con un epilogo diverso"

di Tommaso Maschio
Foto Articolo

Il tecnico Fabio Caserta dopo l'amara retrocessione con la Juve Stabia e il conseguente esonero ha scritto un lungo post sui propri profili social per salutare una piazza che gli ha dato tanto da calciatore (dal 2012 al 2016) e da allenatore (dal 2016 al 2020 fra giovanili e prima squadra):

"Prima di scrivere ho voluto riflettere perché dentro di me c’era, e c’è ancora, tanta rabbia e tristezza per come si è conclusa la mia esperienza a Castellammare. Ed allora ho deciso di salutarvi con queste poche righe cui affido il compito di far comprendere quanto sia stretto e speciale il mio legame con tutti VOI. Tutto è nato il 31 gennaio 2012, una data indimenticabile: ultimo giorno del calciomercato. Nulla lasciava presagire che la scelta di raggiungere la città delle acque avrebbe di colpo cambiato la mia quotidianità. Quel giorno ebbe inizio la mia esperienza con quella che sarebbe diventata la città mia e della mia famiglia, ebbe inizio la storia con quella che poi sarebbe divenuta la mia famiglia per otto bellissimi anni.

L’affetto che ho trovato in questa città mi ha immediatamente riempito il cuore di felicità, la gente di Castellammare mi ha trattato da sempre come un loro figlio nei momenti belli ma sopratutto nei miei momenti brutti e dolorosi, il tifo della Sud ed il calore del Menti mi hanno sempre indotto a dare il massimo sino all’ultimo giorno, nel bene e nel male. Quale professionista, prima come calciatore e poi come allenatore, probabilmente – anzi quasi
sicuramente - ho commesso degli errori ma nulla mi posso rimproverare sotto il profilo dell’impegno e dell’abnegazione.

Ho sempre dato il massimo mettendo gli interessi della Juve Stabia e della città di Castellammare prima dei miei, siano essi personali che economici. Ho sempre e solo pensato al bene della Juve Stabia, squadra con la quale sono riuscito ad ottenere tante gioie prima come calciatore e poi come allenatore. Soprattutto come allenatore!! Al primo anno ci siamo presentati ai nastri di partenza con un allenatore alla prima esperienza su una panchina, ed una compagine costituita da gran parte da giovani calciatori e, nonostante ciò, abbiamo collezionato un insperato quarto posto che ci ha permesso di disputare i playoff da cui siamo stati eliminati senza alcun demerito … anzi !! La seconda stagione invece …. è stata fantastica !! Nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla possibilità di vincere il campionato.

Abbiamo messo a disposizione il nostro lavoro, abbiamo fatto parlare di noi: della nostra impresa ne ha parlato tutta l’Italia sportiva. Abbiamo compiuto un qualcosa che sotto certi aspetti è irripetibile, con una magnifica promozione in B nell’annata dei record. Ma purtroppo ogni rapporto prima poi giunge al termine ed anche il mio, nonostante il notevole legame affettivo con questa splendida tifoseria e con questa magnifica città, è giunto ai titoli di coda per una scelta non mia. Se mi fosse toccato scegliere ed obbligato a lasciarvi, allora avrei di certo scelto un epilogo diverso, quello di una salvezza tranquilla ed una squadra in B anche per l’annata prossima, ma purtroppo non è andata così. Ho pensato molto sul cosa scrivere in questa lettera di ringraziamento. Mi sono venute in mente, come in un film, tutte le immagini dei miei anni qui con voi e devo ammettere che, anche se ho vissuto periodi di frustrazione e di incazzature nel mio percorso visivo, in mente ho ripercorso solo momenti positivi. Sono affiorati in me solo ricordi piacevoli, che hanno mutato il mio stato d’animo. Ci vorrebbe un’enciclopedia per descrivere tutti i momenti belli, tutte le sensazioni e le emozioni che ho vissuto, perché allenare a Castellammare non è solo allenare lo Stabia, ma è fondersi con un paese intero, vivere la Vostra quotidianità, prendere le Vostre abitudini ed imitare i Vostri comportamenti. Ce l’ho messa tutta: fino al lock down la squadra navigava in acque tranquille tanto che qualcuno sognava traguardi inimmaginabili ad inizio stagione, ma poi l’arrivo della pandemia ha di fatto scombussolato i piani facendoci terminare la parte finale del campionato nel modo che tutti sappiamo. Di questo solo io so quanto sono dispiaciuto, e per gli errori commessi sul campo sono il primo ad esserne fortemente rammaricato, ma d’altronde solo chi non fa non sbaglia. Tuttavia, non è mia abitudine guardare al passato, recriminare, cercare motivazioni, giustificazioni o colpevoli.

Ringrazio Castellammare e gli Stabiesi, le tante persone che mi hanno manifestato stima e rispetto, ed anche chi ha individuato in me la “causa di tutti i mali”.
Concludo dicendo che in questi anni ho vissuto un sogno bellissimo e voglio lasciare un segno della mia immensa riconoscenza a tutti voi. Ed allora A TUTTI VOI DICO GRAZIE, ed in modo particolare DICO GRAZIE a tutti i ragazzi della CURVA SUD, CUORE ED ANIMA DEL TIFO E DEL CALCIO STABIESE.

Grazie per quello che abbiamo passato insieme, per tutto quello che mi avete trasmesso, per tutte le emozioni che mi avete fatto vivere e per tutti i
sacrifici e fatiche che abbiamo condiviso. Spero di avervi dato qualcosa come giocatore, come allenatore e soprattutto come uomo. Ognuno di voi rimarrà sempre nel mio cuore e ogni domenica con il pensiero sarò sempre vicino a voi !!

Vi lascio dicendo che E’ STATO UN ONORE PER ME VESTIRE I COLORI GIALLOBLU, ESSERE IL VOSTRO CAPITANO E DA ULTIMO IL VOSTRO CONDOTTIERO !! GRAZIE”.

Altre notizie
Lunedì 28 Settembre 2020
01:00 Serie A Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e ufficialità del 27 settembre 00:57 Serie A Pirlolandia sbatte sulla Roma: la Juve si aggrappa a Ronaldo e non va oltre il 2-2 00:54 Serie A Due punti persi o uno guadagnato? La Roma convince ma non vince, Fonseca non può sorridere 00:51 I fatti del giorno Il Milan non si ferma: 17 risultati utili consecutivi, ora l'assalto all'Europa 00:48 I fatti del giorno Passi in avanti, ma l'attacco ancora non gira: al Crotone servono rinforzi di qualità
00:45 I fatti del giorno Dalle stelle alle stalle: in una sola settimana mister Maran ha già provato i due volti del Genoa 00:42 I fatti del giorno Due su due per il Napoli: Gattuso si gode Lozano sperando di non perdere Koulibaly e... Insigne 00:39 I fatti del giorno L'Udinese inizia col piede sbagliato: ko a Verona, bisogna ripartire dalla qualità di De Paul 00:37 I fatti del giorno Il Verona di Juric non sbaglia: altri tre punti contro l'Udinese, nonostante le assenze 00:36 Serie A Hauge ammette: "Il Milan? Ci sono dei contatti, ma l'offerta deve accontentare il club" 00:35 I fatti del giorno Sassuolo, che poker allo Spezia: De Zerbi si gode i gol del suo reparto offensivo 00:33 I fatti del giorno Spezia, prima in Serie A amara per gli Aquilotti: ma l’atteggiamento è quello giusto 00:30 Serie A TOP NEWS Ore 24 - La Juventus si ferma a Roma. Fonseca sicuro: "Dzeko è sereno" 00:27 Altre Notizie Toni: "Bravo Conte a lamentarsi l'anno scorso, ora ha un'Inter veramente forte" 00:23 Serie A Milan, Pioli: "Giocatori professionali, ora due gare importanti. Col Rio Ave uno spareggio" 00:19 Calcio estero Leicester, Rodgers: "Non ero mai riuscito a battere Guardiola, prestazione e risultato speciali" 00:18 Serie A TMW RADIO - Bucchioni: "Juve, servivano Dzeko e Locatelli. Male i cambi di Pirlo" 00:17 Calcio estero Lione, Aulas allontana Umtiti e assicura: "Nessuna offerta del Barça per Depay" 00:15 Serie A Milan, dall'Inghilterra: testa a testa con il Manchester United per Alex Luna 00:14 Serie A Juventus, Pirlo: "Bentancur e Arthur sono entrati bene. Danilo non è qui per caso" 00:12 Calcio estero Lione, Garcia: "Partenza che non mi soddisfa. Ma è colpa mia se non abbiamo vinto" 00:10 Calcio estero Barcellona, Koeman stizzito: "Suarez? Non ci interessa cosa fa in altre squadre" 00:08 Serie A Napoli, Gattuso: "Ci mancava uno come Osimhen! Il 6-0 al Genoa è eccessivo" 00:07 Serie A TMW RADIO - D'Agostino: "Mi sembra la Juve di un anno fa. Inter favorita per lo Scudetto" 00:06 Serie A Juventus, Arthur: "Felice per il mio debutto in Serie A, buon lavoro di squadra" 00:04 Serie C Pres. Virtus Francavilla: "Oggi irriconoscibili. Le voci su Perez? È un professionista" 00:03 Serie A Veretout dopo Totti: l'ultima doppietta giallorossa in Roma-Juventus era del Pupone 00:02 Serie A Juventus, CR7 pensa positivo: "Con questo spirito collettivo saremo più forti che mai!" 00:00 Editoriale -7 alla fine. I numeri delle big: 4 Inter, 3 Juventus, 3 Napoli... Equivoco Toro. Genoa, salvati da Balotelli 00:00 Accadde Oggi... 28 settembre 1974, Bernardini esordisce da ct dell'Italia con la Jugoslavia