FOCUS TMW - Serie C, top 11 del girone A: Moscardelli formato super

di Luca Esposito
Foto Articolo
Nella foto Moscardelli

La capolista Entella perde sul campo della Pro Patria e viene avvicinata al Piacenza, ora ad un solo punto di distanza grazie al successo di misura contro un tenace Cuneo. Successi interni anche per Carrarese e Albissola. Fuori casa, da segnalare, invece, del Pisa, ormai terza forza del girone, sul rettangolo di gioco dell'Arzachena. Di seguito la Top 11 di TuttoMercatoWeb: dopo la trentacinquesima giornata di campionato nel girone A:

Portiere

Daniele Borra (Carrarese): la sua parata al 90’ su Messias vale da sola il prezzo del biglietto, un riflesso da fuoriclasse assoluto che regala una vittoria fondamentale ai ragazzi di Baldini. Nel primo tempo è superlativo su Evan’s.

Difensori

Giovanni Zaro (Pro Patria): “Nella mia testa è cambiato qualcosa, è stata la partita perfetta” ha dichiarato in preda all’euforia dopo il successo di prestigio con l’Entella che gli ha dato la consapevolezza dei propri mezzi necessaria per chiudere alla grande una stagione indimenticabile. Tutto impreziosito dal gol del vantaggio al 15’, un colpo di testa a porta vuota favorito dall’erroraccio di Paroni.

Riccardo Martinelli (Lucchese): altra gara di spessore per il forte difensore rossonero, ormai diventato un titolare inamovibile. I toscani si stanno esaltando nelle difficoltà, il pacchetto arretrato si sta rivelando un punto di forza.

Lorenzo Borri (Pontedera): migliore in campo in assoluto, il classe 1997 si conferma già pronto per questa categoria ed aiuta la sua squadra a portare a casa un punto pesante, tra l’altro senza subire reti.

Giuseppe Agostinone (Alessandria): Cacia-Gonzalez-Eusepi, un tridente che ha fatto la differenza nelle categorie superiori e che nulla ha potuto contro la difesa dei grigi guidata egregiamente dall’ex Foggia, talvolta anche elegante nelle uscite palla al piede quanto concreto negli ultimi minuti.

Centrocampisti

Ivan Varone (Carrarese): ancora una volta il cervello e il motore del reparto, sempre pronto ad aiutare i compagni nei momenti di difficoltà. Dai suoi piedi nascono un paio di pericolose ripartenze, ci prova anche dalla distanza senza inquadrare lo specchio della porta.

Mattia Corradi (Piacenza): il suo gol riapre completamente il campionato, una rete bella quanto pesante utile a mettere pressione alla corazzata Entella. Insieme a Ferrari è già stato ribattezzato dal popolo emiliano come uomo della provvidenza

Attaccanti

Ettore Gliozzi (Siena): “Resettare tutto e pensare alla prossima gara” ha detto in sala stampa esortando i compagni a non mollare, effettivamente con un attaccante così è sempre possibile ripartire in quinta. La sblocca per l’illusorio 0-1 sfruttando una splendida giocata sulle corsie esterne, al 90’ è glaciale dal dischetto ma è troppo tardi.

Riccardo Martignago (Albissola): insacca da due passi per l’1-1 sfruttando l’infortunio di D’Ambrosio, si galvanizza e realizza poco dopo la personale doppietta con una giocata strepitosa a scapito del malcapitato Esposito.

Davide Moscardelli (Pisa): nel giro di un minuto conquista rigore ed espulsione a favore per poi portare in vantaggio la sua squadra dal dischetto. Lo 0-3 è frutto di una grande giocata in piena area, un colpo di testa imprendibile per il portiere avversario.

Benjamin Mokulu (Juventus): il doppio vantaggio bianconero non basta per battere l’Olbia, ma è sufficiente per centrare la salvezza. Concede il bis di testa e con la sua fisicità mette in crisi la difesa avversaria.

Allenatore

Arnaldo Franzini (Piacenza): tiene vivo un campionato che, visti gli organici, sembrava già chiuso. La squadra non brilla come in altre occasioni, ma ha carattere e viene corretta benissimo in corso d’opera.


Altre notizie
Lunedì 22 Aprile 2019