FOCUS TMW - Serie C, top 11 del gir. B: Stanco raggiunge la doppia cifra

di Luca Esposito
Foto Articolo
Nella foto Stanco

Distanze immutate tra capolista e inseguitrice. Il Pordenone rifila un poker al Teramo e conserva sette punti di vantaggio sulla Triestina, vincente contro la Fermana a suon di tris. Successi tra le mura amiche per Vis Pesaro, Sambenedettese e Monza. Fuori casa imprese firmate da Giana e Ravenna. Nel posticipo di ieri sera l’Imolese rifila tre gol alla FerapliSalò Di seguito la Top 11 di TuttoMercatoWeb: dopo la trentacinquesima giornata di campionato nel girone B

Portiere

Anthony Iannarilli (Ternana): quando Fink si è presentato sul dischetto aleggiava sul Liberati l’ombra dell’ennesima sconfitta, per fortuna delle fere l’ex Salernitana ha indovinato l’angolo giusto compiendo il miracolo di giornata. Già nella prima frazione era stato attentissimo su Turchetta.

Difensori

Matteo Ronchi (Ravenna): si piazza su Danti e lo francobolla con intelligenza e attenzione, un paio di interventi in piena area consentono ai giallorossi di blindare vittoria e play off. Bravo a non farsi condizionare dall’ammonizione subita al 25’.

Ivan Marconi (Monza): la sblocca all’ottavo con un colpo di testa in tuffo su assist di Lepore, soluzione perfetta per coordinazione, potenza e scelta di tempo. In fase difensiva è un baluardo insormontabile.

Mattia Gennari (Vis Pesaro): dopo 20 anni di digiuno è lui a regalare una gioia alla tifoseria nel sentitissimo derby contro il Fano, virtualmente condannato alla retrocessione. Al posto giusto al momento giusto, proprio nella settimana in cui si è parlato con insistenza del suo rinnovo.

Centrocampisti

Andrea Procaccio (Triestina): non tutti arrivano dalla D con l’umiltà e l’entusiasmo di questo ragazzo, un fiore all’occhiello per la categoria che sta contribuendo in modo decisivo alla scalata dei biancorossi. Suggella un campionato eccezionale con l’ennesima rete da applausi, davvero imprendibile per la difesa della Fermana.

Salvatore Burrai (Pordenone): la “maledetta” di Andrea Pirlo ha fatto scuola, la sua esecuzione è da vedere e rivedere. Un fuoriclasse per la categoria, dietro il primato dei neroverdi c’è molto del suo talento. Mette lo zampino anche nelle due prime segnature.

Ludovico Rocchi (Sambendettese): propizia il primo gol disegnando una traiettoria di rara precisione, conferma del fatto che ha le qualità giuste per spiccare il volo verso categorie superiori. Mezz’ala o perno davanti alla difesa riesce sempre a dare un contributo prezioso.

Marco Capano (Giana Erminio): il tap-in vincente che vale il 2-0 è la fotografia di una partita intensa e ricca di emozioni. Entra al 79’ e dopo 120 secondi è già festa: approccio da grande giocatore.

Attaccanti

Andrea Brighenti (Monza): tutto troppo facile per un rapace d’area di rigore come lui a cospetto della retroguardia del Rimini perennemente in difficoltà. Archivia la pratica con un bel colpo di testa consentendo ai brianzoli di vivere un finale di gara senza affanni.

Simone Guerra (Vicenza): sta crescendo di condizione, paga il fatto che la squadra non lo assiste con costanza. Quando gli arriva la palla giusta, però, si conferma implacabile e riesce a rimettere in piedi una partita che sembrava stregata.

Francesco Stanco (Sambendettese): prima di testa, poi con un’azione personale favorita dalla dormita della difesa dell’Albinoleffe. Da centravanti vero si carica il peso del reparto sulle spalle e sigla una pregevole doppietta che vale come decimo gol stagionale.

Allenatore

Luciano Foschi (Ravenna): il rinnovo fino al 2021 è meritato riconoscimento per l’artefice di una grandissima impresa. Chi immaginava i giallorossi ai play off con largo anticipo e pieno merito?


Altre notizie
Giovedì 27 Giugno 2019
Mercoledì 26 Giugno 2019