Menù Notizie

INTERVISTA TC - Giana Erminio, Solerio: "Buttata via una salvezza"

di Sebastian Donzella
INTERVISTA TC - Giana Erminio, Solerio: "Buttata via una salvezza"

Dalla Promozione in Lega Pro in tre anni. E poi sei stagioni indimenticabili. L'ultima più di tutte anche se, in realtà, i protagonisti vorrebbero cancellarla dalla storia. La Giana Erminio, al termine di un'annata incredibile, è retrocessa all'ultimo secondo. E Matthias Solerio, bandiera dei lombardi, a TuttoC.com ha deciso di raccontare questo sciagurato finale.

In 30 secondi è cambiato tutto. Il gol dell'Olbia in pieno recupero e il fischio finale.
"Al triplice fischio ho pensato che fosse destino. Perché eravamo uno dei club che aveva fatto più punti nel girone di ritorno, perché all'andata eravamo andati con un autogol, perché siamo retrocessi all'ultimo istante. Troppe coincidenze negative, troppa sfortuna...".

Eppure i sardi vi hanno segnato con una doppia inferiorità numerica. La colpa non può essere solo della sfortuna.
"No, no. La colpa è anche nostra, ci mancherebbe. Anzi, ci tengo a fare i complimenti ai giocatori dell'Olbia: ci hanno creduto più di noi, la loro salvezza, dal punto di vista di un sardo, è una favola. Noi, invece, non abbiamo approfittato dei due uomini in più e abbiamo sbagliato più volte il gol del raddoppio. Invece loro, su quel corner maledetto, sono stati furbi mentre noi disattenti. E pensare che mio padre, da buon milanista, ricordando la finale persa dal Milan col Liverpool mi aveva messo in guardia sul fatto che le partite finiscono solo quando l'arbitro fischia: da quella volta lì non ho mai abbassato la guardia fino all'ultimo. Eppure son retrocesso così".

Un finale di giugno amarissimo, al termine di un'annata strana.
"Siamo stati fermi per tre mesi. Poi, in due settimane, abbiam dovuto preparare le due partite più importanti della stagione. Non è una scusa, perché anche l'Olbia era nelle nostre stesse condizioni. Però ti girano le scatole a retrocedere così, è inammissibile. So che una retrocessione del genere è irripetibile per tanti motivi ma resta una retrocessione. E fa davvero male. Ho passato tutta la notte dopo il match in giro per il mio paesino, a piedi. A cercare di capire cosa fosse successo. E l'ho realizzato solamente il giorno dopo. Dovevamo avere più attributi in 9 contro 11. Abbiamo buttato via una salvezza".

Dopo sei anni la Giana Erminio torna tra i dilettanti. Almeno per ora...
"So che esiste la possibilità della riammissione. Speriamo bene, anche perché mister Albè, che io considero come un secondo padre, se lo merita. Ha creato una favola da raccontare ai nipoti e almeno per il momento è finita, anche se in maniera ingiusta. Al triplice fischio non ha detto una parola. E lui, che ha una gran parlantina, quando resta in silenzio vuol dire che non sta bene. Ha visto sfumare in due partite quanto fatto in tanti anni, partendo dalla Promozione".

Al di là dei playout, qual è stato l'errore della Giana in stagione?
"Quel girone d’andata disputato malamente. Noi calciatori più esperti forse avremmo dovuto dare una mano in più ai giovani. Nel ritorno, invece, abbiamo conquistato più punti in 6 partite che in tutto il girone d’andata, anche grazie agli innesti".

E adesso?
"Ho sentito alcuni dei miei compagni storici, come Pinto. Ci siam fatti forza ma siamo ancora sotto shock, calcisticamente parlando. Immagino che la società ci contatterà per ritrovarci tutti insieme, però al momento non so nulla. A prescindere dal mio futuro, però, vorrei rivedere il prima possibile la Giana dove merita. In Lega Pro".


Altre notizie Serie C
Mercoledì 05 Agosto 2020