Menù Notizie

Serafini: "Milan, Galliani ha le idee ma mancano i soldi"

di Redazione TMW.
Fonte: Luca Serafini per milannews.it
Foto

Mister X era Cesc Fabregas, ma è arrivato Taiwo (Nocerino è arrivato per sostituire Flamini). Il mercato di gennaio era Tevez, ma arriva Mesbah. I rubinetti del Milan sono chiusi, dal 2006. Dare addosso a Galliani è uno sport che abbiamo praticato anche noi, per esempio quando nel 2009 fu ceduto Kakà tra mille bugie (di tutti) e preso Onyewu al posto suo, o sulla questione Paolo Maldini, ma da questa sessione ci asteniamo. I soldi sono del presidente Berlusconi che li ha messi, e li mette, e tanti, ogni anno per ripianare i bilanci. Se guardate la politica dello United, del Chelsea, dell'Inter, negli ultimi anni troverete molte cessioni illustri e pochi acquisti ad effetto. Dal 2008 Galliani è pur sempre riuscito a portare a casa Ronaldinho, Beckham, Thiago Silva, Aquilani, Boateng, Robinho, Ibrahimovic, Cassano insinuandosi tra parametri zero, liti giocatori-club, prestiti con obblighi o diritti di riscatto eccetera. Gli emiri sono rimasti soltanto a Torino sponda Juve, in Spagna (dove peraltro la festa degli sgravi fiscali è finalmente finita) e al Manchester City. Stop. Persino a Dubai e Abu Dhabi non buttano più via i quattrini per vecchie cariatidi stanche. Il Paris St. Germain di uno degli uomini più ricchi del mondo, ad oggi ha speso una fortuna unicamente per Pastore, per il resto siamo fermi a Sirigu e Maxwell. Al contrario che in via Turati, lì i soldi ci sono eccome, ma sembrano scarseggiare le idee. Tevez è l'ultima del PSG, eppure lesinano su cartellino e ingaggio esattamente come sta facendo o come ha fatto il Milan con l'argentino.
La rabbia post-Calciopoli, l'impegno politico, la crisi mondiale, il lodo Mondadori, sono argomenti importanti sul piatto della linea editoriale di Berlusconi in questo ultimo quinquennio. Il problema, come abbiamo detto tante volte, è quello della comunicazione. Si sbagliò, e molto nel trasmettere i particolari della vicenda-Kakà (lo sostenne persino Fedele Confalonieri in un'intervista al "Corriere della sera" nell'estate 2009), si sbagliò nella questione Pirlo, si è sbagliato nelle questioni Tevez prima e Pato poi. Il Milan dovrebbe una volta per tutte tracciare pubblicamente, chiaramente, i suoi obiettivi: "Per ora non si spende più si viaggia su intuizioni e opportunità di mercato più che su sogni proibiti, di conseguenza l'obiettivo in campionato non è lo scudetto, ma quello di arrivare tra le prime 3, mentre in Champions va bene provare a tornare almeno ai quarti. La Coppa Italia non è male...". Ora, il Milan lo scudetto lo ha vinto e lotta per rivincerlo, dunque se uno dichiarasse prima che gli basta arrivare terzo, avrebbe un effetto mediatico ancora più forte. Ma se esci dopo la partita col Barcellona e dici che il gap con i catalani è colmato, che le rose sono forti uguali, ecco che ai tifosi va un po' insieme il cervello. E anche il fegato. I tifosi si aggrappino a una classifica che comunque premia la loro squadra, ancora in grado di vincere il titolo (statisticamente mica tanto platonico) di Campione d'inverno.
 
Diversa invece la discussione sulla gestione dei giocatori. Non condivideremo mai il modo in cui viene trattato oggi Pippo Inzaghi. Punto. La convivenza tra Ibrahimovic e Pato non è una questione tattica né tantomeno di insofferenza dello svedese: è un problema mentale del Papero. Le cose col Novara in coppia con El Shaarawy e Robinho non sono cambiate, Ibra o non Ibra. Pato sa che questi sono gli ultimi mesi che gli sono stati concessi per una maturazione, una consacrazione definitiva. Il suo futuro rossonero dipende solo, esclusivamente da lui. Altrimenti la prossima volta le offerte del PSG o, più probabilmente, quelle del City di Mancini, non verranno rifiutate.
 
Paolo Maldini parla poco e quando lo fa dice cose importanti. Le icone nel calcio non hanno cittadinanza, quando smettono li si tengono lontani, forse per timore che possano oscurare qualcuno o qualcosa. E' stato così per Albertini e Costacurta come in precedenza per Rivera. All'Inter è stato lo stesso con Mazzola, Bergomi e Oriali. La differenza è che tra questi, solo a Paolo Maldini è toccato essere congedato meglio dai tifosi di Inter e Fiorentina piuttosto che da alcuni milanisti.       
La Coppa Italia ci fa schifo. E' organizzata con i piedi, manca di rispetto alle società, al pubblico e alle televisioni. Non ha nessun senso. All'estero funziona perché per cultura vale come e più del campionato, da noi da quando non esiste più la Coppa delle Coppe è precipitata nel nulla. Nessuno fa niente per migliorarla, nemmeno i calciatori che la giocano a maniche corte, senza guanti e senza calzamaglia e si stirano come tanti calzini. Toccherebbe alla Lega ridarle lustro e valore, ma la Lega non esiste in Italia, dunque non esiste nemmeno la relativa Coppa. I tifosi dovrebbero boicottarla tutti, mettersi d'accordo per scioperare: non andate allo stadio e non guardatela in tv! Giocatevela tra di voi, questa ridicola coppetta.   
(Siccome non ci piace stroncare senza proporre, proponiamo un primo calderone estivo con i 64esimi di finale, 32esimi, 16esimi, ottavi a metà stagione, final eight nei 7 giorni dopo il campionato: quarti martedì e mercoledì, semifinali giovedì e venerdì, finale domenica. Peggio di com'è adesso non può essere).

Altre notizie
Giovedì 27 Gennaio 2022
01:00 Serie A Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 26 gennaio 00:56 I fatti del giorno Juventus-Vlahovic, il giorno decisivo: oggi l'incontro con Ristic per la definitiva fumata bianca 00:53 Serie A La lunga giornata di Gosens all'Inter: accordo fatto, mancano le visite e la firma 00:49 Serie A Non solo l'Inter: anche il Liverpool studia la situazione Dybala. Febbraio decisivo per la Juve 00:45 I fatti del giorno Lazetic-Milan, ora è anche ufficiale: Pioli dovrà studiarlo, no del club al prestito alla Samp
00:42 I fatti del giorno Dal Mondiale a Balotelli, da Scamacca agli oriundi: tutte le parole di Mancini a Coverciano 00:38 I fatti del giorno Caicedo pronto a riabbracciare Simone Inzaghi, all'Inter: visite fissate per l'attaccante 00:34 I fatti del giorno No dello Schalke all'offerta per Thiaw: il Milan non ha il nuovo difensore, e il tempo stringe 00:30 Serie A TOP NEWS Ore 24 - Vlahovic-Juve, oggi gli agenti a Torino. Morata, Barcellona più lontano 00:27 Calcio estero Man City a un passo dal talento ungherese Vancsa. Il giocatore è seguito anche dal Milan 00:23 Serie A Ag. Viti: "Tanti club lo stanno osservando. Empoli una vetrina importante per lui" 00:19 Serie C Padova, Mensah come Kragl? Con l'arrivo di Mirabelli la trattativa potrebbe non proseguire 00:15 Serie A Derby di Siviglia per Vecino. Il centrocampista ha rifiutato alcune offerte, a luglio sarà libero 00:12 Calcio estero UFFICIALE: Metz, ecco Fali Candé. Il terzino della Guinea-Bissau firma fino al 2026 00:08 Serie A Inter e Nike insieme oltre il 2024. A cifre raddoppiate, degne di un top club europeo 00:04 Serie B Pordenone, si lavora al ritorno di Candellone. Lavori in corso con il Sudtirol 00:00 Serie B Vicenza, amarezza Brocchi: "Atteggiamento sbagliato, obbligatorio vincere la prossima" 00:00 Le Statistiche Giovanni Arpino, giornalista e autore di Azzurro tenebra 00:00 A tu per tu …con Crescenzo Cecere 00:00 Editoriale Inter e Juve due grandi colpi, ma non è finita! Colpo Toro, Cagliari in volata
Mercoledì 26 Gennaio 2022
23:59 Serie B Lecce, gioia Baroni: "Non c'è mai stata partita, ma non guardo la classifica" 23:59 Serie A Desolati: "Vlahovic doveva essere chiaro con la Fiorentina. Anche a me ha dato fastidio" 23:57 Calcio estero Chabot dalla Samp al Colonia. Il ds Jakobs: "Ha esperienza e può crescere in Bundesliga" 23:52 Serie A Inter, duello con l'Atalanta per Cambiaso del Genoa. L'esterno nel mirino dei due club 23:49 Serie A Salernitana, le condizioni di Diego Costa non convincono. Non sarà un giocatore granata 23:49 Calcio femminile CS Lebowski, ingaggiate tre calciatrici afgane del Bastan di Herat: Fatima, Susan e Maryam 23:45 Serie A Il ct Mancini su Luiz Felipe: "Può avere un grande futuro nella Nazionale italiana" 23:42 Calcio estero PSG, Wijnaldum: "Lavoro per guarire dall'infortunio. E studio il francese per integrarmi" 23:40 Serie A Di Chiara su Vlahovic: "La Fiorentina ha fatto un affare. Gli unici che ci hanno rimesso sono i tifosi" 23:39 Serie A TMW - Lazio, proposto Maxi Gomez. Può lasciare il Valencia negli ultimi giorni di mercato