Menù Notizie

Parma, D'Aversa: "Con l'Inter grande partita per 85 minuti, con l'Hellas vogliamo fare risultato"

di Niccolò Pasta
Foto Articolo

A poco più di ventiquattr'ore da Hellas Verona-Parma, il tecnico crociato Roberto D'Aversa, intervistato dai canali ufficiali del club, ha analizzato la gara contro gli scaligeri, partendo da un approfondimento sullo stato fisico dei suoi: “E’ chiaro che ci riserviamo ancora la giornata di domani per vedere il recupero di qualche giocatore che ha giocato quasi tutte le partite. La squadra a livello fisico però sta rispondendo in maniera molto buona e lo ha dimostrato soprattutto in campo”.

Una partita come quella di domenica, certe volte, può lasciare qualche scoria a livello psicologico. Quanto è importante la consapevolezza tutto quello che di buono è stato fatto per incanalare anche la rabbia in un modo giusto e raggiungere un risultato positivo domani?
“E’ chiaro che un risultato positivo, a livello psicologico, ti dà qualcosina in più. Noi però dobbiamo essere bravi, indipendentemente dal risultato, a resettare: come abbiamo fatto dopo la gara con il Genoa dobbiamo farlo anche dopo la gara contro l’Inter. Ragionando sul fatto che domenica sera, per 85 minuti, abbiamo fatto una grandissima partita e non possiamo farci influenzare in maniera negativa dagli ultimi minuti in cui abbiamo buttato il risultato positivo che sarebbe stato meritato per quello che hanno fatto i ragazzi. La rabbia e la delusione sono proprio per ciò che si è fatto in campo. Dopo aver creato tanto, ci deve far riflettere il fatto di aver portato a casa zero punti. E questo lo abbiamo analizzato. Magari più precisione sotto porta e magari più determinazione, più attenzione e più concentrazione su alcune situazioni perché su entrambi i gol siamo stati un po’ leggeri. Non posso comunque rimproverare nulla a questi ragazzi per quello che hanno fatto in queste tre partite perché, ragionando sul fatto di aver conquistato quattro punti e quasi sette considerati i primi 84 minuti contro l’Inter, non dico fosse impensabile ma certamente non è sempre semplice fare questi risultati anche se ovviamente ci speravamo tutti. Questo è merito dei ragazzi. La mia incazzatura post-gara era dovuta al fatto che questi ragazzi hanno condotto una grandissima partita e meritavano di portare a casa un risultato diverso che, contro una squadra come l’Inter, avrebbe portato giovamento. Questo non è successo, deve servirci da lezione per la sfida di domani. E’ il momento di mettere da parte la gara di domenica sera e pensare a quella contro l’Hellas Verona che non sarà semplice“.

Si è parlato tanto delle cinque sostituzioni a disposizione, novità di questa seconda parte di stagione: la gara di domenica ha fatto vedere quanto è importante la profondità di una rosa, giocando ogni tre giorni?
“Sì, bisogna avere una rosa ampia per sfruttare i cinque cambi. Poi è chiaro che c’è anche l’imponderabile della singola partita perché faccio fatica a trovare, in passato, situazioni in cui sono stato obbligato a fare tre cambi obbligati in difesa – quello di Gagliolo all’intervallo per un problema e quelli di Dermaku e Laurini per crampi -; oppure quello di Scozzarella che aveva preso una botta e iniziava a perdere le distanze perché non stava benissimo. Come cambio tattico a disposizione, alla fine, ne è rimasto uno solo. E’ importante avere i cinque cambi, soprattutto quando non si verificano queste situazioni per poter fare un cambio tattico a seconda del risultato. Questo è un giovamento che viene dato a noi allenatori, a quelle rose ampie e per dare un premio a più ragazzi perché lavorano in maniera decisa durante la settimana, meriterebbero di giocare“.

Secondo molti addetti ai lavori, Parma ed Hellas Verona sono tra le sorprese di questo campionato. Che partita sarà?
“Sicuramente sia noi che l’Hellas Verona stiamo facendo più delle aspettative iniziali, stiamo andando al di sopra. E’ chiaro che l’obiettivo di entrambe è quello di una salvezza, loro arrivano da una promozione e sfruttano – come successo anche da noi – l’entusiasmo. Credo che ci siano dei meriti nella Società, nell’allenatore, per il cammino che stanno facendo. Affrontiamo una squadra che gioca in una determinata maniera, sono molto bravi ad aggredire in avanti. E’ una squadra che non ti fa giocare bene e lo dimostra il fatto che tutti coloro che hanno affrontato hanno avuto delle difficoltà. E’ una squadra che gioca allo stesso modo in casa e fuori casa, come facciamo anche noi. Mi auguro che sia una bella partita e, pur occupando una posizione di classifica impensabile ad inizio del campionato, penso sia una gara importante. Uno scontro diretto per la salvezza, penso possa valere sia per noi che per loro. Noi vogliamo raggiungere il nostro obiettivo il prima possibile dal punto di vista aritmetico“.

Quali sono le insidie di una gara come questa? Su cosa l’ha preparata?
“L’Hellas Verona è una squadra molto brava a venirti ad aggredire, una squadra molto brava sulle seconde palle, una squadra molto fisica con una rosa in cui la Società e l’allenatore sono stati bravi a valorizzare diversi elementi. Stanno dimostrando di essere dei bravi calciatori, di meritare la categoria e stanno facendo un campionato importante. Tante squadre sono interessate ai loro calciatori e questo significa che ci sono dei valori effettivi oltre alla bravura dell’allenatore e della Società. Mi auguro che domani si vada a Verona a cercare di fare un risultato e sappiamo cosa c’è da fare per provare a farlo. Oltre all’aspetto tecnico, perché quando ti aggrediscono bisogna essere ancora più puliti tecnicamente, dobbiamo essere bravi anche dal punto di vista della determinazione e delle seconde palle perché sfruttano molto i duelli personali. Non sarà una partita semplice ma le partite semplici non esistono: dobbiamo essere volenterosi di andare a fare risultato e di conquistare quello che abbiamo perso negli ultimi cinque minuti con l’Inter, cosa che non meritavamo“.

Altre notizie
Lunedì 06 Luglio 2020
08:53 Rassegna stampa Gazzetta di Parma sui crociati: "Due rigori contro e uno solo a favore: terzo ko di fila" 08:48 Rassegna stampa Il Mattino: "Il capolavoro di Insigne abbatte la grande muraglia della Roma" 08:45 Serie A Napoli, riscatto e quinto posto agganciato: recuperati 14 punti alla Roma in 10 giornate 08:45 La Giovane Italia Arrigoni: "Allenare i giovani mi gratifica. Volti nuovi? Occhio a Mancini" 08:43 Rassegna stampa Corriere Torino sui granata di Longo: "Toro, luce Verdi"
08:38 Rassegna stampa Fiorentina, La Nazione: "Una boccata di ossigeno" 08:33 Rassegna stampa Corriere di Roma: "Decimata dagli infortuni, la Lazio si scopre fragile" 08:30 Serie A Atalanta, fuori casa la Dea è da scudetto: 10 vittorie e 41 gol lontano dal Gewiss Stadium 08:28 Rassegna stampa Il Messaggero sui biancocelesti: "Lazio, scudetto sotto voce" 08:23 Rassegna stampa Corriere di Bologna sui rossoblù: "A Musa duro" 08:18 Rassegna stampa La Stampa: "Salvezza da prendere: Toro, comunque vada è un altro fallimento" 08:15 Serie A Lecce, sos difesa per Liverani: numeri horror e troppi cambi, già 70 gol subiti 08:13 Rassegna stampa Corriere della Sera: "Milan, l’Europa e poi l’addio. Ibra e Pioli firmano il patto del Diavolo" 08:08 Rassegna stampa Tuttosport sui nerazzurri: "Questa non è più l'Inter di Conte" 08:03 Rassegna stampa Corriere dello Sport: "Callejon magico, divorzio col Napoli difficile" 08:00 Serie A Inter, neppure Conte fa la differenza. L'Europa per salvare la stagione 08:00 Il corsivo Questa volta per Antonio Conte nessun miracolo al primo colpo 07:58 Rassegna stampa La Repubblica in prima pagina: "L'Inter si arrende al ragazzo venuto da un barcone" 07:53 Rassegna stampa Corriere Torino: "La Juve cambia muro. Bonucci fa festa e attende Rugani" 07:48 Rassegna stampa Il Messaggero sui giallorossi: "Roma discreta ma ancora ko" 07:45 Serie A Torino, Juric e Giampaolo restano nomi caldi 07:43 Rassegna stampa Corriere di Roma: "Il rientro di Zaniolo non salva la Roma: terza sconfitta di fila" 07:38 Rassegna stampa QS: "Riparte il Brescia: batte il Verona e torna sperare" 07:33 Rassegna stampa La Gazzetta dello Sport: "Inter, da Gagliardini a Godin: in 6 cambieranno aria" 07:30 Serie A Roma, solita rivoluzione senza risolvere i problemi: rischia perfino Fonseca 07:28 Rassegna stampa La Stampa: "Juwara da profugo a eroe. Inter ko. Conte "Tutti in discussione, anch'io" 07:23 Rassegna stampa L'apertura del Corriere della Sera: "Meno tasse, più treni e buoni Internet: il piano per la UE" 07:20 Altre Notizie Claudio Nassi: “L’operazione simpatia!” 07:18 Rassegna stampa Tuttosport: "Jorginho-Chelsea in rotta: la Juve aumenta il pressing" 07:15 Serie A Milan, dopo la Lazio Ibrahimovic vuole l’impresa contro la Juventus