LIVE TMW - Lega A. Sabato il consiglio federale per la proroga

di Lorenzo Di Benedetto
Fonte: Dall'inviato in Lega, Alessandro Rimi
Foto Articolo

15.37 - Sarà dunque sabato il giorno decisivo per la proroga del commissariamento della presidenza della Lega di Serie A. Questa la richiesta dei club, adesso la palla passa al consiglio federale.

15.25 - Il presidente dimissionario della FIGC Carlo Tavecchio ha parlato al termine dell'assemblea di Lega: "Leggo il testo della delibera: l'assemblea di Lega, tenuto conto del processo di rinnovamento in corso della Lega Serie A, della conseguente approvazione del nuovo statuto, del percorso di selezione del presidente e dell'amministratore delegato, del positivo esito dell'assegnazione dei diritti audiovisivi esteri, del processo in corso di definizione delle procedure competitive per l'assegnazione dei diritti audiovisivi sul territorio nazionale, della necessità, altresì, di garantire gli atti di ordinaria amministrazione della Lega di Serie A, delibera all'unanimità di chiedere al consiglio federale l'adozione di un provvedimento idoneo per il mantenimento dell'organo commissariale nella persona di Carlo Tavecchio".

14.37 - Dovrebbe essere Carlo Tavecchio a intervenire in conferenza stampa dopo la fine dell'assemblea di Lega.

14.30 - L'assemblea di Lega è terminata. Tra poco arriveranno le prime reazioni.

13.33 - "Bisogna capire e vedere se la Federcalcio farà questa cosa e soprattutto se normativamente si può fare". Lo ha detto il presidente del Coni Giovanni Malagò commentando l'ipotesi che nell'assemblea di oggi a Milano, le società di Serie A chiedano alla Federcalcio una proroga del commissariamento. Quali scenari possibili? "Non lo so - ha risposto Malagò a margine del convegno "Legalità e Sport" oggi a Roma - vediamo il 12 dicembre. Fino alla sera dell'11 le società hanno la possibilità di trovare un accordo".

13.03 - È ancora in corso l'assemblea di Lega. I vari dirigenti delle società di A stanno cercando di trovare l'intesa per il nuovo presidente.

12.10 - È iniziata l'assemblea di Lega.

11.55 - Presenti all'assemblea di Lega anche Urbano Cairo e Tommaso Giulini. Il presidente del Torino è stato invitato dai giornalisti de Le Iene ad agire sul fronte giovani allo stadio, una situazione che riguarda tutti i club di A relativo agli under 14, che dovrebbe essere affrontato una volta per tutte.

11.43 - Il direttore sportivo del Genoa Giorgio Perinetti ha parlato a pochi minuti dall'inizio dell'assemblea di Lega: "Non abbiamo ancora cominciato. Secondo me si farà tutto abbastanza in fretta".

11.28 - È arrivato anche il presidente del Genoa Enrico Preziosi, anche lui braccato dai giornalisti de Le Iene che stanno braccando un po' tutti. Per la Fiorentina c'è invece Sandro Mencucci.

11.20 - Gardini, Antonello e Capellini: questo il trio di dirigenti dell'Inter arrivato pochi secondi fa in Lega per l'assemblea che inizierà a breve.

11.18 - Sono arrivati anche i dirigenti di Sassuolo ed Hellas Verona. Da pochi minuti sono infatti entrati in Lega sia Carnevali che Setti.

11.11 - Continuano ad arrivare i vari dirigenti delle società di Serie A. Da poco sono entrati l'avvocato Romei per la Samp, Barile per il Torino e Campedelli per il Chievo.

11.07 - Incursione de Le Iene in Lega. L'obiettivo era fermare Claudio Lotito e la sicurezza ci ha messo alcuni minuti per riuscire a far allontanare i giornalisti. Il presidente della Lazio, arrivato da poco, non si è neanche fermato a parlare e ha tirato dritto verso l'ascensore.

11.00 - Marco Fassone, amministratore delegato del Milan, ha parlato a pochi minuti dall'inizio dell'assemblea in Lega calcio: "La bocciatura della UEFA? Per noi è una sorpresa leggere queste cose sui giornali. La commissione della UEFA si riunisce domani e quindi non capisco come possano essere filtrate indiscrezioni. Ho stima per il presidente e non credo che qualcuno possa aver anticipato qualcosa. Ci sono state fatte delle richieste dalla commissione impossibili da accontentare, non solo da parte del Milan ma di qualsiasi club. Mi auguro che la decisione sia presa nel rispetto del primo Volontary agreement, poi rispetteremo le scelte prese dalla UEFA stessa. Il nostro accordo permetterebbe nel breve di non avere sanzioni nell'immediato, successivamente dovremo poi tornare a parlare con la commissione. Non c'è né ottimismo né pessimismo, a oggi è impossibile fare previsioni. Abbiamo comunque fiducia che possa essere presa una decisione buona per noi. Sto portando avanti da 6/7 mesi una negoziazione con la UEFA sfruttando un istituto creato dalla UEFA per i club che hanno cambiato proprietà. Il rifinanziamento? La scadenza è fissata per l'ottobre 2018 ma proveremo a risolvere tutto entro la prossima primavera. Stiamo vivendo un momento di rinnovamento, questa annata è di transizione e vogliamo ripartire in tempi non lunghissimi. La prima di Gattuso? Vedo solo un allenamento a settimana ma ho capito che il mister sta cercando di cambiare mentalità ai giocatori e per questo ci vorrà tempo, cinque o sei partite. Abbiamo fiducia nonostante il pareggio di Benevento. Il mercato estivo? Abbiamo fatto uno o due errori, inutile nasconderci. Abbiamo cercato di correggerci e sono convinto che abbiamo preso tutti giocatori forti, anche se qualcuno non sta rendendo secondo le aspettative".

10.35 - È arrivato da pochi minuti anche l'amministratore delegato e direttore generale della Juventus Giuseppe Marotta, mentre tra pochi minuti parlerà anche Marco Fassone, ad del Milan, sul Voluntary Agreement tra i rossoneri e la UEFA.

10.30 - Giornata importante in Lega Calcio dove alle ore 11 inizierà l'assemblea. Carlo Tavecchio, presidente dimissionario della FIGC e Commissario della Lega Serie A, è già arrivato e tra poco parlerà alla stampa. Questo l'ordine del giorno:

- Diritti tv: il 5 gennaio verrà pubblicato il bando del triennio 2018-2021, mentre il 22 ci sarà l'apertura delle buste. Resta il progetto di un canale tv in proprio.

- Nomina dell'ad della Lega: in pole l'italo-egiziano Sami Kahale. Resta lo stallo sul presidente di Lega e sui consiglieri. Possibile che si arrivi all'11 dicembre, quando scadrà il commissariamento di Tavecchio. In alternativa molti club sono intenzionati a chiedere alla Federazione una proroga del commissariamento fino al 29 gennaio, data delle elezioni federali.


Altre notizie
Martedì 12 Dicembre 2017
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.