L’uomo dei record in panchina: Giampaolo il top player della Samp

di Andrea Piras
Foto Articolo

Lavorare, lavorare e lavorare. E’ questa l’unica parola d’ordine di Marco Giampaolo. Da tre anni sulla panchina della Samp, il tecnico di Giulianova, anche se lui è nato e Bellinzona, ha lasciato una chiara impronta sulla squadra. Ricerca massima del fraseggio palla a terra, anche se pressati, all’interno della propria area di rigore, una linea difensiva che si muove ormai a memoria, rapidità di esecuzione dei movimenti. Sono queste le fondamenta su cui si basa il suo credo calcistico che ha permesso a diversi giocatori di poter spiccare il volo dopo essere arrivati alle sue dipendenze.

TANTI GIOCATORI VALORIZZATI - Di calciatori in blucerchiato ne sono passati tanti. Le sessioni di mercato frizzanti hanno portato tante entrate di calciatori che non erano conosciuti alla grande platea ma che poi, con il lavoro minuzioso del mister, hanno spiccato il volo. Skriniar è una colonna dell’Inter mentre Torreira ha punito il Napoli con la maglia dell’Arsenal. Schick invece, che alla Samp ha dato un contributo importante, non ha lasciato il segno nelle due stagioni con la maglia della Roma ma ha rappresentato un buon introito al presidente Ferrero dal punto di vista economico. Andersen, Colley, Praet e Linetty stanno seguendo questa strada mentre i miglioramenti di Sala e Murru sono sotto gli occhi di tutti.

MAI COME LUI NEI DERBY - C’è poi una statistica molto importante che ai tifosi è cara. Il derby. La partita per eccellenza. Quella che tutti, in città, segnano in rosso sul calendario al momento della compilazione dei campionati a luglio. Il tecnico blucerchiato è stato il primo allenatore ad essere imbattuto in sei derby di fila: una striscia importante di quattro vittorie e due pareggi mai accaduto a nessun allenatore doriano. Numeri importanti che vanno ad aggiungersi al record di sei vittorie consecutive nelle prime sei gare casalinghe, dato relativo alla scorsa stagione, serie mai accaduta prima d’ora neanche alla Samp d’oro.

LA SUD SEMPRE DALLA SUA PARTE - Quello fra Marco Giampaolo e i tifosi è un legame importante. Sebbene una parte dei sostenitori gli rinfacciano un eccessivo “integralismo” nello schierare la formazione, opinione lecita peraltro, molti invece lo sostengono e lo applaudono per quanto fatto vedere dal gruppo in campo. Già il 2 ottobre del 2016, nel match con il Palermo e dopo quattro sconfitte consecutive in sei gare, dal secondo anello della Gradinata Sud è stato esposto uno striscione di sostegno a lui, raramente capita, e alla squadra. “I tifosi - ha spesso ripetuto - sono un valore aggiunto per la squadra”. Come lo è per la Samp Marco Giampaolo.


Altre notizie
Giovedì 18 Aprile 2019