ESCLUSIVA TMW - Pauluzzi (L'Equipe): "Razzismo? Dispiace per l'Italia"

di Andrea Losapio
Foto Articolo

Valentin Pauluzzi, inviato dell'Equipe in Italia, ha analizzato la serata di Milano, sia dal punto di vista calcistico, con il Milan di Gattuso, sia da quello extra campo. "È stata la peggiore perché in una partita del genere ci si attende che Gattuso dia quel qualcosa in più a livello di carattere. Con l'Olympiacos c'è stata una reazione, l'ambiente era molto più caldo. A San Siro c'erano 60 mila persone, tutto lo stadio dietro. Non so se l'hanno sottovalutata, la Champions è dieci volte più importante, però...".

Però anche in campionato fa fatica.
"Ha fatto una vittoria nelle ultime sei, ma c'è sempre stata mancanza di continuità in questa squadra. C'è stato un mese, qualche vittoria, poi c'era una continuità a livello tattico, poi le solite mancanze come ai tempi di Brocchi, Inzaghi, Mihajlovic. Colpa anche dei giocatori, è una stagione complicata e preoccupante in vista della prossima partita, decisiva, visto che è uno scontro diretto".

Anche oggi una giornata bruttina sul fronte razzismo.
"Mi dispiace molto per la parte giusta dell'Italia, so bene che risonanza possono avere queste cose all'estero. Poi si generalizza sugli italiani per colpa di pochi, ma anche di troppi. Non voglio entrare in discorsi politici, ma basta vedere Salvini su Twitter, ha condannato ma non citato chi di preciso. Questa gente qui fa parte del suo elettorato, quando è il vicepresidente del Consiglio che fa orecchie da mercante... Purtroppo si capiscono tante cose".

E Mazzoleni?
"È lo stesso di Inter-Napoli, che non ha sentito gli ululati di Koulibaly. Forse gli consiglio un buon otorino, poi la decisione non è facile e va presa dall'ufficiale di ordine pubblico. Oggi c'erano 4 mila laziali, forse non l'hanno sospesa per questo. Va ripensato il regolamento".


Altre notizie
Domenica 26 Maggio 2019
 00:00  ...con Maccarone
Sabato 25 Maggio 2019