ESCLUSIVA TMW - Orlando: "Oddo? Poche colpe. Non c'è più programmazione"

di Lorenzo Marucci
Foto Articolo

I nove ko consecutivi dell'Udinese hanno inevitabilmente messo a rischio la panchina di Oddo. Per adesso il tecnico è stato confermato fino al match di domenica prossima contro il Crotone. Sarà quella la partita decisiva. "Chiunque sarebbe sulla graticola", dice a Tuttomercatoweb.com Alessandro Orlando udinese e ex bianconero. "Mercoledì non credo che ci possa essere scampo con il Napoli ma ad ogni modo, se la situazione è questa, i motivi vanno ricercati in vari fattori. Oddo a mio parere è l'ultimo ad avere delle colpe. Negli ultimi anni ad Udine non si sono mai visti grandi risultati. Il problema è legato ad una programmazione che è venuta progressivamente a mancare. A Udine da questo punto di vista erano sempre stati impeccabili. Poi però sono cambiarti gli interessi. Il patron Pozzo si vede meno, Gino Pozzo è più vicino al Watford. Peccato perché l'Udinese con il suo stadio nuovo potrebbe essere un gioiellino per tutto il calcio italiano. E adesso invece siamo allo sfascio".

Quanto rischia l'Udinese?
"Ha ancora un margine di sei punti. Certo, rischi di arrivare alla gara col Crotone con l'acqua alla gola però è anche vero che pure le altre dovrebbero vincere tutte. Credo che con una vittoria possa essere fuori da ogni pericolo".

Come eventuali sostituti di Oddo si parla di Ventura e De Biasi: che ne pensa?
"Si parla anche di Reja ed è il tecnico che preferirei. Il cambio potrebbe avvenire per provare a dare una sterzata, vedo l'ambiente sfiduciato e anche Oddo un po' sulle sue".


Altre notizie
Lunedì 10 Dicembre 2018