Menù Notizie

ESCLUSIVA TMW - Freixa, storico dirigente del Barcellona: "Clima di guerra, ma a Napoli noi favoriti"

di Giacomo Iacobellis
Foto Articolo

Il grande giorno è arrivato: stasera il Napoli di Gattuso riceverà la visita del Barcellona per l'andata degli ottavi di finale di Champions League. Per presentare il big match in programma fra poche ore al "San Paolo", oltre a commentare passato, presente e futuro blaugrana, TuttoMercatoWeb.com ha intervistato in esclusiva uno dei volti più noti del Barça di questi ultimi anni: Antoni Freixa i Martí, meglio conosciuto come Toni Freixa, factotum (segretario, portavoce, dirigente...) che ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione del club catalano nelle diverse ere Laporta, Rosell e Bartomeu per poi concorrere lui stesso alle elezioni per la presidenza nel 2015, arrivando al quarto posto.

Freixa, che partita si aspetta stasera tra Napoli e Barça?
"Da barcelonista spero chiaramente che la mia squadra ottenga un buon risultato per mettere già all'andata il discorso qualificazione sui giusti binari. Il Napoli è una squadra davvero ottima, davanti ai suoi tifosi scenderà in campo con grandissime motivazioni, ma il Barcellona è favorito perché è più abituato a questo tipo di sfide europee e ha calciatori ancora più forti di quelli azzurri".

Il Barcellona però, almeno in questi tempi, non vive un buon momento fuori dal campo, tra il caso Messi e quello legato all'azienda privata I3 Ventures.
"Questo è negativo per lo sport. Dobbiamo rimettere il mirino sul campo, non sugli uffici. Non sono positivi il potere e il business che sta generando il calcio in questi ultimi anni. È urgente fare una riflessione per capire quale fútbol vogliamo per la nostra società. Parlando più precisamente del Barça, questa guerra tra la giunta attuale e determinati oppositori che mirano a prendere il potere mi fa sentire molto lontano dal cammino che ha preso attualmente il mondo del calcio".

Cosa servirebbe oggi al Barcellona?
"Il Barcellona viene da 15 anni di successi, salvo qualche passo falso in Champions, pur avendone vinte quattro. Nel calcio, così come nella vita, i cicli possono terminare. La nuova sfida di chi lo dirige deve essere quindi quella di provare a dare continuità al Barça del passato, cosa che in questo momento non si sta riuscendo a fare. Speriamo di tornare presto a vincere e convincere in ogni competizione".

Intanto le voci sul possibile futuro di Messi lontano da Barcellona hanno acceso le fantasie di tantissimi tifosi, anche qui in Italia.
"Mi dispiace deludere i tifosi italiani: Messi non lascerà mai e poi mai il Barcellona. Non esiste infatti miglior simbiosi nella storia del calcio di quella tra lui e i blaugrana".

L'idea di vedere ancora Messi contro CR7, o addirittura Messi con CR7, resterà dunque solamente fantamercato?
"È stato un vero spettacolo assistere alla sfida nella sfida tra Messi e Cristiano Ronaldo negli anni in cui hanno giocato entrambi nella Liga, con Barcellona e Real Madrid. Ma il futuro di Leo, ripeto, non sarà in Italia e in nessun altro Paese: Messi chiuderà la carriera al Barcellona".

Se Messi sembra un sogno irrealizzabile, a Torino c'è da tempo un'altra leggenda blaugrana nel mirino: Pep Guardiola.
"A mio giudizio Guardiola è il miglior allenatore del mondo. È uno dei pochi tecnici che può decidere dove allenare. Se avrà voglia di lavorare in Serie A, sono sicuro che trionferà anche lì come ha già fatto in Spagna, Germania e Inghilterra con Barcellona, Bayern Monaco e Manchester City".

A proposito di Italia, che ricordi ha delle partite di Champions o delle trattative vissute con le squadre di Serie A?
"Ho conosciuto i rappresentanti dei principali club italiani a margine delle grandi notti di Champions o di riunioni di organismi internazionali. C'è un livello di gestione davvero alto in Italia, club come Juve e Inter per esempio sono un buon esempio della grande crescita che ha avuta la Serie A nel recente passato".

Chiosa proprio su una stella dell'Inter e della Serie A: Lautaro Martinez, tra i principali obiettivi del Barça per la prossima estate.
"Lautaro è un calciatore con una mentalità da top club. Sono convinto che potrebbe trionfare al Barcellona, ma secondo me ciò che i blaugrana necessitano adesso più di tutto il resto è un progetto ben definito piuttosto che acquistare ogni anno i talenti del momento. Lautaro da solo non basta, il Barça deve riniziare un ciclo in ottica presente e futura".

© Riproduzione riservata
Altre notizie
Mercoledì 08 Aprile 2020
00:38 Serie A Genoa, Nicola: "Non sono preoccupato e penso che il lavoro verrà ripreso come si deve" 00:34 Altre Notizie Coronavirus, Fontana racconta la telefonata con Mattarella: "Ci ha detto di continuare così" 00:30 Serie C Carrarese, Murolo: "AIC, troppe parole al vento e pochissimi fatti" 00:30 Serie A TOP NEWS ore 24 - La UEFA lavora al calendario internazionale. Marino: "Premier finita" 00:27 Calcio estero Bayern Monaco, Flick chiama Klose: "Sarebbe un vantaggio per lo staff tecnico"
00:23 Serie A RBN - Pres. Lecce: "Stipendi, allenamenti e ripresa, non vogliamo trarre alcun vantaggio" 00:19 Altre Notizie Emergenza Coronavirus, la Colombia prolunga le misure di restrizione fino al 27 aprile 00:15 Serie A Ripresa dei campionati e taglio degli stipendi: la situazione nei top 5 campionati europei 00:12 Altre Notizie Cassano: "Dovrei chiedere scusa a Capello per tutte le volte che l'ho fatto arrabbiare" 00:08 Altre Notizie Coronavirus, Salvini: "Fra qualche settimana starà agli italiani giudicare l'operato del governo" 00:04 Serie C Monza, Sampirisi: "Taglio stipendi giusto in questo momento, aspettiamo quello che accadrà" 00:00 A tu per tu ...con Fabio Lupo 00:00 Nato Oggi... Grzegorz Lato, la freccia polacca che rifiutò l'invito di Pelé a New York 00:00 Editoriale Al 90% la Serie A non finirà entro agosto. Se non decide adesso, rischia tutto
Martedì 07 Aprile 2020
23:59 Serie A Ag. Allan: "Troverà una soluzione con il club. Hanno avuto problemi con il Napoli" 23:57 Calcio estero UFFICIALE: Leganes, rinnova il centrocampista Eraso 23:55 Serie A Marino svela: "Situazione gravissima in UK. Premier finita, stessa decisione presa in Belgio" 23:53 Serie B Ascoli, Pulcinelli: "Ritengo che a metà maggio si possa tornare in campo. Ma a porte chiuse" 23:49 Altre Notizie RBN - Prof. Di Perri: "Il calcio? Serve cautela perché il virus non ci abbandonerà presto" 23:48 Altre Notizie Emergenza Coronavirus, Di Maio: "Se sbagliamo i tempi della fase 2, torniamo in lockdown" 23:47 Serie A Giocare o fermarsi? L'Udinese non prende posizione. Marino: "Sarebbe delirio di onnipotenza" 23:45 Serie A Roma, Fonseca: "Importante che i calciatori non si fermino, li controlliamo a distanza" 23:45 Serie A LIVE TMW - Emergenza Coronavirus, finita la stagione del basket. Le proposte della FIFA 23:42 Altre Notizie Emergenza Coronavirus, Toti avvisa: "Per Pasqua stop a tutti gli arrivi da fuori Liguria" 23:40 Altre Notizie Emergenza Coronavirus, a Milano è nata Giulia: la figlia del paziente 1 di Codogno 23:38 Altre Notizie Ambrosini: "Milan, troppa confusione. Il club non può permettersi di non avere idee chiare" 23:34 Serie C Dg Vibonese: "Speriamo di andare avanti con le nostre forze. Aiuti? Tassazione agevolata" 23:32 Altre Notizie CEO Twitter dona un miliardo di dollari per combattere il COVID-19. È un 1/3 del suo patrimonio 23:30 Serie A Parma, Iacoponi: "Il gol a Bologna e l'impresa di Napoli i momenti top della stagione" 23:27 Altre Notizie Coronavirus, Nibali sul ciclismo: "Dovremmo ripartire a giugno, Tour de France si farà"