Menù Notizie

Brescia, Torregrossa piace a mezza serie A: ma farlo partire potrebbe essere un errore

di Patrick Iannarelli
Brescia, Torregrossa piace a mezza serie A: ma farlo partire potrebbe essere un errore
Un attaccante atipico che ha catturato l'attenzione di tutti durante il suo primo anno di serie A. Ernesto Torregrossa, calciatore classe 1992 del Brescia, ha impressionato in positivo, nonostante l'annata negativa culminata con la retrocessione immediata delle Rondinelle. Gol e assist, ma soprattutto una posizione in campo che può far comodo a chiunque: è un attaccante, ma come seconda punta riesce ad esprimersi al meglio. Milan, Lazio, Parma, Genoa e Sampdoria - stando alle ultime indiscrezioni di mercato - ne hanno intravisto il potenziale, ma servono almeno 10 milioni di euro per convincere Cellino. Buona la prima - Sette gol in 25 presenze, un bottino da non sottovalutare alla prima esperienza in massima serie. Niente doppia cifra, ma considerando la stagione del Brescia e le poche reti segnate (35), il dato può essere considerato più che positivo. Non bisogna tralasciare l'infortunio subito a San Siro contro il Milan, che lo ha tenuto fuori dal campo per ben 9 partite. Ad ogni modo Torregrossa non è un giocatore da 20 gol stagionali, ma può essere determinante come attaccante di supporto alla manovra. Colonna portante - Arrivato al Brescia nel 2016, il calciatore siciliano si è ritagliato sin da subito uno spazio importantissimo negli undici titolare e nello spogliatoio biancoblù. Nell'attuale stagione ha dimostrato di avere il carattere giusto per potersi caricare la squadra sulle spalle, atteggiamento che può essere utile soprattutto nel prossimo campionato cadetto: cedere alle lusinghe potrebbe essere un errore incredibile per le Rondinelle che devono assolutamente tornare in A. Per raggiungere l'obiettivo sarà necessario affidarsi agli uomini di maggior esperienza come Torregrossa.
Altre notizie Sampdoria
Giovedì 24 Settembre 2020
Mercoledì 23 Settembre 2020