PL - Fano, Menegatti: "Noi più uniti del Parma. I ducali diranno la loro nei playoff"

di Vito Aulenti
PL - Fano, Menegatti: "Noi più uniti del Parma. I ducali diranno la loro nei playoff"

Il portiere del Fano Pietro Menegatti, intervenuto ai nostri microfoni, ha così analizzato il successo della squadra marchigiana contro il Parma: "Abbiamo sofferto, ma siamo stati bravi a difenderci con le unghie e con i denti. Nel calcio ci vuole anche un po' di fortuna, ci è andata bene".

Qual è stata la parata più difficile?
"Nel primo tempo non ho fatto praticamente niente. Nella ripresa ci sono state un paio di situazioni, ma la parata più difficile è stata quella su Calaiò: sono stato bravo a chiudergli lo specchio".

Che cosa hai pensato quando ti sei ritrovato a tu per tu con Calaiò, attaccante che di solito da quella posizione non perdona?
"E' sempre un'emozione affrontare certi giocatori che hanno fatto categorie importanti, non è facile giocare a Parma con un pubblico così, sotto la curva. C'è tanta pressione. In quell'occasione lì non sapevo cosa pensare, bisogna cercare sempre di essere più lucidi possibile. Ieri ci sono riuscito".

Come ti spieghi l'involuzione del Parma?
"Il Parma è superiore a gran parte delle squadre del girone, ma il campionato è molto difficile e equilibrato. Non è facile dover imporre il proprio gioco quando si incontrano squadre come la nostra che si difendono e cercano di ripartire. Il Parma non sta attraversando un momento facilissimo, ma sono sicuro che potrà dire la sua negli eventuali playoff".

Forse voi siete stati più squadra:
"Sì, forse siamo stati più uniti. Non conosco la situazione del Parma, ma noi abbiamo messo in campo un grande spirito di gruppo. Volevamo tornare a casa con un risultato positivo e ci siamo riusciti".

Il Parma si è un po' lamentato per la direzione arbitrale:
"Sinceramente non mi va di parlare degli arbitri, anche perché loro prendono le loro decisioni e noi non possiamo fare nulla. Non ho rivisto le immagini, perciò non so dirti se c'era il rigore su Calaiò. In ogni caso, non mi sembra che l'arbitro abbia fatto grossi danni ieri".

Melandri ha vissuto un anno e mezzo importante a Parma. In settimana hai notato qualcosa di diverso in lui nell'avvicinamento alla gara?
"Daniele ha fatto molto bene a Parma l'anno scorso. Quest'anno, purtroppo, non ha trovato molto spazio lì, ed è venuto a darci una grossa mano. Non sta giocando molto, ma quando entra è sempre un giocatore importante. E' normale che sentisse un po' questa gara, ha giocato anche abbastanza bene. Poi è uscito tra gli applausi del Tardini, penso che per lui sia stata una bella soddisfazione".

@ESCLUSIVA PARMALIVE - RIPRODUZIONE RISERVATA


Altre notizie Parma
Martedì 25 Luglio 2017
Lunedì 24 Luglio 2017
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.