Menù Notizie

FOCUS TMW - La Top 11 del Girone A di Serie C: sempre Renate show. Di Gennaro leader

di Claudia Marrone
FOCUS TMW - La Top 11 del Girone A di Serie C: sempre Renate show. Di Gennaro leader
E' andata in archivio la 12^ giornata del Girone A di Serie C. Questi i risultati: Piacenza-Novara rinviata a data da destinarsi Renate-Alessandria 2-1 Grosseto-Livorno 1-0 Pontedera-Pro Patria 0-1 Albinoleffe-Como 1-2 Juventus U23-Pistoiese 3-2 Lecco-Pergolettese 3-2 Lucchese-Giana Erminio 0-1 Pro Vercelli-Pro Sesto 0-2 Carrarese-Olbia 3-0 Di seguito, la TOP 11 di TuttoMercatoWeb.com, che opta per il 3-4-2-1: Pissardo (Lecco): delizia anche gli occhi con alcune uscite acrobatiche nel primo tempo, poi fa calmare le coronarie di chi lo vede sia in tv che dallo stadio e regala miracolosi interventi nel finale per mettere in sicurezza il risultato. Sul gol del pareggio, non può niente. Anghileri (Renate): parte come centrale, poi riesce ad allargarsi nel suo naturale ruolo di esterno... ma il succo non cambia: dove lo metti, fa bene. Sia a livello tecnico che di temperamento, non perdendo mai la lucidità. Tantissime azioni e ottimi spunti per i compagni, impeccabile dietro. Di Gennaro (Livorno): gli amaranto gli allunghino il contratto. Nel grigiore grossetano, non sbaglia un intervento, imposta bene in fase di uscita, è pericoloso sui calci piazzati e tenta anche di trovare il gol in paio di circostanze. Colpa su quello dei maremmani? Lieve incertezza, ma può. Solini (Como): ottimo sprint del centrale lariano, che si improvvisa anche goleador segnando la rete che vale tre punti e impreziosisce una partita già di ottimo livello in quella che è la sua fase di competenza. Puntuale e pulito negli interventi, ha anche una buona visione del gioco. Galli (Pro Patria): ha il grosso merito di rompere gli equilibri di una partita, quella del "Mannucci", poco esaltante. La gara è più che sufficiente, ma niente di esaltante, se non fosse appunto quel gol che pesa come un macigno. Palesi (Pro Sesto): non è facile dirigere il gioco contro la capolista, e forse in questo spazio dovrebbe finirci un po' tutta la squadra, ma il lavoro che fa Palesi, seppur magari non "visibile", è davvero un lusso per i suoi. Intelligenza tattica e tecnica. Marotta (Lecco): svolge il lavoro per due, facendo anche qualcosa che spetta ai compagni, ma riesce comunque a dare equilibrio alla squadra in match molto delicato. Sempre lucido e attento, è l'ultimo a mollare. Rada (Renate): gli aggettivi per il classe '99 sono terminati. Sta sfoderando prove sempre in crescendo, dove lotta come un leone (ops, pantera) e non sbaglia niente. Interventi difensivi sempre precisi, e poi in avanti, per cercare quel che arriva e decide la gara contro l'Alessandria. Maltese (Giana Erminio): prestazione di livello, sia come trequartista nel primo tempo che come mezzala nella ripresa. Tutte le azioni offensive passano dai suoi piedi, è una spina nel fianco per una Lucchese che non lo contiene. Calderini (Carrarese): si ricorda di saper fare la differenza, e stavolta la fa. Infuoca l'out mancino, ha velocità e ottimo dribbling: nell'azione che vale il raddoppio ci mette lo zampino aprendo bene per Caccavallo. A inizio gara lamenta un rigore, l'arbitro non è del medesimo avviso. Petrelli (Juventus U23): se doveva consacrarsi tra i pro... lo ha fatto. Al "Moccagatta", davanti a Pirlo fa tutto lui: prestazione perfetta in avanti, e tripletta che stende la Pistoiese. Che voglia rubare presto il numero 7 a Cristiano Ronaldo?
Altre notizie Palermo
Sabato 23 Gennaio 2021
Venerdì 22 Gennaio 2021
Giovedì 21 Gennaio 2021