Menù Notizie

Ronaldo, semplicemente il Fenomeno

di Simone Bernabei
Foto Articolo

Per tutti è semplicemente il Fenomeno, quello originale che non teme imitazioni. Luiz Nazario de Lima, in arte Ronaldo, è nato a Rio de Janeiro nel '76. A detta della stragrande maggioranza di tifosi, giocatori e allenatori è stato il più grande centravanti della storia del calcio. Qualità tecnica, velocità, dribbling, senso del gol... nel suo repertorio sono al top tutte le statistiche utili per elevare un grande attaccante al ruolo di campione, o fenomeno se preferite. Inizia a tirare calci al Sao Cristovao, prima di passare al Cruzeiro. Nel club carioca resterà un solo anno, perché gli osservatori attenti del PSV non potevano aspettare un solo minuto in più per portarlo in Olanda. Al PSV, da giovanissimo, segnerà 42 gol in 46 partite, numeri che gli valsero la chiamata del Barcellona. Con la squadra blaugrana, nonostante fosse solo 20enne, riuscì a mantenere un rendimento straordianrio, segnando 47 reti in 49 partite. E' lì che Moratti si innamorò di questo giocatore a tratti magico e lo portò a Milano col pagamento della clausola da 48 miliardi. Mai affare fu più azzeccato. Alla prima stagione il brasiliano contribuì alla vittoria di alcuni titoli e si aggiudicò il suo primo Pallone d'Oro. Il 21 novembre arrivò il primo grave infortunio, il 12 aprile del 2000 il secondo, a sei minuti dal suo rientro in campo. Il recupero fu lento e difficile, ma Ronaldo tornò in campo alla fine del 2001. L'episodio legato al 5 maggio del 2001, poi, è un altro capitolo (purtroppo per lui sfortunato) della sua esperienza nerazzurra. Le immagini del suo volto in lacrime in panchina se le ricordano più o meno tutti, e fu proprio quella l'ultima apparizione interista del brasiliano. Nell'agosto del 2002, infatti, Ronaldo passò al Real Madrid per 45 milioni di euro. Con i Blancos continuò a vincere e segnare e alla fine dell'anno vinse il secondo Pallone d'Oro. In 4 stagioni al Real, segnò 104 gol in 177 partite. Il 30 gennaio del 2007, Ronaldo decise di tornare in Italia accettando la corte del Milan. L'esperienza rossonera però non fu all'altezza delle aspettative, anche se Ronaldo riuscì comunque a dare il suo contributo in fatto di gol. Chiuse la carriera nel Corinthians, nel 2011. Essendo un giocatore extra-ordinario, anche la sua carriera con la Seleçao fu ricca di spunti: vinse il Mondiale a 17 anni, pur non entrando mai in campo. Era il 1994. Nel '97 vinse la Confederations Cup e la Copa America. Ai Mondiali del '98 Ronaldo era la stella del Brasile, ma la notte prima della finale fu colto da improvvise convulsioni. Il Brasile perse quella finale e il giallo sul suo malore divenne un caso mondiale. Nel '99 vinse un'altra Copa America, nel 2002 un altro Mondiale in finale contro la Germania.
In carriera Ronaldo ha vinto: un campionato Mineiro, un campionato Paulista, 2 Coppe del Brasile, una Coppa d'Olanda, 2 Supercoppa di Spagna, una Coppa di Spagna, una Liga, una Coppa delle Coppe, una Coppa UEFA, una Intercontinentale, 2 Mondiali, 2 Copa America, una Confederations Cup e, come detto, 2 Palloni d'Oro. Oggi il Fenomeno, attuale presidente del Real Valladolid in Spagna, compie 43 anni.


Altre notizie
Domenica 20 Ottobre 2019
12:54 Serie B Venezia, Capello: "Risposto bene, ci siamo fatti trovare pronti" 12:49 Serie A Sassuolo e Inter sull'1-1. Berardi segna e dedica il gol a Squinzi 12:49 Serie A Le pagelle di Immobile: dove sarebbe la Lazio senza i suoi gol? 12:45 Europa Arsenal, Ceballos vuole andare oltre il prestito: avviati contatti col Real 12:40 Serie A Udinese, Marino: "Pochi gol ma margini di miglioramento enormi"
12:35 Serie B Pres. Pescara: "Zauri non è in discussione ma si devono svegliare tutti" 12:34 Serie A Subito Lautaro Martinez. Il Toro porta avanti l'Inter sul Sassuolo al 2' 12:30 Serie A Le pagelle di Danilo - Una sassata che vale il momentaneo pari 12:26 Serie A Sassuolo, Marlon: "Speriamo in una grande gara per la famiglia Squinzi" 12:22 Altre Notizie Inter, oggi 5 italiani in campo. Non succedeva dal febbraio 2018 12:21 Serie A Sassuolo, Carnevali: "Triste la prima partita senza Squinzi" 12:19 Serie A Inter, Marotta: "Ibrahimovic a gennaio? Il nostro attacco rimarrà invariato" 12:16 Serie B Venezia, Bocalon: "Partita importante affrontata con la giusta mentalità" 12:12 Serie A Inter, Gagliardini: "Vogliamo mettere subito in campo quanto preparato" 12:11 Serie A Le pagelle di Pjanic - Direttore d'orchestra, decisivo con un suo gol 12:07 Altre Notizie Milan-Lecce, i convocati per la prima di Pioli: rientra Musacchio 12:02 Serie A Udinese, Marino: "Toro squadra forte, sarà una partita molto aperta" 11:57 Serie B Venezia, Tacopina esulta: "Vittoria importante, tre punti pesanti" 11:52 Serie A Le pagelle di Buffon - Bentornato Superman: salva il risultato 11:48 Altre Notizie TMW - Milan, risentimento muscolare per Bonaventura: non convocato 11:46 Serie A LIVE TMW - Brescia, Corini: "Balotelli? Ha avuto un problema, valuterò bene" 11:45 Serie A Sassuolo-Inter, le formazioni: Lautaro con Lukaku. Defrel out 11:43 Serie A Sassuolo, Marlon: "Momento duro, ma dobbiamo superare tutto" 11:38 Serie A Inter, Gagliardini: "Sappiamo come affrontare il Sassuolo" 11:33 Serie A Le pagelle di Ronaldo - 701 meraviglie per la stelle portoghese 11:29 Altre Notizie Campionato Primavera 1, Atalanta bene, male Juventus e Inter 11:24 Europa Eredivisie, perde male il PSV, in vetta l'Ajax 11:19 Altre Notizie Lazio-Atalanta, moviola Gazzetta: "Chiamate corrette di Rocchi" 11:14 Serie A Le pagelle di Stepinski: ancora a secco e ora Juric è preoccupato 11:10 Altre Notizie Juve-Bologna, moviola Gazzetta: "Braccio largo de Ligt è caso limite"