Menù Notizie

FOCUS MN - Chi è Onyedika, il nigeriano di Danimarca accostato al Milan. Non è Kessie, ma ‘ci assomiglia’…

di Antonello Gioia
per Milannews.it
Pietro Mazzara
Pietro Mazzara

"Non vogliamo sostituire chi se ne è andato con dei sosia, anche perché un altro Kessie non c’è. Ci servono due caratteristiche: esplosività e intelligenza". Si è così espresso Stefano Pioli, allenatore del Milan, alla domanda de La Gazzetta dello Sport sugli acquisti da completare in queste ultime tre settimane di calciomercato e le sue indicazioni possono risultare molto utili nello scartare alcuni profili accostati ai rossoneri e, soprattutto, nel confermarne altri.

Chi è
Rientra in quest'ultima categoria Raphael Onyedika, centrocampista nigeriano classe 2001 in forza al Midtjylland, con cui, nella passata stagione, ha vinto la Coppa di Danimarca segnando, tra l'altro, uno dei rigori decisivi nella lotteria finale. Ma come ci è arrivato in terra scandinava? Onyedika è cresciuto nel settore giovanile dell'Ebedei, club nigeriano nell'orbita del vivaio Midtjylland, al quale è poi arrivato nel 2019, passando contestualmente in prestito al Fredericia, squadra della seconda divisione danese. Dopo la gavetta di un anno al citato Fredericia, Onyedika è tornato nella passata stagione al Midtjylland diventandone, tra la scorsa annata e quella appena cominciata, perno fondamentale: 54 presenze (di cui 6 nei preliminari di Champions League), 4 gol e 3 assist.

Caratteristiche tecniche 
Alto 1,85 metri, Onyedika è un centrocampista forte fisicamente, ma anche agile nei movimenti grazie ad un fisico ancora da sviluppare completamente (si sta parlando sempre di un appena 21enne) ed efficace con i piedi. La sua miglior caratteristica è quella di schermare le offensive avversarie, grazie ad un'ottima capacità di copertura degli spazi e una discreta - e perfezionabile - abilità nel recuperare i palloni; commette pochissimi errori in fase difensiva ed anche in fase di possesso è utile: esagera raramente col pallone tra i piedi, ma è uno di quelli che gestisce i palloni con semplicità e che, se c'è da impostare, imposta, e se c'è da far spazio, lo crea. Tutto senza stra-fare.

Come giocherebbe nel Milan
D'altronde, è un tipo di mediano più difensivo, più un vice Tonali che un sosia di Kessie. Anzi, una caratteristica in comune con l'ivoriano ce l'ha: non si infortuna praticamente mai (in carriera, al momento, non è segnalato alcun problema fisico) ed è sempre disponibile. Al Milan un giocatore così farebbe veramente comodo: completerebbe un reparto sia dal punto di vista numerico che di caratteristiche tecniche, aggiungendo corsa e muscoli, e, soprattutto, garantirebbe a Pioli un giocatore praticamente sempre sempre disponibile per giocare.


Altre notizie Milan
Giovedì 29 Settembre 2022