Menù Notizie

L’importanza di chiamarsi Bennacer: l’algerino è imprescindibile per il Milan

di Pietro Andrigo
L’importanza di chiamarsi Bennacer: l’algerino è imprescindibile per il Milan

Sono tanti gli spunti calcistici e di formazione che, la sfida tra Celtic e Milan, ha regalato a tifosi e addetti ai lavori. Tra le potenzialità di Hauge e la risorsa Krunic, la gara con gli scozzesi ha confermato un’incontestabile certezza: l’importanza fondamentale di Bennacer per il Milan. Il centrocampista algerino, entrato in campo nel finale di partita, ha illuminato e rivitalizzato la mediana rossonera in pochi minuti con giocate intelligenti e da veterano. Non solo ha dato ordine alla squadra durante l’arrembaggio del Celtic ma Bennacer ha freddamente iniziato l’azione dell’1-3 di Hauge, il colpo decisivo per una vittoria molto importante per il Milan. 

SOTTOVALUTATO - Il calciomercato, spesso, insegna che gli acquisti più importanti sono quelli mediaticamente meno attraenti. L’estate di mercato 2019, per i rossoneri, conferma questa tendenza con i colpi di Theo Hernandez e di Bennacer che, dopo essere stati accolti con un parziale scetticismo, hanno rinvigorito le aspirazioni dei rossoneri. Se l’apporto del laterale francese è un uragano prorompente che aizza il tifo rossonero, il contributo del centrocampista algerino è più silenzioso ma altrettanto fondamentale. Le prestazioni di Bennacer, quasi sempre impeccabili, sono spesso sottovalutate perchè poco appariscenti. La verticalità e l’ordine che l’algerino dà al centrocampo rossonero, tuttavia, è un fattore fondamentale della recente rinascita rossonera.

IMPRESCINDIBILE - A sostegno delle parole appena scritte, gli ultimi minuti della sfida con il Celtic ne sono una perfetta testimonianza. Entrato al 66’ al posto di Kessiè, Bennacer ha preso in mano il centrocampo rossonero e scaricato di alcune responsabilità il giovane Tonali. Nonostante Bennacer abbia soltanto tre anni in più dell’ex Brescia, il 4 rossonero ha guidato con l’esempio e a parole il collega di reparto e ha agito da collante tra la difesa e l’attacco. Oltre a contrastare le avanzate offensive del Celtic, Bennacer ha dato linfa all’attacco rossonero servendo gli esterni e conducendo palla in situazioni pericolose. Il gol di Hauge testimonia il lavoro di Bennacer: recupera palla, serve il libero Saelemaekers che imbecca magistralmente Hauge. Contributo difensivo e visione offensiva: ecco perchè Bennacer è imprescindibile per il Milan.


Altre notizie Milan
Sabato 05 Dicembre 2020
Venerdì 04 Dicembre 2020