Menù Notizie

ESCLUSIVA TMW - Quistelli: "Andrei a piedi a lavorare al Bari. E occhio a Cianci: farà strada"

di Claudia Marrone
ESCLUSIVA TMW - Quistelli: "Andrei a piedi a lavorare al Bari. E occhio a Cianci: farà strada"
Dopo gli inizi nel settore giovanile del Barletta, per la carriera del Ds Umberto Quistelli è arrivata anche la promozione in Serie B con il Lecce (stagione 2017-2018), primo grande traguardo nel nuovo ruolo, che lo gli sta imponendo occhi vigili su tutto il sistema. Recentemente, con la rivoluzione societaria in casa Bari, il suo nome è tornato alla ribalta: niente di fatto, poi, con i Galletti, ma il suo profilo era rimbalzato per la poltrona di Ds.
Di questo e molto altro il direttore ha parlato ai microfoni di TuttoMercatoWeb.com.

Risolte tutte le nomine federali, si può iniziare a parlare di riforma: cosa è lecito aspettarsi nel prossimo biennio?
"Ora che tutte le nomine federali sono decise, bisogna pensare a una riforma dei campionati e soprattutto a una diversa distribuzione dei contributi per aiutare prima di tutto i tornei come quello di Lega Pro, un vero e proprio trampolino per molti giovani che un domani potrebbero essere anche il futuro della nazione. Se ne è molto spesso parlato, ora servono i fatti".

Il campionato intanto sta proseguendo: se nel Girone A e B c'è più incertezza, nel C si può già dare la Ternana come vincitrice?
"Il Girone A vede duellare Como e Renate, ma non lascerei fuori la Pro Vercelli che sta facendo un ottimo campionato e dirà la sua fino alla fine, mentre ne B il Padova sta facendo veramente bene, anche se squadre come Modena, Perugia e Sudtirol cercheranno di conquistare quel primo posto ora occupato dai biancoscudati. Effettivamente nel Girone C è la Ternana che sta disputando un campionato mostruoso, unica squadra in Europa a non aver mai perso: Avelino e Bari rincorrono, e i Galletti dovranno necessariamente agguantare il secondo posto per evitare di fare un turno in più nei playoff, ed essere così protagonisti degli spareggi per arrivare comunque alla promozione".

A proposito di Bari. Il suo nome era stato recentemente accostato al club: c'è stato qualcosa?
"Per il momento nessun contatto con il Bari, ma andrei a piedi a lavorare la! Lavorare per la mia città sarebbe motivo di orgoglio e darei l'anima per questi colori".

Una gavetta, la sua, che parte da ruoli dirigenziali nei settori giovanili: nel panorama di terza serie, quali sono i talenti da monitorare?
"Di talenti in Lega Pro ce ne sono e tanti, oggi il settore giovanile è alla base di tanti progetti perché spendere cifre folli per alcuni calciatori non è più possibile. Se però devo fare un nome, dico uno dei ragazzi del Bari, emerso dalla Fidels Andria, Pietro Cianci".
Altre notizie Livorno
Venerdì 16 Aprile 2021
Giovedì 15 Aprile 2021