Menù Notizie

Primavera. Un Ascoli cinico vince a Livorno, 1 a 3

di Stefano Borghini
Primavera. Un Ascoli cinico vince a Livorno, 1 a 3

Livorno – Debutto amaro per i ragazzi di mister Cannarsa, nella partita casalinga giocata contro l’Ascoli. Gli amaranto hanno un maggior possesso palla, mantengono alto il baricentro per tutto l’incontro, creano maggiori occasioni da rete, ma alla fine escono dal campo con un pugno di mosche. I marchigiani iniziano la partita ben schierati, senza rischiare di sbilanciarsi, assecondando una fase di studio che dura fino al 17’ quando nella prima avanzata bianconera, arriva il goal del vantaggio. Matos arriva sul fondo e serve a centro area per Intinacelli che calcia di prima e batte il portiere livornese Neri. La reazione dei padroni di casa è immediata e già al 19’ il Livorno ottiene il pareggio. Cremonini riceve sulla tre-quarti, spalle alla porta, verticalizza per Pallecchi che appena giunto in area segna in diagonale. I ritmi di gioco si alzano leggermente, e sono sempre i locali a condurre il gioco risultando però poco incisivi. Le due squadre si contrastano a centrocampo e l’insidie maggiori le portano al 23’, il centrocampista labronico Ruggiero, con un tiro ad incrociare che sfiora il palo, e allo scadere del primo tempo con una sforbiciata di Pecchia che sorvola la traversa. Nel secondo tempo la partita è più vivace. Il Livorno ha due grandi opportunità per passare in vantaggio. Al 14’ Haoudi vince un contrasto con un difensore avversario, si presenta solo davanti al portiere marchigiano ma calcia clamorosamente a lato. Dopo appena 5’, Pallecchi lancia in profondità, permettendo ad Haoudi di presentarsi ancora una volta solo davanti al portiere, ma in questo caso l’attaccante amaranto conclude sopra la traversa. Al 29’ arriva la svolta della partita. Per un contatto in area, nonostante le proteste dei padroni di casa, l’arbitro assegna un calcio di rigore per l’Ascoli. Si incarica della battuta Matos che realizza il vantaggio bianconero. Al 29 i marchigiani mettono al sicuro il risultato. Dalla mediana Scorza lancia lungo in area dove Matos riceve ed al volo calcia a rete segnando nell’angolo basso. Inutili le proteste livornesi che chiedevano il fuorigioco. Il Livorno non ha più la forza per tentare la rimonta e solo sul finale si rende pericoloso, al 43’ con un tiro dalla distanza di Pallecchi, respinto in angolo dal portiere, e nei minuti di recupero con Haoudi che calcia a lato sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

LIVORNO: Neri, Bani (31’ st Cesaretti), Fremura, Petri, Salvadori, Bellandi, Pecchia (25’ st Campo), Ruggiero, Cremonini (13’ st Del Bianco), Haoudi, Pallecchi. A disp.: Gatti, Umalini, Capriglione, Falleni, Lenti, Piccione, Stringara, Trotta. All. Cannarsa

ASCOLI: Zizzania, Pulsoni, Maurizii, Alagna, Alessandretti, Scorza, Colistra (8’ st Lenoci), Meo, Pozzessere (41’st Riccardi), Pinho Matos, Intinacelli. In panchina: Mariani, Ambanelli, Camara, Donzelli, Felicetti, Olivi, Markovic, D’ambrosio. All. Perez

ARBITRO: Nicolini Stefano  sez. di Brescia

RETI: 17’ Intinacelli, 19’ Pallecchi, 22’ st e 29’ st Pinho Matos


Altre notizie Livorno
Lunedì 21 Ottobre 2019
Domenica 20 Ottobre 2019
Sabato 19 Ottobre 2019
Venerdì 18 Ottobre 2019
Giovedì 17 Ottobre 2019