Menù Notizie

Da Tardelli sulla gestione AIC a Pruzzo e la Bundes in stile Playstation. Le interviste di TMW

di Simone Bernabei
Da Tardelli sulla gestione AIC a Pruzzo e la Bundes in stile Playstation. Le interviste di TMW
Giornata al solito ricca di approfondimenti e interviste, su TuttoMercatoWeb. Nelle scorse ore ha parlato Marco Tardelli, campione del Mondo con l’Italia nell’82 e prossimo candidato alla presidenza dell’AIC per il dopo Tommasi. Tardelli ha parlato dell’attuale gestione dell’Assocalciatori, spiegando come nel suo pensiero “ultimamente siano state fatte cose con tanta confusione”. I calciatori, nel suo pensiero, “devono essere gli attori principali e se oggi non vengono ascoltati un motivo ci sarà”. Spazio quindi alle parole del bomber Roberto Pruzzo che parlando al TMW News della Bundesliga racconta di un calcio “tipo Playstation, sebbene chi vinceva prima continuerà a farlo e chi perdeva continuerà a perdere”. In chiusura un pensiero anche su Mario Balotelli: “L’esperienza di Brescia è negativa ma Mino Raiola avrà una soluzione. Potrebbe trovare spazio in qualunque squadra dove possa trovare serenità”. L’Inter divisa fra una ripresa a ritmi elevatissimi, con Coppa Italia e campionato, e mercato: “Magari i nerazzurri possono anche accontentarsi di qualcosa meno della clausola di Lautaro Martinez a patto che sappiano già chi poter andare a prendere. Credo che con i 160 milioni possibili derivanti anche dalla cessione di Icardi, tre colpi importanti possono arrivare anche se ora i calciatori forse hanno un costo inferiore rispetto a mesi fa”, è il pensiero dell’ex nerazzurro Alessandro Scanziani. Del Toro ha parlato anche Fabrizio Maffei, voce storica della Rai: “Se ha scelto il Barça ha fatto una sciocchezza. Non credo che sarà un titolare inamovibile, sarà costretto a fare molta panchina e forse rimpiangerà i tempi dell’Inter”. Chiusura col Milan, tema discusso dall’ex rossonero Mauro Bressan: “La prima cosa importante è la società e serve capire da questo punto di vista cosa succederà viste anche le voci di un passaggio di proprietà. Mi viene da sorridere quando si fanno nomi. Prima serve vedere chi comanda, poi arriva il resto”.
Altre notizie Inter
Giovedì 01 Ottobre 2020