Menù Notizie

Il morire nella bellezza di Josip Ilicic: il ritorno al Maribor per una seconda vita

di Andrea Losapio
Foto
© foto di www.imagephotoagency.it

Come una nave, ma non quelle da crociera. Come il mare, con le onde che si creano per quel venticello dolce che ti evita di sentire caldo, ma non le scottature. L'ultima (?) vita calcistica di Josip Ilicic è dolce, dolcissima, come un ricordo dell'estate del 2010. Il palcoscenico era il Renzo Barbera, l'avversario il Palermo, la sconfitta per 3-0 del suo Maribor aveva un doppio sapore: amaro per il risultato, soave per l'inizio della sua futura carriera. Dagli 80 mila euro di inizio estate agli oltre 2 milioni pagati da Zamparini per portarlo in Sicilia ad agosto e accoppiarlo con un altro poeta del calcio come Javier Pastore. Stessa lingua calcistica, diversa meraviglia.

L'andamento è quello ciondolante dei motoscafi, lo sciabordare che ti manda fuori giri quando non te lo aspetti. Ilicic è sempre stato altalenante, al netto di quelle finte che sbalestravano l'equilibrio dell'avversario e che facevano arrabbiare un po' tutti. "Perché non può essere sempre così?". Se lo sono chiesti soprattutto a Firenze, quando quasi tutte le prestazioni si tramutavano in un urlo. Nel bene e soprattutto nel male, tanto che è stato più croce che delizia, diversamente da quanto visto a Palermo. Indolente, pigro, con una saudade tutta sua. Non brasiliana, forse nemmeno slovena, probabilmente più da ex Jugoslavia. Umirati u lepoti, quel modo di morire nella bellezza, di non arrivare mai al sodo che nel calcio ha sempre avuto il suo apogeo.

E poi l'Atalanta. Come tutte le più belle cose, visse un solo giorno come le rose. La sera è quella del 10 marzo 2020, il palcoscenico è il Mestalla. Come un ciclone, Ilicic si consacra come uno dei talenti più importanti della Champions League. Quattro gol, un mare di bellezza, l'esatto contrario del buio più nero in cui incappa dopo. Il lockdown a Bergamo, la paura del Covid, la necessità di essere curato da un male che è (quasi) impossibile da controllare, se non tramite sostegno e farmaci. Il lento rientro e qualche serata stellare, basti pensare al pre Natale 2020 con Roma e Milan. Sono gli ultimi straordinari regali di un Babbo estremamente generoso.

Perché se è vero che lo Zenit e il Nadir di Ilicic è in quella serata di Valencia, a Bergamo per molti è stato il migliore di sempre. Più di Doni e più del Papu, ma anche più di Stromberg o di Caniggia. Ilicic era la luce della serata, quello a cui passare il pallone quando c'era da divertirsi. Forse più bello che utile, per utilizzare una frase di Agnelli su Zidane. E per essere utile, lo era eccome. Inutile parlare degli ultimi mesi, sperando ci sia da parlare dei prossimi. Ilicic torna al Maribor, nella volontà che la sua ultima vita calcistica, in realtà, sia solo il principio della sua seconda.

Altre notizie
Lunedì 28 Novembre 2022
19:08 Qatar 2022 Cordoba: "Questo Mondiale farà la storia: ci sarà un calcio pre-Qatar e uno post" 19:04 Serie C Cesena, Lewis e Aiello: "Oggi inizia una nuova era. Pronti per dare un futuro al club" 19:00 Qatar 2022 Le pagelle della Svizzera - Akanji e Elvedi fanno muro ma non basta, Embolo inoffensivo 18:57 Qatar 2022 Le pagelle del Brasile - Casemiro leader vero, Vini-Rodrygo deliziosi. Delude Richarlison 18:56 Calcio estero UFFICIALE: Michael Beale nuovo allenatore dei Rangers. Contratto fino al 2026
18:55 Altre Notizie Brasile-Svizzera 1-0: il tabellino della gara 18:54 Qatar 2022 Casemiro prende per mano il Brasile: 1-0 alla Svizzera, la Seleçao vola agli ottavi 18:53 Serie A Haaland è in Italia. A Maranello per una Ferrari, poi al ristorante: "La miglior pasta di sempre" 18:49 Serie C UFFICIALE: Cesena, JRL Investment Partners LLC diventa socio unico del club 18:45 Serie A Udinese, se parte Pereyra occhi su Sabiri: Sottil lo conosce e apprezza 18:42 Qatar 2022 Aguero difende Messi e risponde al pugile: "Non sa quello che succede in uno spogliatoio" 18:40 Qatar 2022 Non c'è Neymar? Ci pensa Casemiro: Brasile avanti sull'asse Real, 1-0 capolavoro 18:38 Serie A Cordoba: "I giocatori dell'Inter devono capire quanto sono forti. E quattro centrali sono pochi" 18:34 Serie B Caressa sulla Reggina: "Deve e può tornare in A. VAR? Il protocollo va rivisto e allargato" 18:32 Qatar 2022 Onana ancora in albergo in Qatar. Il Camerun sta cercando in tutti i modi di convincerlo a restare 18:30 Serie A Serie A, Casini: "Leggi di buonsenso su rateizzazioni, altrimenti club rischiano sequestri" 18:26 Qatar 2022 Inghilterra, Foden impiegato poco? Southgate: "Lo amiamo. Avrà un ruolo importante per noi" 18:23 Serie A Milan, Kjaer: "Theo pazzesco, curioso di vedere dove sarà tra 5 anni. Giroud? Rinnoverà" 18:19 Qatar 2022 Ghana, Addo: “Siamo stati fortunati, questo è il calcio” 18:15 Serie A Napoli, Kvaratskhelia ha smaltito la lombalgia: andrà in ritiro in Turchia con i compagni 18:12 Qatar 2022 Belgio, clima rovente. Martinez ammette: "Ci sono tensioni in squadra, è naturale" 18:10 Qatar 2022 Corea del Sud, Bento: “Risultato ingiusto, meritavamo la vittoria” 18:10 Serie A TMW - Un gol dopo l'altro in Turchia, ora Borini torna in A? Ci sono già tre club per gennaio 18:08 Serie A Milan, Bakayoko alla Salernitana solo con l'addio di Coulibaly e parte dell'ingaggio pagato 18:06 Qatar 2022 Brasile-Svizzera dura solo 45 minuti per Paqueta: l'ex Milan fuori, dentro Rodrygo 18:04 Qatar 2022 Ghana, Kudus: “Grazie ai miei compagni. Uruguay? Daremo il 100%” 18:00 Serie A Roma, Shomurodov: "Posso segnare di più. Dobbiamo sfruttare le occasioni e lavorare di più" 17:58 Qatar 2022 Svizzera, disavventura stradale prima del Brasile: il pullman tampona l'auto della polizia 17:56 Qatar 2022 Olanda, Van Gaal: "Meritiamo un po' di rispetto. Pochi cross con Dumfries? Miglioreremo" 17:53 Serie A Perisic: "L'Inter e l'Italia sempre casa mia. Ma tornerò presto, ho cose importanti da fare..."