Menù Notizie

Da Donnarumma al caso Mbappe-Neymar, il PSG è una bomba a orologeria

di Gaetano Mocciaro
Foto
© foto di Getty/Uefa/Image Sport

Le immagini di Kylian Mbappé che, appena giunto in panchina si lamenta di Neymar, dando al brasiliano, reo di non passargli la palla, del clochard, è l'immagine di quel che è il Paris Saint-Germain oggi: tante grandi individualità, troppe primedonne ma non una squadra.

Del resto una scelta chiara della proprietà qatariota, che a poco più di un anno dai Mondiali ha allestito una sorte di Harlem Globetrotters del calcio, con i suoi pro e suoi contro. Una scelta chiara ribadita il 31 agosto, quando è arrivato il no all'offerta monstre del Real Madrid proprio per Mbappé, che fra poco più di tre mesi sarà libero di trattare con chi vuole e salutare a giugno a parametro zero. Un caso spinoso in più per Mauricio Pochettino, tecnico che in questo PSG ha tutto da perdere. E che in questo primo mese ha già avuto un primo assaggio di quanto sarà difficile arrivare a fine stagione. L'aveva già capito lo scorso 19 settembre, quando ha "osato" sostituire Lionel Messi. E la Pulga, di tutta risposta, gli ha negando la stretta di mano. Messi ancora fermo a zero reti in tre partite e anche di questo Pochettino è ritenuto colpevole, per non aver messo le tre stelle nelle condizioni migliori per divertire e divertirsi.

Il problema dell'ex Tottenham non è solo davanti, ma anche negli altri reparti dove la troppa abbondanza sta rendendo la gestione complicata. E fortuna che le indisponibilità di alcuni elementi (Messi, Verratti, Ramos) ha reso le scelte più semplici. Di fatto a centrocampo giocatori come Rafinha e Paredes sono destinati a giocare col contagocce.

Dietro Sergio Ramos sembra un investimento sbagliato: non si è mai visto in campo, nemmeno in amichevole e il rientro in campo è stato fin qui via via posticipato. E alla sua età l'infortunio al polpaccio sembra non permettergli di recuperare adeguatamente. L'ex capitano del Real Madrid, inoltre, nei suoi primi giorni in Francia avrebbe creato del malumore fra i dipendenti del club a causa di alcuni atteggiamenti da star che hanno fatto storcere il naso a molti.

Arrivando infine al capitolo portiere, fa specie vedere come il giocatore votato come migliore di Euro 2020 (Donnarumma) sia confinato prevalentemente in panchina, trovando spazio giusto contro la squadra sulla carta più debole di Ligue 1 e contro il Lione. Il primo mese ci ha detto che Keylor Navas parte davanti e fin qui tutto legittimo, considerando che il costaricano è stato votato miglior portiere di Ligue 1 nonché definito da Nasser Al-Khelaifi "miglior portiere al mondo" lo scorso 26 aprile, dopo il rinnovo fino al 2024. La domanda da porsi è: perché allora prendere Donnarumma? Il diretto interessato non ha parlato ma i mugugni iniziano a filtrare e persino le voci di mercato, già ora a settembre.

Solo il cammino senza intoppi in Ligue 1, dato peraltro per scontato, sta tenendo la situazione più o meno a bada anche se un primo campanello d'allarme è arrivato dalla Champions League, dove il piccolo Brugge è riuscito a imporre il pari al gigante parigino. E ora c'è la prova del nove del Manchester City, che rischia di scoperchiare il vaso di Pandora.

Altre notizie
Domenica 24 Ottobre 2021
15:08 Serie A Atalanta, Gasperini gli arbitri: "Espulsione? Non ho detto niente. Questi signori sono un problema" 15:07 Serie A PROBABILI FORMAZIONI - Serie A, le ultime LIVE sul 9° turno: stasera Chiesa con Morata dal 1' 15:04 Altre Notizie Sampdoria, mattutino in vista dell'Atalanta: terapie per Verre, palestra per Colley 15:01 Calcio estero LIVE TMW - DIRETTA LIGUE 1 - Le gare dell'11^ giornata 15:00 Serie A Patric: "Lo scatto di mentalità è quello che ci manca"
15:00 Serie A Udinese, Gotti: "Bravi a restare in partita. Beto? La cosa più bella è che è un'ottima persona" 14:57 Serie A Hellas Verona, Barak: "Oggi possiamo fare punti. Milinkovic-Savic giocatore molto forte" 14:55 Serie A Lazio, Sarri: "L'obiettivo finale è far giocare i calciatori di qualità che abbiamo" 14:53 Serie A Cagliari, Cragno: "Lavoriamo sui gol subiti, dobbiamo alzare il livello dell'attenzione" 14:52 Altre Notizie Atalanta-Udinese 1-1: il tabellino della gara 14:51 Serie B Serie B, termina il primo tempo di Pisa-Pordenone: pari a occhiali all'intervallo 14:49 Serie A Hellas Verona, D'Amico: "Dobbiamo dare continuità, ma siamo sulla strada giusta" 14:48 Serie A Fiorentina, Italiano: "Dimostrato il nostro valore, cercheremo di raccogliere qualcosa oggi" 14:45 Serie A Cagliari, Passetti: "Squadra ha tutto per fare bene. Partita speciale nel ricordo di Astori" 14:44 Serie A Udinese, Beto: "Abbiamo lavorato molto per il pareggio di oggi" 14:42 Serie A Le pagelle dell'Udinese - Be-Beto segna ancora, i bianconeri non mollano mai 14:38 Serie A Le pagelle dell'Atalanta - Malinovskyi col colpo da biliardo, Ilicic va a sprazzi 14:34 Serie A Fiorentina, Martinez Quarta: "Vogliamo tornare a vincere, ci sta mancando il gol" 14:30 Serie A Serie A, la classifica aggiornata: l'Atalanta aggancia la Roma, l'Udinese sale a 10 punti 14:28 Serie A È la dura legge del gol. Malinovskyi illude, Beto gela il Gewiss Stadium: 1-1 tra Atalanta e Udinese 14:23 Serie A Beto gela il Gewiss Stadium: 1-1 tra Atalanta e Udinese 14:19 Serie A Lazio, Patric: "Oggi vogliamo crescere e far vedere di che pasta siamo fatti" 14:15 Serie A Napoli, Insigne ritrova serenità e Spalletti gli dà fiducia: in caso di rigore toccherà ancora a lui 14:12 Serie A Cagliari, forfait last minute per Strootman: affaticamento al flessore e niente Fiorentina 14:08 Serie A FOTO - Il CT Roberto Mancini a Pisa per visionare da vicino il giovane Lucca 14:04 Serie A Verona-Lazio, le formazioni ufficiali: ancora panchina per Luis Alberto, Sarri schiera Akpa Akpro 14:03 Serie A Fiorentina-Cagliari, le formazioni ufficiali: Saponara titolare. Deiola al posto di Strootman 14:00 Serie A Il Torino prova a convincere Belotti. Cairo farà un ulteriore tentativo per il rinnovo 13:57 Serie C UFFICIALE: Termina l'esperienza di Gilardino a Siena: tecnico esonerato 13:53 Serie A Juventus, le ultime di formazione: Chiellini dal 1', tentazione Dybala ma il favorito resta Chiesa