Menù Notizie

Il CdA certifica il peggior bilancio della storia della Juve. Allegri? Non era all'ordine del giorno

di Tommaso Bonan
Foto
© foto di Image Sport

Il CdA della Juventus presieduto da Andrea Agnelli ha approvato il progetto di bilancio 2021-22, che si è chiuso con la perdita più alta di sempre della storia bianconera: 254,3 milioni. Trattasi del quinto esercizio di fila in rosso: -19 milioni nel 2017-18, -40 nel 2018-19, -90 nel 2019-20, -210 nel 2020-21 e il passivo-record della scorsa stagione. L'Assemblea degli Azionisti, convocata per il 28 ottobre, sarà chiamata ad approvare i conti 2021-22. Nessun provvedimento, come già la società aveva già fatto intendere, è stato preso a proposito della posizione di Massimiliano Allegri. Quello della panchina bianconera non è stata proprio oggetto di discussione durante il Cda della Juventus.

Ecco la nota ufficiale (in sintesi) del CdA della Juventus:

"Il Consiglio di Amministrazione di Juventus Football Club S.p.A. - si legge nella nota -, riunitosi oggi sotto la Presidenza di Andrea Agnelli, ha, inter alia, approvato il progetto di bilancio d’esercizio e il bilancio consolidato per l’esercizio chiuso al 30 giugno 2022, che sarà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea degli Azionisti, prevista il 28 ottobre 2022, in unica convocazione, presso l’Allianz Stadium".

"Per una corretta interpretazione dei dati occorre in primo luogo rilevare che l’esercizio 2021/2022 è stato ancora significativamente penalizzato – come per tutte le società del settore e di numerose altre industry – dal perdurare dell’emergenza sanitaria connessa alla pandemia da Covid-19 e dalle conseguenti misure restrittive imposte da parte delle Autorità. La pandemia ha influenzato in misura rilevante – direttamente e indirettamente – i ricavi da gare, i ricavi da vendite di prodotti e licenze e i proventi da gestione diritti calciatori, con un conseguente inevitabile impatto negativo sia di natura economica che finanziaria".

"L’esercizio 2021/2022 chiude con una perdita consolidata di € 254,3 milioni, rispetto alla perdita di € 209,9 milioni dell’esercizio precedente. Nel dettaglio, l’incremento della perdita dell’esercizio – pari a € 44,4 milioni – è principalmente dovuto a minori ricavi per € 37,3 milioni; tale calo è originato da minori diritti televisivi e proventi media per € 64,8 milioni (soprattutto per effetto del minor numero di partite di Campionato e UEFA Champions League rispetto all’esercizio 2020/2021, che beneficiava dello spostamento di alcune partite dalla stagione 2019/2020), parzialmente compensati da maggiori ricavi da gare per € 24,5 milioni (seppur ancora significativamente penalizzati dalla pandemia) e da altre voci minori".

"A livello civilistico, l’esercizio al 30 giugno 2022 di Juventus chiude con una perdita di € 253,2 milioni (rispetto alla perdita di € 209,5 milioni dell’esercizio precedente); sarà proposto all’Assemblea degli Azionisti di coprire integralmente tale perdita mediante utilizzo della riserva da sovrapprezzo azioni".

"I costi operativi, gli ammortamenti e accantonamenti netti sono – nel complesso – sostanzialmente in linea con l’esercizio precedente. I costi operativi risultano in aumento principalmente per il personale tesserato (€ +27,7 milioni) e per i servizi esterni (€ +10,4 milioni), in parte compensato da minori oneri da gestione diritti calciatori (€ -5,5 milioni). A fronte di tali maggiori costi, sono stati registrati minori ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni per complessivi € 31,9 milioni (di cui € 24,1 milioni correlati al personale tesserato)".

"Il patrimonio netto al 30 giugno 2022 è pari a € 169,4 milioni, in aumento rispetto al saldo di € 28,4 milioni del 30 giugno 2021, a seguito del perfezionamento dell’operazione di aumento di capitale a dicembre 2021 (€ +393,8 milioni, al netto dei relativi costi), in parte compensata dalla perdita dell’esercizio (€ -254,3 milioni) e dalla movimentazione della riserva da fair value di attività finanziarie (€ +1,5 milioni)".

"Al 30 giugno 2022 l’indebitamento finanziario netto ammonta a € 153 milioni, in riduzione di € 236,2 milioni rispetto al dato al 30 giugno 2021 (€ 389,2 milioni) a seguito del perfezionamento del predetto aumento di capitale (€ +393,8 milioni), i cui effetti sono stati in parte compensati dai flussi negativi della gestione operativa (€ -32,1 milioni), dai pagamenti netti legati alle Campagne Trasferimenti (€ -110,1 milioni), dagli investimenti in altre immobilizzazioni (€ -1 milione), dall’esborso per oneri finanziari e da altre voci minori (€ -14,4 milioni)".

"Al 30 giugno 2022 il Gruppo dispone di linee di credito bancarie per € 538,3 milioni, non utilizzate per complessivi €426,9 milioni (pari a circa l’80%). Le linee utilizzate - pari a € 111,4 milioni - si riferiscono per (i) € 95 milioni a fideiussioni rilasciate a favore di terzi, (ii) € 16,3 milioni a finanziamenti, e (iii) € 0,1 milioni ad anticipazioni su contratti e crediti commerciali. A fronte di tali utilizzi, la Società al 30 giugno 2022 dispone di liquidità per € 70,3 milioni, depositata su vari conti correnti", conclude la nota della Juventus con la sintesi dei risultati.

QUI IL DOCUMENTO COMPLETO COL BILANCIO DELLA JUVENTUS

Altre notizie
Sabato 1 Ottobre 2022
00:19 Serie B Frosinone, occhi in Serie C per il futuro della porta: piace Marietta dell'Alessandria 00:15 Calcio estero Bayern Monaco, Musiala: "Siamo tornati al nostro livello e dobbiamo continuare così" 00:15 Serie A Petrachi: "Brava la Roma a prendere Dybala. Avrebbe fatto comodo all'Inter e non solo" 00:12 Calcio estero Barcellona, Ruben Neves è il favorito per rimpiazzare Busquets. Occhio però ad Arteta 00:11 Calcio estero Bayer Leverkusen, Demirbay ironizza: "Vorrei essere in una crisi come quella del Bayern"
00:08 Serie A Sabatini: "Invidierò per sempre il colpo Kvaratskhelia. È un caterpillar, non dà scampo" 00:04 Serie B Pisa, D'Angelo su Beruatto: "Il più forte terzino mancino della B. Può puntare alla Serie A" 00:02 Calcio estero Ucraina, difficile il rinnovo di Petravok. Per il posto da ct si punta sull'ex stella Rebrov 00:01 Calcio estero UFFICIALE: Hull City, Arveladze esonerato a 8 ore dalla partita. E stasera è arrivato il ko 00:00 Editoriale Il calcio italiano è in rovina. La colpa sarebbe di chi propone stipendi, ma tutti fanno finta sia il Covid (che ha influito). Il primo arbitro donna della A e i contratti che non ci sono ancora 00:00 A tu per tu …con Francesco Moriero 00:00 Nato Oggi... George Weah, dalla Liberia al coast to coast. Fino al Pallone d'Oro
Venerdì 30 Settembre 2022
23:59 Serie A Napoli, un rinforzo per la Primavera dalla Cantera del Barcellona: preso Alastuey 23:56 Calcio estero Koke: "Voglio ritirarmi all'Atletico Madrid. Mi mancano 2 anni, vedremo cosa succederà" 23:55 Calcio estero Suarez: "Al Nacional ho chiuso un cerchio. Futuro? La MLS è una possibilità, non torno in Europa" 23:53 Serie A Fiorentina, Kouame: "Non giocavo ed ero incazzato. Il prestito è stato una svolta" 23:49 Serie C Ancona, si pensa a un innesto in attacco. Nel mirino c'è lo svincolato Kingsley Boateng 23:45 Probabili formazioni Le probabili formazioni di Hellas Verona-Udinese: dubbio Faraoni, Deulofeu-Beto dal 1' 23:42 Calcio estero Il Chelsea a caccia di figure di spicco in dirigenza: dopo il no di Freund si punta Vivell 23:39 Serie A Marianella: "Mi aspettavo Haaland così devastante, quest'anno al City può fare 100 gol" 23:38 Serie A Salernitana, la marea granata invade Reggio Emilia: settore ospiti del Mapei Stadium esaurito 23:34 Serie B Como, Longo: "C'è da lavorare sulla testa. Possiamo invertire la rotta" 23:34 Calcio femminile Domani si conclude il talent One Of Us: una ragazza approderà in Serie A Femminile 23:32 Calcio estero Dopo il Southampton un altro club per Dragan Solak: vicino l’acquisto del Levski Sofia 23:32 Serie A Fiorentina, Sottil non si è allenato in gruppo. Nico Gonzalez rientrato con i compagni 23:30 Probabili formazioni Le probabili formazioni di Juventus-Bologna: tocca al tandem Vlahovic-Milik 23:26 Calcio estero Manchester United, pronto un nuovo assalto a De Jong in estate. Nel mirino anche Bellingham 23:25 Serie C Lega Pro, Vulpis sul caro energia: " È tempo di intervenire come hanno fatto UK e Germania" 23:23 Calcio estero Bayer Leverkusen, Seonae: "Poco di cui parlare. Subire subito gol era lo scenario peggiore" 23:23 Serie A Sabatini racconta: "Litigai con Osvaldo, ci strattonammo. Mkhitaryan il mio rimpianto"