Menù Notizie

Coronavirus, come leggere il bollettino della Protezione Civile e i dati sul contagio

di Giacomo Iacobellis
Foto Articolo

Nuovi contagi, decessi, tamponi. Da giorni, da mesi ormai, anche su queste pagine, per garantirvi un'informazione il più possibile corretta, completa e puntuale, abbiamo purtroppo acquisito familiarità con i termini legati all’emergenza Coronavirus e con il relativo bollettino. Uno strumento essenziale per capire l’andamento del contagio ma che non sempre è di semplice comprensione. Per aiutarvi a navigare in questo mare di dati e statistiche, con la speranza di potercene dimenticare quanto prima, abbiamo pensato di proporvi una guida su come affrontarne la lettura.

Il bollettino di oggi - Potete trovare a questo link i dati completi e una breve analisi dei numeri di oggi, quelli che vi offriamo e continueremo a offrirvi giorno dopo giorno al momento della pubblicazione. In sintesi, i dati del contagio sono i seguenti.

Attualmente positivi: 13.428
Deceduti: 34.938 (+12, +0,04%)
Dimessi/Guariti: 194.273 (+295, +0,2%)
Ricoverati in Terapia Intensiva: 65 (-4, -5,8%)
Tamponi: 5.854.621 (+47.953)
Totale casi: 242.639 (+276, +0,11%)

I bollettini regionali - Prima di scendere nel dettaglio, è bene specificare come viene composto il bollettino nazionale. In momenti diversi della giornata, ogni dipartimento regionale della Protezione Civile fornisce i dati riscontrati sul proprio territorio. Nonostante i criteri siano tendenzialmente uniformi, vi sono leggere differenze che possono portare a incongruenze. È capitato che alcune Regioni non abbiano indicato determinati dati entro le 18, con la conseguenza che siano stati poi conteggiati a livello nazionale il giorno successivo, “falsando” leggermente il bollettino nazionale. Inoltre, non tutti i criteri sono standard. Per esempio, i tamponi: a oggi, la Basilicata non ha mai indicato l’esistenza di due test svolti sulla stessa persona. Questo vuol dire che o non viene effettuato un secondo tampone per accertare la guarigione, o semplicemente non viene segnalato.

Nello specifico: il bollettino della Lombardia - Dato che la regione è stato l’epicentro a livello italiano dell’epidemia, da tempo vi abbiamo presentato, più o meno in contemporanea col bollettino nazionale, quello della Lombardia. Anche in questo caso, c’è una certa differenza negli indicatori: presenta solo i nuovi contagi, non l’incremento o il decremento di casi attivi rispetto alla giornata precedente. Inoltre, parla di soggetti dimessi, che a livello nazionale confluiscono genericamente nei guariti: più avanti vi spieghiamo brevemente la differenza, ma in sostanza il bollettino diramato alle 18 dalla Protezione Civile sovrastima i guariti in Lombardia, perché un soggetto dimesso non necessariamente è anche guarito.

COME LEGGERE I DATI -

I nuovi contagi - È il numero di quanti siano stati sottoposti a test e abbiano avuto esito positivo. Non tiene conto, per ovvie ragioni, dei contagiati che, non avendo effettuato il tampone, non rientrino tra i casi confermati. Nelle ultime 24 ore sono stati 276.

Attualmente positivi - È il totale delle persone che, al momento della pubblicazione del bollettino, siano affette da Covid-19. Rispetto al totale dei casi, non comprende i deceduti e i guariti. Alla data odierna sono 13.428.

Incremento o decremento - È la variazione del numero di soggetti attualmente positivi rispetto alla giornata precedente. Tiene conto dei nuovi contagiati (che portano a un incremento), nonché dei guariti e dei deceduti (che portano a un decremento). È il dato attorno al quale c’è stata e registriamo ancora oggi maggior confusione, anche perché nelle fasi iniziali dell’epidemia (non essendovi sin da subito tanti morti o guariti) non si discostava molto dal numero dei nuovi contagi. Per lungo tempo ha avuto segno positivo, per poi entrare stabilmente in fase negativa. Negli ultimi giorni è tornato ad aumentare, nelle ultime 24 ore è sceso nuovamente, pari a -31: la somma di morti (12) e di guariti (295) supera infatti il totale dei nuovi casi (276).

Deceduti - È il numero delle persone morte dopo aver ufficialmente contratto il Covid-19. Come più volte spiegato sia dalla Protezione Civile che dai medici, non indica necessariamente che la causa principale della morte sia l’infezione: per questo è necessaria una convalida dell’ISS, che ha tempi lunghi. Questo dato, viceversa, non tiene conto di persone che, pur avendo contratto la malattia, non siano mai entrate nelle statistiche dei casi confermati per non aver svolto il test. Nelle ultime 24 ore sono stati 12, per un totale di 34.938 deceduti dall’inizio della pandemia.

Guariti - Una delle voci che, senza entrare nel merito, crea maggior dibattito a livello scientifico. Comprende sia i soggetti semplicemente dimessi e guariti dal punto di vista clinico, che i soggetti effettivamente guariti a livello virologico secondo le linee guida del Consiglio Superiore di Sanità, perché sottoposti a test che ne accerti la negatività. Oggi sono stati 295, per un totale di 194.273 dall’inizio della pandemia.

In isolamento domiciliare - Sono le persone che, non avendo sintomi o avendo sintomi lievi, sono risultate positive al Coronavirus e non possono muoversi dal proprio domicilio fino a che un nuovo tampone non ne accerti la guarigione. Sono in quarantena. E sono la stragrande maggioranza dei contagiati: a oggi, 12.519 persone.

Ricoverati con sintomi - Si tratta dei soggetti che, essendo risultati positivi al test, presentino sintomi tale da rendere necessario il ricovero in ospedale, ma non da richiedere l’utilizzo di macchinari di terapia intensiva. A oggi, si tratta di 844 ricoverati.

Ricoverati in terapia intensiva - Un dato chiave: indica le persone attualmente in terapia intensiva. È un indice puramente numerico: non specifica infatti perché un certo numero di persone sia uscito dalla T. I. (possono infatti essere dimessi ma ricoverati in un altro reparto o deceduti) e non indica quante persone siano entrate in o uscite dalla T. I. nella giornata. Per capirsi: ieri i ricoverati in terapia intensiva erano 69, oggi sono 65. Ciò non vuol dire che 4 persone siano effettivamente uscite dalla terapia intensiva. Potrebbero essere, verosimilmente lo sono, di più e nuovi ingressi hanno reso meno evidente il numero di dimissioni. Estremizzando: per assurdo, tutte le persone che ieri erano in terapia intensiva potrebbero esserne uscite ed essere state rimpiazzate da nuovi contagiati. Non è così, ovviamente, ma è un esempio che speriamo renda chiaro il concetto.

Tamponi - È il numero dei test svolti alla data attuale. È cresciuto in maniera progressiva: il 23 marzo, per esempio, i tamponi effettuati erano 275.468, con un aumento di 17.066 rispetto al giorno precedente. Nel bollettino di oggi siamo arrivati a 5.854.621, con un aumento di 47.953 rispetto a ieri. Col trascorrere del tempo si è passati da circa 20 mila a un numero doppio, triplo o anche maggiore di test effettuati al giorno (nel weekend diminuiscono sensibilmente). Per questo motivo, rispetto al numero assoluto dei tamponi svolti, è ancora più rilevante mettere in relazione questo dato col numero dei casi confermati. In ogni caso, il conteggio dei test effettuati in una giornata non ci dice quante persone siano state sottoposte a tampone.

Casi testati - Infatti, è questo il numero che indica quante persone effettivamente siano state controllate in un giorno. Alla data odierna, rispetto a 5.854.621 tamponi effettuati, i casi testati sono 3.520.377. Perché? La risposta è semplice: in molti casi il tampone viene effettuato su persone che siano già state sottoposte a test e che abbiano bisogno di svolgerlo nuovamente, o perché in precedenza sono risultate negative ma potrebbero aver contratto il virus, o soprattutto perché in precedenza sono risultati positivi e va effettuato un nuovo test per riscontrarne la guarigione.

Totale casi - È il numero di persone per le quali, dall'inizio dell’epidemia, sia stato confermato un caso di contagio da Coronavirus. È composto dal totale dei casi attivi, più i guariti e i deceduti. Alla data odierna sono 242.639 di cui 13.428 attualmente positivi, 194.273 guariti e 34.938 deceduti.

Altre notizie
Mercoledì 12 Agosto 2020
09:48 Calcio estero Le aperture in Spagna - Il Real richiama Odegaard con un anno d'anticipo 09:48 Calcio estero Finisce il sogno del Wolverhampton in Europa League: le aperture inglesi 09:45 Calcio femminile FOCUS TMW - Serie A femminile 2020/21: la tabella di acquisti e cessioni ufficiali 09:41 Rassegna stampa Corriere di Verona, lo sprint verso la Serie A: "Chievo ko, Spezia in finale" 09:39 Serie A LIVE TMW - Stasera Atalanta-PSG, a Lisbona Gasperini cerca la semifinale di Champions
09:38 Serie A Atalanta-PSG vista dalla stampa francese: "Si può fare la storia" 09:35 Altre Notizie Amichevoli squadre di club, i risultati delle partite giocate ieri 09:32 Rassegna stampa L'apertura del Corriere dello Sport (ed. Lazio): "Roma, subito 63 milioni" 09:30 Serie A Cagliari, il 4-3-3 di Di Francesco mette in dubbio la conferma di Joao Pedro 09:27 Rassegna stampa La Gazzetta dello Sport: "Delneri ricomincia da Brescia" 09:25 Rassegna stampa Corriere di Bologna, parla Dominguez: "Il mio Bologna mi porterà fino a Messi" 09:23 Probabili formazioni Le probabili formazioni di Atalanta-PSG: Pasalic più di Malinovskyi. Mbappé in panchina 09:22 Rassegna stampa Tuttosport: "Spezia immenso: è finale! Gara super dei liguri, Chievo travolto" 09:20 Che fine ha fatto? ESCLUSIVA TMW - "Tarzan" Annoni e la vita da motociclista: "Mi rivedo in Dovizioso" 09:18 Rassegna stampa Tuttosport sul mercato del Milan: "Tentazione Schick" 09:18 Altre Notizie Amichevoli squadre di club, le partite in programma oggi 09:15 Serie A Da Tarvisio a...Ferrara. La SPAL farà la preparazione estiva in via Copparo 09:13 Rassegna stampa Corriere dello Sport: "Roma-Friedkin, siamo ai conti" 09:10 Rassegna stampa Corriere dello Sport su Pordenone-Frosinone: "Nesta: si fa l’impresa. Tesser: all’assalto" 09:08 Editoriale Il Triplete al contrario della Juve: di chi è la colpa? David Silva è della Lazio. Higuain lascia la Juventus, l’intreccio per Douglas Costa, e Gosens... Mbappé spaventa l’Atalanta 09:08 Rassegna stampa Il Secolo XIX, parla Castanini: "La Samp il mio amore giovanile" 09:03 Rassegna stampa La Gazzetta dello Sport: "Juve, Dybala non è incedibile" 09:00 Serie A Lazio, per Borja Mayoral l'ostacolo è la 'recompra': ballano dieci milioni con il Real 08:58 Rassegna stampa Il Mattino sul mercato del Napoli: "Ultimo assalto a Boga" 08:53 Rassegna stampa Corriere di Torino: "Le riflessioni di Cristiano" 08:48 Rassegna stampa Il Messaggero sul mercato della Lazio: "Inzaghi mette le ali" 08:45 Altre Notizie Franco Colomba: "Similitudini tra Pirlo e Zidane, entrambi tipi taciturni" 08:45 La Giovane Italia Parisi: "Roma, ambiente fantastico. Lo Sheffield è il mio modello: vi spiego perché" 08:43 Rassegna stampa Gazzetta di Parma: "Fumata bianca, è Carli il nuovo ds" 08:39 Altre Notizie Mirko Graziano: "Juve, sarà difficile sostituire Matuidi. Adesso è l'Inter di Conte"