Menù Notizie

Antonio Conte, i successi con Juve, Italia e Chelsea. Poi lo scudetto e l'addio con l'Inter

di Lorenzo Di Benedetto
per Tuttomercatoweb.com
Foto
Ex centrocampista e allenatore di successo, Antonio Conte nasce calcisticamente, e cresce, nel Lecce, squadra della sua città. Giocò con i salentini le prime 6 stagioni da professionista, fino al 1991. Nell'estate di quell'anno ci fu il trasferimento della vita alla Juventus, club con cui concluse anche la carriera dopo 13 anni di successi sul campo. Centrocampista duttile e intelligente tatticamente, Giovanni Trapattoni fu uno dei primi a predirgli una carriera da allenatore di successo. Dopo aver vinto tutto, ma proprio tutto, con la Juventus da giocatore, scelse di sedersi in panchina. Nel 2005-2006 fu il vice di De Canio sulla panchina del Siena, mentre la prima esperienza da solista arriva l'anno successivo con l'Arezzo. Dal 2007 al 2009 allena il Bari, quindi l'Atalanta prima di tornare di nuovo al Siena. Poi, nel 2011, l'arrivo sulla panchina della Juventus col difficile compito di rilanciare i bianconeri dopo anni particolarmente difficili. Il suo nome però era una garanzia nelle idee di Andrea Agnelli. E infatti arrivarono 3 scudetti in tre anni. Poi l'addio, un po' a sorpresa, nel 2014 e l'inizio dell'avventura con l'Italia culminata con l'ottimo e sfortunato Europeo del 2016. La chiamata del Chelsea e la necessità del lavoro quotidiano sul campo lo convinsero a lasciare Coverciano per trasferirsi a Londra. Il primo anno, anche aiutato dall'assenza dalle coppe europee, fu un trionfo con la straordinaria vittoria del titolo di Premier. Ma nonostante il successo arrivarono anche i primi scricchiolii con la dirigenza Blues. La seconda stagione il suo Chelsea ha faticato non poco in Premier, ma riuscì comunque a vincere la FA Cup, trofeo dalla grande considerazione in Inghilterra. Dopo un'estate di voci e incomprensioni ecco l'esonero da parte dei Blues che decisero di sostituirlo con Maurizio Sarri. Un anno sabbatico dopo, ecco il ritorno in Italia, proprio là dove non ti aspetti. Nell'estate del 2019 Antonio Conte sceglie di prendere in mano le redini del progetto Inter targato Suning. Non senza polemiche, ovvio se in passato hai legato per così tanti anni il tuo nome alla Juventus. Ma per Conte, il suo passato bianconero non ha mai rappresentato un ostacolo verso altre esperienze. Nella stagione 2019/20, dopo un campionato vissuto per buona parte col fiato sul collo della Juventus campione, Conte ha dovuto rinunciare al sogno Scudetto. L'anno scorso invece il titolo è arrivato, con i nerazzurri che sono tornati sul tetto d'Italia 11 anni dopo. Poi l'addio, complici anche i problemi finanziari del club dovuti alla pandemia.
In carriera Conte ha vinto tantissimo: 5 campionati, una Coppa Italia, una Supercoppa italiana, una Coppa UEFA, una Champions League, una Coppa Intercontinentale e una Supercoppa UEFA, tutto da giocatore. Da allenatore, oltre ai già citati 4 scudetti con la Juve e con l'Inter, anche due Supercoppe italiane, il titolo in Premier e la FA Cup. Oggi Antonio Conte compie 52 anni.
Sono nati oggi anche Per Kroldrup, Carlos Marchena, Reginaldo, Felipe e Daniel Ciofani.
Altre notizie Frosinone
Venerdì 17 Settembre 2021
Giovedì 16 Settembre 2021
Mercoledì 15 Settembre 2021