Lega Pro: il Foggia batte il Lecce, B più vicina. Top&Flop della gara

di Luca Esposito
Fabio Mazzeo
Fabio Mazzeo
Il Foggia si conferma la squadra più forte del girone C della Lega Pro: aspetta gli avversari, li lascia giocare, e poi colpisce. Il Lecce se ne è reso conto e viene staccato di 4 punti rispetto al primo posto occupato dai satanelli, che hanno vinto 3-0 al termine di un derby molto corretto: gli interpreti in campo hanno dato il buon esempio, ben diretti dall’arbitro Giua di Olbia che potrebbe essere indicato per la promozione in serie superiore. E molto corretti anche i sedicimila tifosi presenti allo Zaccheria. Così il Foggia viaggia verso la B, che potrà raggiungere se avrà il rendimento più costante. Il campionato non è finito, ma per il Lecce quattro punti da recuperare sono molti. Nei primi minuti il Lecce, che ha più necessità di vincere, crea due situazioni offensive con Pacilli (fermato in angolo) e con Caturano, senza però riuscire a segnare. Chiricò, l’ex di turno, prova ad accendere la luce per il Foggia, ma il suo sinistro è deviato in corner da Giosa; e al 29’ i padroni di casa passano sull’uno a zero: assist di Deli e conclusione vincente di Fabio Mazzeo che era scattato sul filo del fuorigioco. La rete giova moltissimo al morale dei rossoneri e danneggia i salentini, che subiscono la seconda addirittura quattro minuti più tardi: realizza Coletti con un tiro dai trentacinque metri che va a infilarsi nell’angolino. Nella ripresa Padalino inserisce Lepore togliendo Pacilli, ma il Lecce ha sempre difficoltà a creare grattacapi al Foggia, che tra l’altro va ancora una volta in gol con Deli, servito perfettamente da Agazzi e in grado di realizzare il tre a zero. Tra i salentini Doumbia sembra quello che ha più buona volontà, ma Martinelli riesce a fermarlo molto bene; poi Mazzeo del Foggia colpisce una traversa su punizione. Il Lecce resta anche in dieci dal 72’ dopo che l’ultimo giocatore entrato dalla panchina, Arrigoni, si è infortunato. I locali sono attentissimi nella gestione dei minuti rimanenti e portano a casa il risultato di 3-0 che mantiene il Foggia sempre più capolista. IL TABELLINO DELLA GARA FOGGIA: Guarna 6, Loiacono 6,5, Rubin 7, Agazzi 7, Martinelli 7, Coletti 8, Chiricò 7,5 (78’ Agnelli 7), Deli 7,5 (56’ Gerbo 6,5), Di Piazza 7,5 (72’ Sarno 7), Vacca 7, Mazzeo 8. Allenatore: Giovanni Stroppa 8. LECCE: Perucchini 5, Agostinone 5, Ciancio 5, Fiordilino 5 (70’ Marconi 5), Giosa 5, Cosenza 5, Ferreira 5, Tsonev 5 (69’ Arrigoni ng), Caturano 5, Pacilli 5 (46’ Lepore 5), Doumbia 5. Allenatore: Pasquale Padalino 5. Arbitro: Giua di Olbia 8. RETI: 29’ Mazzeo (Fg), 33’ Coletti (Fg), 53’ Deli (Fg). NOTE: ammoniti Vacca (Fg), Lepore (Le). Al 72’ il Lecce resta in dieci per l’infortunio di Arrigoni con sostituzioni già tutte effettuate. TOP Coletti (Foggia): realizza un gran bel gol con un tiro da distanza importante, senza nascondere la propria origine di centrocampista. PRECISO Nessun top nel Lecce: sembrava avessero cominciato col piglio giusto, ma è durato troppo poco perché il Foggia ha abbattuto le resistenze dei salentini. TRAVOLTI Mazzeo (Foggia): si infila negli spazi che il Lecce concede, e lasciarlo solo è pericoloso, perché colpisce. IN FORMA FLOP Nessun flop nel Foggia: hanno giocato tutti una bellissima partita, meritando il successo. Continuando così, arriveranno alla B. MERITEVOLI L’intera squadra del Lecce: giallorossi irriconoscibili. Incassati i due gol, hanno fatto davvero fatica a riprendersi. DELUDENTI
Altre notizie Foggia
Lunedì 24 Luglio 2017
Domenica 23 Luglio 2017
Sabato 22 Luglio 2017
Venerdì 21 Luglio 2017
Giovedì 20 Luglio 2017
Mercoledì 19 Luglio 2017
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.