LIVE Cosenza - Fidelis Andria 2-1: gli azzurri soccombono in Calabria. RIVIVI IL MATCH

di Nicola Massaro

Vittoria per il Cosenza che tra le mura amiche supera 2-1 la Fidelis Andria in uno scontro diretto importante in chiave play-off. Un match sbloccatosi per via di un errore commesso dai federiciani in difesa che favorisce Statella, autore dell’1-0. Poco dopo, poi, la partita si fa decisamente più in salita per gli ospiti che subiscono anche il raddoppio con Tedeschi. E così all’ultimo i pugliesi, dopo averci provato a lungo nella ripresa, siglano con Tito il goal del definitivo 2-1.

I padroni di casa si schierano in campo con il 4-3-3. Mister De Angelis ripropone dal primo minuto sulla mediana Caccetta e Mungo al fianco di Calamai, mentre in difesa è D’Anna a sostituire lo squalificato D’Orazio sulla fascia sinistra. Gli ospiti, dall’altra parte, rispondono con il consueto 3-5-2. Out i difensori Colella e Allegrini e il centrocampista Piccinni, infortunati. Non convocato, invece, l’attaccante Cruz per scelta tecnica. Mister Favarin, in virtù anche delle defezioni, conferma la formazione che ha battuto domenica scorsa l’Akragas. Unica novità sulla corsi destra a centrocampo con Tartaglia, reduce da una squalifica, che rileva Annoni.  

Nei primi minuti le due squadre si studiano, provando a creare azioni insidiose ma senza riuscire a pungere. A controllare principalmente la sfera, comunque, è la Fidelis Andria che pian piano cresce e acquisisce fiducia. Al 14’ proprio gli azzurri ci provano con Mancino che dalla sinistra impegna Perina, costretto a deviare la sfera. Passano, tuttavia, 10 minuti ed è il Cosenza a portarsi in vantaggio: incomprensione tra Rada e Pop, uscito con l’intento di bloccare la sfera, che favorisce Statella il quale evita l’intervento dello stesso portiere e con un preciso tiro sigla il goal dell’1-0. Classico goal dell’ex per lui. Poco dopo, sugli sviluppi di un corner, Tedeschi, in sospetta posizione di offside, trova il 2-0. I federiciani, a questo punto, accusano il doppio colpo. Al 29’ Mungo, in piena area di rigore, sfiora il raddoppio calciando la sfera direttamente fuori. La reazione degli ospiti stenta ad arrivare e così i padroni di casa provano a chiudere definitivamente i conti al 37’ con una conclusione potente di Corsi che si spegne alta sopra la traversa. Negli ultimi minuti della prima frazione la Fidelis torna a controllare la sfera con l’intento di provare a dimezzare lo svantaggio. Al 43’ Cianci, in area di rigore, approfittando di una lettura errata della difesa avversaria va al tiro, ma la palla finisce fuori. Termina così il primo tempo.

Ad inizio ripresa la prima a provarci è la Fidelis Andria con il rasoterra di Mancino che non desta preoccupazioni a Perina. Al 51’ lo stesso Mancino va via sulla sinistra e poi serve Cianci che con un zampata prolunga la traiettoria della palla, ma trova l’estremo difensore avversario pronto a bloccare al sfera. Al 56’ Aya crossa la sfera al centro verso Onescu che di testa costringe Perina ad intervenire per salvare i suoi. Andriesi più pericolosi, in questo frangente, in fase offensiva. Maggiore fatica, invece, per il Cosenza che intanto con l’entrata del difensore Pinna e l’uscita dell’attaccante Letizia passa dal 4-3-3 al 3-5-2, proprio per tentare di difendersi meglio. Cambi anche per la Fidelis Andria con Berardino che sostituisce Vasco e Volpicelli che prende il posto di Cianci. Al 77’ l’estremo difensore del Cosenza interviene nuovamente su un altro insidioso colpo di testa di Onescu, evitando ancora una volta che i federiciani dimezzino lo svantaggio. Passa qualche minuto e il Cosenza avrebbe l’opportunità di chiudere definitivamente i conti in contropiede: Statella serve Mendicino che a tu per tu con Pop calcia, ma il numero 12 azzurro si rifugia in angolo e mantiene il risultato in bilico. All’82’ l’arbitro annulla per offside la rete del 3-0 siglata da D’Anna. All’87’ i pugliesi dimezzano lo svantaggio con un tiro al volo di Tito che si insacca in rete. Poco dopo il terzino serve in area Croce che di testa spedisce la palla di poco fuori, alla destra di Perina. Termina di fatto così il match. Poco prima del triplice fischio il capitano della Fidelis Ramzi Aya viene espulso per proteste.

Torna al successo casalingo il Cosenza che supera, così, gli andriesi anche in classifica portandosi a +2. Insuccesso frutto di poca concentrazione e convinzione, specialmente nella prima frazione, per la Fidelis Andria che rimane a quota 41 in graduatoria. Nel prossimo turno le due compagini dovranno affrontare un altro match abbastanza insidiso: i cosentini saranno ospiti della Juve Stabia, mentre i federiciani, alla ricerca del riscatto, affronteranno in casa il Siracusa. 

COSENZA - FIDELIS ANDRIA 2-0: 

COSENZA (4-3-3): 1 Perina; 2 Corsi, 5 Tedeschi, 6 Blondett, 23 D’Anna; 27 Caccetta, 8 Calamai, 25 Mungo; 11 Statella, 16 Baclet (75' - 14 Mendicino), 9 Letizia (60' - 3 Pinna). (22 Saracco, 4 Capece, 7 Criaco, 10 Cavallaro, 13 Meroni, 18 Collocolo, 21 Ranieri, 26 Madrigali). All. De Angelis.

FIDELIS ANDRIA (3-5-2): ​12 Pop; 4 Aya, 6 Rada, 21 Curcio; 2 Tartaglia, 26 Onescu, 18 Vasco (64' - 20 Berardino), 10 Mancino, 24 Tito; 19 Cianci (66' - 7 Volpicelli), 11 Croce. (1 Lullo, 22 Cilli, 9 Fall, 15 Paolillo, 16 Minicucci, 17 Ippedico, 29 Annoni). All. Favarin.

Stadio: San Vito-Gigi Marulla. 

Arbitro: Raciti Francesco della sezione di Acireale

Assistenti: D’Annibale Alessandro di Marsala e Madonia Vincenzo di Palermo.

Indisponibili: D'Orazio (CO), Cruz (FA), Colella (FA), Allegrini (FA), Piccinni (FA).

Marcatori: 25' Statella (CO), 27' Tedeschi (CO), 87' Tito (FA).

Ammoniti: 16' Caccetta (CO), 59' Baclet (CO), 63' Cianci (FA). 

Espulsi: 94' Aya (FA). 

Angoli: 3 (CO) - 4 (FA). 

Cambio di sistema: Al 60' il Cosenza passa dal 4-3-3 al 3-5-2. 

Recupero: /

Spettatori: N.C.


Altre notizie Fidelisandria
Domenica 30 Aprile 2017
Sabato 29 Aprile 2017
Venerdì 28 Aprile 2017
Giovedì 27 Aprile 2017
Mercoledì 26 Aprile 2017
Martedì 25 Aprile 2017
Lunedì 24 Aprile 2017
Domenica 23 Aprile 2017
Sabato 22 Aprile 2017
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.