Menù Notizie

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio)

di Luca Marchetti
Foto Articolo

A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in Champions). Ecco perché ogni occasione è buona per poter poter parlare . Come ieri a Castevolturno dove il capitano azzurro ha incontrato nuovamente il suo allenatore, Giuntoli insieme anche a Mino Raiola, che si trovava in zona per motivi famigliari e ne ha approfittato andando a trovare anche gli altri suoi assistiti (leggi Manolas)
Nulla di definitivo, naturalmente. Una chiacchierata serena, di almeno un’ora. E a Castelvolturno c’era anche la famiglia di Lorenzo, tanto per dare un segnale di come il clima fosse comunque disteso. Da quello che è emerso non si è parlato di rinnovo: troppo presto ora, forse non conviene a nessuna delle due parti, in fin dei conti. Meglio in Primaveera quando le situazioni saranno ancora più chiare, anche riguardo alle possibilità che possono esserci per il giocatore (sempre che Lorenzo voglia prenderle in considerazione) e le prospettive del Napolistesso. Nel frattempo si deve pensae a questa stagione e cominciare a mettere a posto le prime pieghe con una bella stiratura.
Lo stesso discorso si può fare, e si farà, per i rinnovi. Soprattutto su quelli a scadenza. Perché (sebbene anche Allan e Zielinski siano due elementi fondamentali per il Napoli, in gioco potrebbe esserci anche un po’ di strategia da parte dell’entourage dei giocatori) la condizione di Mertens e Callejon è particolare. Sono la storia recente del Napoli e le offerte che sono arrivate ai loro procuratori sono sicuramente valide, almeno da quanto filtra ambiente societario. Addirittura per Mertens si parla di possibilità di arrivare a un triennale (una grande novità soprattutto per l’AdL pensiero) a cifre praticamente identiche a quelle attuali (circa 4 milioni di euro). Analogo discorso per Callejon (con due anni di contratto da firmare). Il problema qui è rappresentato dalle altre opportunità: e la Cina non può non far gola, dal punto di vista econommico. E per i due sarebbe il grande contratto con cui chiudere la carriera. Non si può certo chiedere al Napoli uno sforzo economico del genere (e infatti neanche i giocatori lo faranno), ma è bene ricordarsi che per firmare un contratto le volontà dovranno essere convergenti. E in questo dovrà dimostrare da un lato di essere convincente Giuntoli, dall’altro il prosieguo della stagione e il suo sapore potrebbero indirizzare le scelte.
Al Milan invece stanno facendo i conti, dopo l’approvazione del bilancio. E i conti dicono che di lavoro da fare per Elliot, Gazidis e la sua dirigenza forse è più duro di quello di Pioli. Il Milan ha una perdita di circa 150 milioni (148 per la precisione), frutto delle campagne acquisti di questi ultimi anni e dell’aumento del monte ingaggi (35 milioni di euro in più) contestualmente a un merchandasing che continua a calare. La mancanza da ormai 6 anni dalla Champions comporta infatti una contrazione di queste entrate. Non basterà quindi la solidità economica di Elliot per uscire da questa situazione. Contestualmente ci dovranno essere necessariamente dei risultati sportivi che possano riaccompagnare il Milan in un vortice positivo. Ma è tutt’altro che scontato mentre il rischio di dover ricorrere alla “scorciatoia” del mercato c’è eccome. Ma a quel punto significherebbe davvero ripartire da zero.
Un percorso che l’Inter ha fatto e sta continuando a fare, naturalmente avendo un anticipo (di tempo) rispetto al Milan. E che vivendo di fragili equilibri, non è certo finito. Ora l’infortunio di Sanchez potrebbe compromettere questa parte nevralgica della stagione. Avere a disposizione uno come lui in più sarebbe stato determinante. Conte dovrà far di necessità virtù per arrivare poi a gennaio e capire come eventualmente intervenire per continuare ad irrobustire una rosa che per il prossimo mese sarà privata anche di D’Ambrosio. Sta - in buona parte - qui la differenza con la Juventus. Un paio di infortunio possono mettere ancora più difficoltà al lavoro nerazzurro. Ecco perché a gennaio si proverà a vedere se il mercato potrà regalare all’Inter un centrocampista di sostanza (aggressivo e fisicamente “grosso”) e magari una punta in più per non correre troppi rischi anche nella seconda parte della stagione. È ancora presto per il mercato? Insomma...

Altre notizie
Martedì 07 Luglio 2020
13:45 Serie A Ribery tra due fuochi. Dopo il furto futuro incerto alla Fiorentina: deciderà la sua famiglia 13:42 Serie A Sassuolo, Carnevali: "Berardi come Boga, non parte. Locatelli ambito da club importanti" 13:38 Calcio estero Barcellona, Bartomeu: "Non mi pento dell'esonero di Valverde, Setien qui per restare" 13:36 Serie A Non solo Osimhen. Lille e Napoli, maxi-affare con 4 giocatori? Sul piatto anche Ghoulam 13:34 Calcio femminile UFFICIALE: Empoli Ladies, doppio colpo dal Tavagnacco: arrivano Polli e Miotto
13:30 Serie A TOP NEWS ore 13 - Rangnick si avvicina al Milan. Oggi scade la clausola di Lautaro 13:27 Serie A Setien allontana l'Inter da Vidal: "Ha un contratto col Barça e grandi opzioni di restare qui" 13:23 Serie A Sassuolo, Carnevali parla chiaro: "Il Napoli ha chiesto Boga. Ma è ufficialmente incedibile" 13:20 Serie A Domani Genoa-Napoli, i convocati di Gattuso: c'è Ospina, out Llorente, Koulibaly e Demme 13:19 Serie C Pres. Vis Pesaro: "Mercato? Acquisti dipenderanno dal rinnovo della partnership con la Samp" 13:15 Il corsivo Il lockdown ha indebolito la Lazio. Ma la Champions è già un capolavoro per Inzaghi 13:12 Serie A Bartomeu: "Messi è il migliore della storia: abbiamo il dovere di rinnovargli il contratto" 13:08 Altre Notizie Roma, nessuna lesione per Smalling: ma l'inglese starà fuori almeno 10 giorni 13:06 Calcio estero FOCUS TMW - Bundesliga, tutti i trasferimenti estivi: Claudio Pizarro si ritira dal calcio giocato 13:04 Serie A Setien: "Arthur ha già firmato con la Juve, la sua situazione al Barça non può essere la stessa" 13:03 Altre Notizie TMW RADIO - Sconcerti: "E' una Juve che ha raggiunto un compromesso con il proprio allenatore" 13:00 Serie A Verso Milan-Juve. Nel 2015 Sarri fu a un passo dai rossoneri: Berlusconi preferì Mihajlovic 13:00 Editoriale Juve: la rivincita di Sarri su quelli della "rivoluzione". Inter: Conte, il futuro e le scelte del club. Milan: arriva Rangnick, ma Pioli... Atalanta: i numeri non tornano 12:57 Serie A Bartomeu: "Stiamo lottando per giocare al Camp Nou il ritorno di Champions col Napoli" 12:53 Altre Notizie Fiorentina, esami strumentali per Benassi: si teme stiramento e stagione finita 12:49 Serie C Cesena, Agliardi: "La mia conferma è sempre più lontana. Ma spero ancora" 12:45 Serie A Ibra sfida CR7: 1272 gol in due in carriera. Stasera il tredicesimo scontro a distanza 12:42 Calcio estero Il calciomercato ai tempi dei... social: lo Spartak Vrna cerca un nuovo centrale via Facebook 12:38 Serie A Inter, Conte chiede mentalità ed esperienza: Dzeko e Vidal restano in cima alla sua lista 12:36 Serie A Milik, nuovi contatti tra l'entourage e la Juventus. Ma col Napoli non c'è ancora l'accordo 12:34 La scheda di Carlo Nesti Carlo Nesti: “Filosofie opposte nel futuro di Inter e Milan” 12:34 Serie B Monza, P. Berlusconi: "Ibra non è un sogno, ma lui ha fatto le sue scelte" 12:30 Serie A Bartomeu: "Lo scambio Arthur-Pjanic non c'entra nulla col bilancio, ha ragioni tecniche" 12:27 Serie A Roma, oggi giornata clou per il nuovo stadio: vertice tra la Raggi e gli uffici tecnici 12:23 Serie A Roma, Fonseca in discussione. Parma e Brescia decisive? Nel caso pronto Alberto De Rossi