Menù Notizie

Conte mai così: che succede? Inter quasi fuori. A Napoli c’è squadra e società: non c’era invece il rigore, e un po’ di tifosi... Juventus: contro l’Atletico già decisiva, ecco perché. Atalanta con obbligo di qualificarsi

di Tancredi Palmeri
Foto Articolo

Non era mai successo di vedere una squadra di Antonio Conte così. Chi scrive segue Conte da vicino da più di una decade, dal suo arrivo a Bari, e certo dalla Juve in poi non è certo un mistero da disvelare. Bene: mai una squadra di Conte aveva giocato in questa maniera, semplicemente non sua. Intendiamoci: si può giocare male, si può essere inconcludenti e lenti, e ovviamente i rivali possono essere semplicemente migliori.
Ma quello che è accaduto in Inter-Slavia Praga, e la concomitanza di fattori, semplicemente non sono un evenienza comune alle squadra di Conte. Parliamo per esempio dei lanci lunghi: l’Inter aveva cercato di attaccare così sin dall’inizio, addirittura quattro palle alte buttate a caso già al 20’. Diicasi: al ventesimo, non a 20 minuti dalla fine. E poi: la difesa bassissima, che nemmeno ci prova a salire, e il centrocampo che pure rimane passivo e basso, e per di più poco mobile, e come se non bastasse disordinato e disarmonico (disordinato e disarmonico un centrocampo di Antonio Conte! Eresia totale!). Per non parlare degli attaccanti piantati avanti senza accorciare, e della mancanza di reazione nel Secondo Tempo, il che è pure peggio dell’approccio sbagliato.

Che succede, Antonio? Troppi elogi, o una sottovalutazione degli step, o una sopravvalutazione di certi elementi (Lazaro deve ancora diventare qualcosa, per esempio)? Ma sta di fatto che l’Inter è già quasi fuori. Esagerati dite? Mica vero. Questa doveva essere la partita più facile del girone, ci sono davanti tutte e tre le trasferte, quelle a Barcellona e Dortmund sono proibitive, e questo pareggio in contemporanea in Borussia-Barcellona significa che l’Inter dovrà battere i tedeschi a San Siro (e passi) ma soprattutto dovrà fare risultato in una delle restanti tre con Dortmund e Barcellona, il che diventa sempre più difficile considerando il pareggio che rallenta i catalani.

Per fortuna che c’è il Napoli. Partita splendida, giocata per larghi tratti alla pari con il Liverpool, per poi esserle superiore. Vittoria meritatissima, e meno male che è arrivato il secondo gol, perché avrebbe avuto un sapore amaro il 2-0 ottenuto con un rigore inventato (furbo Callejon, ma onestamente non è bello vedere lo spagnolo andare a cercarsi l’impatto).
Il Napoli è una realtà magnifica, solo magnifica: forse ci siamo troppo abituati, ma non bisognerebbe mai farlo. Tenete a mente il budget dei partenopei, la lunga serie di acquisti azzeccati prima degli altri - solo in questa squadra i Fabian Ruiz, i Koulibaly, i Ghoulam, i Callejon fatti diventare grandi giocatori grazie alla scienza del Napoli. Una grande squadra. E un grande allenatore, che non importa se vinca o meno, perché nel trionfo finale ci sono tanti fattori che intervengono, ma un tecnico splendido nel giocarsi queste partite. Una grande società, che sa scegliere, costruire, programmare e dare seguito. E allora quando ci saranno dei grandi tifosi? Perché troppo facile parlare di passione smisurata per il Napoli, quando poi non si è capaci di mettere nemmeno 60mila spettatori allo stadio per una partita contro il Liverpool (a San Siro ce n’erano 65mila contro lo Slavia Praga!). I napoletani chiedono e pretendono dalla squadra e dal presidente: ma loro (non i 50mila al San Paolo) quando daranno? Perché così è troppo facile parlare.

Deve dare subito invece la Juventus: a Madrid contro l’Atletico è già decisiva. Ecco perché: il gruppo della Juve propone insidie fastidiose ma ovviamente abbordabili contro Leverkusen e Lokomotiv Mosca. Ovvio che la sfida, non per qualificarsi ma proprio per il primo posto, sia con l’Atletico. E gli scontri diretti decideranno: non perdere al Wanda Metropolitano sarebbe una mezza ipoteca sul primo posto, diversamente tornare sconfitti costringerebbe alla vittoria a Torino, e se la disfatta dovesse essere larga, la stagione della Juventus potrebbe gettare allora a Madrid il seme della discordia. Perché arrivando secondi poi agli Ottavi si potrebbe pescare una inglese o spagnola, inviolabile nel proprio stadio. Può sembrare un discorso affrettato, ma pensate a quando nel 2016 si sottovalutò il secondo posto, e si finì per uscire agli Ottavi contro il Bayern di Guardiola…
A Madrid serve una intensità che la Juve finora non ha mai avuto nelle prime partite: partita di lotta, non di fioretto. E anche se hai le tue caratteristiche, da certe battaglie non puoi sottrarti.

E non si può sottrarre alla responsabilità l’Atalanta. Sì, proprio responsabilità: è vero, è il debutto, ed è tutto rose e fiori. Ma il sorteggio è stato un regalo del destino, una carezza verso gli innocenti della competizione. Tolto il City (che verrà in casa a Milano purtroppo alla quarta giornata, quando ancora non sarà matematicamente qualificato), contro la Dinamo Zagabria e uno Shakhtar indebolito l’Atalanta ha l’obbligo di qualificarsi. Non basta fare bella figura: è una occasione storica ma soprattutto propizia che potrebbe non capitare mai più. Il cielo ha messo le ali nell’urna di Nyon dell’Atalanta: e gli dei si arrabbiano con chi non utilizza le ali che gli sono donate…

Altre notizie
Venerdì 03 Luglio 2020
13:21 Serie A Tonali dopo Hakimi: per i lettori di TMW all'Inter adesso serve il centrocampista del Brescia 13:19 Calcio femminile Milan femminile, pronto un tris d'arrivi dall'estero: Grimshaw, Dowie e Rask 13:15 Serie A Quanti giocatori dovrà cambiare il Napoli nella prossima stagione? 13:15 Serie A LIVE TMW - Lazio, alle 13.30 le parole di Inzaghi alla vigilia del Milan 13:12 Calcio estero Mundo Deportivo, Messi interrompe la trattativa per il rinnovo: il club nega
13:08 Calcio estero Liverpool, in arrivo il primo regalo per la vittoria della Premier: Thiago Alcantara dal Bayern 13:06 Serie A SONDAGGIO TMW - Crisi Federico Chiesa, quale futuro attende la stella della Fiorentina? 13:04 Serie B Monza, contatti con Pazzini per l'attacco. Il centravanti è in scadenza con l'Hellas 13:00 Serie A Perché nessuno vuole comprare De Paul, scommessa per le big e troppo costoso per le altre 12:57 Serie A Domani Sassuolo-Lecce, i convocati di Liverani: tanti giovani. C'è Farias, ancora out Lapadula 12:53 Serie A Juve, Alaba sempre di moda. Ma se non rinnova col Bayern, l'austriaco preferisce la Liga 12:49 Serie B Rosina annuncia l'addio al calcio: "Dico stop, ora comincia una nuova vita" 12:45 Serie A Il vuoto di potere della Roma soffoca la squadra. Ma ogni anno è la stessa storia 12:42 Altre Notizie Milan, Ibrahimovic punta la Juve: titolare martedì contro i bianconeri? 12:40 Serie A Bellissimo saluto di Hakimi al Real Madrid: "Non è un addio, sarà per sempre la mia casa" 12:38 Calcio estero VIDEO - Reti bianche nello spareggio salvezza in Bundes: Werder-Heidenheim 0-0 12:34 Serie B Livorno, Spinelli risponde a Lupo: "Non dica fesserie. Dei titolari solo Marras è andato via" 12:30 Serie A New York Times - Ramadani-Fiorentina, gli accordi segreti prima dell'arrivo di Commisso 12:27 Calcio estero Bayern Monaco, Sané: "Voglio vincere tutto con questo club, la Champions è un sogno" 12:23 Calcio estero VIDEO - Tottenham-Sheffield 1-3, gli highlights della gara 12:19 Serie C Catania, Lucarelli: "Vogliamo stupire sul campo, senza farci distrarre dai fattori esterni" 12:15 Serie A Le pagelle di Perotti - Inqualificabile. Disonora la fascia da capitano con un fallo criminale 12:12 Serie A Bologna, il Sindaco di Ravenna: "Nostro stadio disponibile. No a progetto transitorio" 12:10 Serie A Il Milan avrebbe meritato di più: tutti gli expected goals del 29esimo turno 12:08 Serie A Juve, rinnovo Dybala: le parti vogliono arrivare alla fumata bianca. Richiesto contratto top 12:04 Serie C Palermo, spunta anche il nome di Scienza per la panchina 12:00 Serie A Le pagelle di Lozano - L'unico vispo. Crea scompiglio. Che sia arrivato il suo momento? 11:57 Calcio estero Bayern Monaco, Kahn: "Sané un top player, con lui restiamo all'avanguardia in Europa" 11:55 Serie A VIDEO - Roma-Udinese 0-2, gli highlights: a segno Lasagna e Nestorovski 11:53 Serie A Milan, la tentazione per Pioli in vista della Lazio si chiama Ibrahimovic