Menù Notizie

Mirko Graziano: "Juve, sarà difficile sostituire Matuidi. Adesso è l'Inter di Conte"

di Redazione TMW
Fonte: radio Bianconera
Foto Articolo

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Stile Juventus’, è intervenuto il giornalista del Corriere della Sera Mirko Graziano:
“Matuidi? È fondamentale, è il tipo di giocatore che è stato importantissimo per la Juventus. Non è un caso che le migliori prestazioni juventine siano coincise con la sua presenza in campo. È un giocatore di un’intelligenza superiore e sarà difficile sostituirlo. Serviranno altri giocatori per coprire quel tipo di lavoro che faceva lui”.

Sull’Inter: “Ha le carte in regola per arrivare in fondo, la prossima semifinale se la giocherà con una squadra alla portata. L’Inter è arrivata bene fisicamente, quando è tornata al 3-5-2 è tornata contiana. È una squadra che crea tanto, ma spreca anche tanto. Questo è il grosso problema. Ma quando hai Conte in panchina sai che la tensione non cala mai. Lo sfogo? Lui è sempre stato così, anche alla Juventus, ma magari doveva sfogarsi su fattori esterni perché la Juventus era un orologio. Lui è un uomo molto vero, tutto ciò che prova traspare. Nel momento in cui non si è più sentito di dare quello che poteva dare ha lasciato la Juventus, i bianconeri potevano scegliere tra Allegri e Mancini e alla fine hanno scelto il primo, vincendo per anni. Conte è così, prendere o lasciare. Vorrebbe che tutto funzionasse alla perfezione, a volte sconfina in cose che non gli competono, ma l’Inter veniva da dieci anni anonimi, ha fatto 82 punti, accorciando il divario dalla Juventus. Secondo me questa Inter non era più forte di quella dell’anno scorso, quindi molto è dipeso da Conte”.

Su Sarri e Pirlo: “Sarri è un grande allenatore sul campo, per caratteristiche poco si sposa con la Juventus in generale. È stato un rapporto difficile, ma comunque ha portato a casa uno Scudetto e non era semplice. Ha fatto il suo, è in media con gli altri allenatori. Non mi piace neanche il discorso sui demeriti degli avversari: l’Inter è crescita di 15 punti, l’Atalanta anche è migliorata tanto ed è ancora in corsa in Champions. Ma ho capito la scelta di Agnelli, non essendo convinto dall’inizio ha preso la palla al balzo. Ha fatto una scelta coraggiosa, se è geniale ce lo dirà il tempo, ma ha evitato la manfrina della scorsa stagione. Zidane è stato sondato anche questa volta, anche l’anno scorso Sarri non era la prima scelta”.


Stile Juventus, rubrica sul mondo Juve a cura di Nicola De Bonis. In Studio Nicola De Bonis. Skype: Quintiliano Giampietro Ospiti: Nicola Amoruso e Mirko Graziano
Altre notizie
Lunedì 28 Settembre 2020
01:45 Calcio estero Il Benfica annuncia: principio d'accordo per Ruben Dias al Manchester City. Costerà 68 milioni 01:00 Serie A Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e ufficialità del 27 settembre 00:57 I fatti del giorno Pirlolandia sbatte sulla Roma: la Juve si aggrappa a Ronaldo e non va oltre il 2-2 00:54 I fatti del giorno Due punti persi o uno guadagnato? La Roma convince ma non vince, Fonseca non può sorridere 00:51 I fatti del giorno Il Milan non si ferma: 17 risultati utili consecutivi, ora l'assalto all'Europa
00:48 I fatti del giorno Passi in avanti, ma l'attacco ancora non gira: al Crotone servono rinforzi di qualità 00:45 I fatti del giorno Dalle stelle alle stalle: in una sola settimana mister Maran ha già provato i due volti del Genoa 00:42 I fatti del giorno Due su due per il Napoli: Gattuso si gode Lozano sperando di non perdere Koulibaly e... Insigne 00:39 I fatti del giorno L'Udinese inizia col piede sbagliato: ko a Verona, bisogna ripartire dalla qualità di De Paul 00:37 I fatti del giorno Il Verona di Juric non sbaglia: altri tre punti contro l'Udinese, nonostante le assenze 00:36 Serie A Hauge ammette: "Il Milan? Ci sono dei contatti, ma l'offerta deve accontentare il club" 00:35 I fatti del giorno Sassuolo, che poker allo Spezia: De Zerbi si gode i gol del suo reparto offensivo 00:33 I fatti del giorno Spezia, prima in Serie A amara per gli Aquilotti: ma l’atteggiamento è quello giusto 00:30 Serie A TOP NEWS Ore 24 - La Juventus si ferma a Roma. Fonseca sicuro: "Dzeko è sereno" 00:27 Altre Notizie Toni: "Bravo Conte a lamentarsi l'anno scorso, ora ha un'Inter veramente forte" 00:23 Serie A Milan, Pioli: "Giocatori professionali, ora due gare importanti. Col Rio Ave uno spareggio" 00:19 Calcio estero Leicester, Rodgers: "Non ero mai riuscito a battere Guardiola, prestazione e risultato speciali" 00:18 Serie A TMW RADIO - Bucchioni: "Juve, servivano Dzeko e Locatelli. Male i cambi di Pirlo" 00:17 Calcio estero Lione, Aulas allontana Umtiti e assicura: "Nessuna offerta del Barça per Depay" 00:15 Serie A Milan, dall'Inghilterra: testa a testa con il Manchester United per Alex Luna 00:14 Serie A Juventus, Pirlo: "Bentancur e Arthur sono entrati bene. Danilo non è qui per caso" 00:12 Calcio estero Lione, Garcia: "Partenza che non mi soddisfa. Ma è colpa mia se non abbiamo vinto" 00:10 Calcio estero Barcellona, Koeman stizzito: "Suarez? Non ci interessa cosa fa in altre squadre" 00:08 Serie A Napoli, Gattuso: "Ci mancava uno come Osimhen! Il 6-0 al Genoa è eccessivo" 00:07 Serie A TMW RADIO - D'Agostino: "Mi sembra la Juve di un anno fa. Inter favorita per lo Scudetto" 00:06 Serie A Juventus, Arthur: "Felice per il mio debutto in Serie A, buon lavoro di squadra" 00:04 Serie C Pres. Virtus Francavilla: "Oggi irriconoscibili. Le voci su Perez? È un professionista" 00:03 Serie A Veretout dopo Totti: l'ultima doppietta giallorossa in Roma-Juventus era del Pupone 00:02 Serie A Juventus, CR7 pensa positivo: "Con questo spirito collettivo saremo più forti che mai!" 00:00 Editoriale -7 alla fine. I numeri delle big: 4 Inter, 3 Juventus, 3 Napoli... Equivoco Toro. Genoa, salvati da Balotelli